Supercross | Atlanta #1 2021, Sexton (Honda): “Ho pensato che fosse la mia occasione, ho corso col cuore”

DichiarazioniDichiarazioni Supercross
Tempo di lettura: 2 minuti
di Federico Benedusi @federicob95
12 Aprile 2021 - 21:27

Seguono le dichiarazioni di Chase Sexton al termine del Supercross di Atlanta #1 2021

Nel Supercross di Atlanta #1 Chase Sexton ha finalmente conquistato il suo primo podio nella classe 450cc, con un secondo posto che ha lasciato un po’ di amaro in bocca per come è maturato ma che al contempo avrà sempre una grande importanza nella carriera del pilota Honda.

Passato al comando dopo la caduta di Aaron Plessinger, Sexton ha gestito il suo vantaggio su Eli Tomac fino alla fine del penultimo giro, quando lo sfortunato doppiaggio di Cade Clason ha spalancato le porte al campione in carica. Sexton non è riuscito a reagire e nell’ultimo giro ha badato a conservare l’importante piazzamento che lo ha lanciato definitivamente nell’Olimpo dei migliori crossisti d’America.

Dopo l’infortunio di Houston #2 e la nuova batosta, per fortuna senza gravi conseguenze, rimediata ad Arlington #3, Sexton ha confermato di essere in un ottimo stato di forma e questo rappresenterà un grande vantaggio per lui in vista del finale di campionato ma anche del prossimo National.

“Atlanta #1 è iniziata molto bene. Mi sono qualificato secondo e dunque ho avuto accesso alla prima heat. Poi ha piovuto per circa quattro ore e le seconde qualifiche sono state cancellate. Certamente avrei preferito fare un giro di prova prima della heat, per vedere le condizioni della pista. Nella batteria ho recuperato dal decimo al terzo posto, sento di avere guidato bene. Arrivando al main event ho pensato che potessi vincere se fossi riuscito a partire bene.

Sono scattato molto forte e ho messo assieme molti giri competitivi. Ho passato Webb, poi Plessinger è caduto e mi sono ritrovato al comando. Da quel momento ho pensato che questa fosse la mia occasione, ho guidato con tutto il mio cuore. Ho profuso un grande sforzo e quando Tomac mi ha raggiunto ero un po’ a corto di energie, sono stato anche un po’ sfortunato. Questo risultato mi dà comunque molta motivazione per le prossime gare. Ora ho un’idea di cosa significhi correre al comando, aspetto con ansia le prossime due gare di Atlanta, nelle quali cercherò di riprendermi quella prima posizione”.

Immagine di copertina: Honda Media Site

Lascia un commento