MXGP | GP Pietramurata, Gajser: “Quattro titoli mondiali, sono senza parole!”

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Seguono le dichiarazioni di Tim Gajser (Honda) dopo il GP Pietramurata MXGP


Obiettivo centrato. Con il secondo posto nella prima manche del Gran Premio di Pietramurata ad Arco di Trento, Tim Gajser si è laureato per la quarta volta campione del mondo di motocross, la terza nella classe MXGP.

Un titolo arrivato con un round d’anticipo sulla fine ma molto più sudato di quanto i numeri non dicano. Per il 24enne sloveno la prima parte di stagione è stata alquanto complicata, prima per il dominio di Jeffrey Herlings bruscamente arrestatosi a Faenza #2 e poi per una costanza di risultati che sembrava non voler arrivare.

Tutto è cambiato con il terzo posto nella seconda manche di Mantova #2. Da quel momento è infatti iniziata una serie di 12 podi di manche consecutivi che si è arrestata solo domenica scorsa con un quarto posto e che con l’appuntamento di ieri è puntualmente ripartita.

Tanta paura per l’incidente di gara-2 con Jeremy van Horebeek, letteralmente trascinato per una gamba da Gajser per qualche metro. Nulla di rotto per il belga, che potrà assistere tranquillamente alla nascita dei due figli gemelli in programma per questi giorni. Dopo la bandiera rossa, Gajser è invece ripartito con un volto preoccupato che all’abbassarsi del cancelletto ha invece lasciato spazio alla solita determinazione: una vittoria netta, degna di un campione.

“Essere campione per la quarta volta è una sensazione incredibile. Vincere una volta è fantastico, ma arrivare a quattro… sono senza parole. La stagione è stata strana, a causa del Covid-19 e della conseguente pausa tra il secondo e il terzo round, ma alla fine tutto è andato al suo posto e abbiamo portato a casa un altro titolo!

Le gare sono state belle, nella prima manche non sono partito bene ma ho recuperato e sono arrivato secondo, quindi se avessi vinto gara-2 avrei conquistato anche il Gran Premio. Ho preso l’holeshot e ho battagliato con Febvre per quasi tutta la gara. Ho spinto al massimo per tutto il tempo e sono felicissimo di avere vinto l’assoluta e il titolo nella stessa giornata. Un grande ringraziamento va a tutta HRC, ci sono tante persone coinvolte che non hanno potuto essere qui e dunque un grazie va a loro e a tutti coloro che mi hanno supportato durante l’anno. Correre per questo team è un privilegio e apprezzo ogni singola persona che lavora con me”.

Immagini: HRC

ULTIMI ARTICOLI

MONOPOSTO by SAURO

Avatar of Federico Benedusi
Federico Benedusi
From Ostiglia, provincia di Mantova. Aspirante giornalista e appassionato di sport sin da bambino. Tante, forse troppe le categorie di motorsport che seguo, ma il mio sempre crescente desiderio di conoscere mi impone questo...

ALTRI DALL'AUTORE