Zanardi operato alla testa all’ospedale di Siena. Condizioni gravi, domattina nuovo bollettino

SEGUICI

Telegram | Canale News

Telegram | Gruppo Discussione

Twitter

Instagram

Sono molto gravi le condizioni di Alex Zanardi dopo l’incidente in cui è rimasto coinvolto oggi pomeriggio nei pressi di Siena alla guida della sua handbike, mentre era impegnato in una tappa della staffetta di Obiettivo Tricolore.

Zanardi è stato operato d’urgenza in serata all’ospedale “Santa Maria alle Scotte” di Siena, dove è stato trasportato in elisoccorso dopo aver ricevuto le prime cure sul luogo dell’incidente, la Statale 146 nel comune di Pienza, nella stessa provincia toscana. L’intervento è terminato attorno alle 21.30 ed è durato due ore. Ora Zanardi si trova nel reparto di terapia intensiva.

L’ex pilota è stato sottoposto ad un delicato intervento di neurochirurgia alla testa dopo una prima valutazione dell’equipe medica, dalla quale sono emerse le condizioni gravissime per il forte trauma cranico subito nell’impatto con il mezzo pesante, con Zanardi che ha successivamente battuto la testa pesantemente perdendo anche il casco.

Questo il testo del primo bollettino bollettino, rilasciato poco prima delle 20: “E’ ricoverato in condizioni gravissime al policlinico Santa Maria alle Scotte Alex Zanardi, pilota automobilistico, paraciclista e conduttore televisivo, rimasto coinvolto in un incidente stradale in provincia di Siena. Zanardi è stato trasportato con l’elisoccorso Pegaso ed è atterrato all’ospedale di Siena alle ore 18. E’ stato subito preso in cura dai professionisti del Pronto Soccorso, valutato in shock room e le sue condizioni sono gravissime per il forte trauma cranico riportato ed è al momento sottoposto ad un delicato intervento di neurochirurgia”.

Il direttore del Pronto Soccorso, Giovanni Bova, ha parlato di “condizioni di estrema gravità” nel corso di una breve intervista rilasciata fuori dalla struttura, quando l’intervento era ancora in corso. Il prossimo bollettino medico è atteso per la mattinata di domani. La moglie Daniela è giunta in ospedale attorno alle 21 senza rilasciare – ovviamente – alcuna dichiarazione, dopo aver assistito Zanardi già sul luogo dell’incidente.

A parlare della dinamica è stato Mario Valentini, Commissario Tecnico della squadra nazionale di Paraciclismo. Riportiamo le sue parole rilasciate a Radio Capital: “C’è un rettilineo lungo, in discesa, al 4%, dicono che si sia imbarcato e abbia preso un autotreno sul montante davanti. L’autotreno si è spostato di un metro ma l’ha preso uguale. Non c’ero, ero staccato. Era una giornata di sole, tutti contenti, eravamo a 20 km da Montalcino. Non ha sbagliato l’autotreno, ha sbagliato Alex, ha imbarcato. Sulla salita gli ho fatto vedere l’aranciata, mi ha urlato dammene un po!. Si scherzava, e in discesa andava piano, non era una grande discesa, e poi c’era il rettilineo, all’imbocco della curva ha cambiato traiettoria. E ha fatto una manovra azzardata. Ha preso con la leva della pedivella sinistra il montante dove salgono gli autisti, ha girato due-tre volte, il casco non ha retto, gli è saltato. C’è voluto per far arrivare l’elicottero, siamo in mezzo a un bosco e hanno dovuto spostarlo. Dall’incidente ai soccorsi sono passati venti minuti, ma c’è voluto molto per metterlo su, lo assisteva la moglie. Ma dopo l’incidente parlava. Sull’ambulanza non lo so”.

Intanto è unanime e sentitissimo il sentimento di speranza per le sorti di Zanardi. Fan, appassionati, personaggi del mondo dello sport e dello spettacolo stanno riempiendo i social con i loro messaggi di positività, in attesa di buone notizie dall’ospedale di Siena.

Seguiranno aggiornamenti. Forza Alex.

Immagine: Twitter/BMW Motorsport

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

Zanardi operato alla testa all'ospedale di Siena. Condizioni gravi, domattina nuovo bollettino 2
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE