WTCR | Robert Huff non parteciperà agli ultimi due round del campionato 2022

di Federico Benedusi @federicob95
8 Novembre 2022 - 18:58

Il vincitore del WTCR Trophy non sarà al via in Bahrain e in Arabia Saudita per “mancanza di risorse”


A pochi giorni dall’inizio del rush conclusivo del WTCR 2022, Robert Huff ha annunciato il suo forfait per i Gran Premi di Bahrain e Arabia Saudita. Il pilota del team Zengő Motorsport non guiderà la sua Cupra negli ultimi due appuntamenti della stagione e non difenderà quindi il suo terzo posto in campionato, conquistato in Francia contestualmente alla vittoria del WTCR Trophy.

Il titolo indipendenti è arrivato con due eventi d’anticipo grazie, di fatto, alla rivisitazione del calendario che ha portato alla perdita di uno dei tre round ancora in programma da schedule originaria. Se il traguardo raggiunto aveva assunto grande importanza alla luce del supporto nullo offerto da Cupra a Zengő, la gioia è stata sicuramente affievolita dal fatto di non poter prendere parte ai due appuntamenti conclusivi.

Huff, in un lungo post sui suoi social, ha parlato di una generica “mancanza di risorse”. Motivazione che può coprire una vasta gamma di tematiche: da un budget finito inaspettatamente prima del tempo ad una scarsità di preparazione per le gare di Sakhir e Jeddah, la ragione precisa di questo doppio forfait non è chiara e probabilmente non sarà mai definita appieno. Al suo posto, ad ogni modo, tornerà a correre nel WTCR l’ungherese Bence Boldizs.

Ecco le parole del campione del mondo 2012: “Con grande dispiacere comunico la mia decisione di non partecipare all’appuntamento del Bahrain del FIA WTCR, questo fine settimana. Non è stata una decisione facile da prendere dopo una stagione così incredibile, con la terza posizione in classifica e la vittoria del trofeo indipendenti, tuttavia a causa delle correnti difficoltà del team Zengő Motorsport questa è l’unica opzione possibile.

Come team non abbiamo le risorse necessarie per portare in pista la vettura questo weekend e purtroppo, io come il mio ingegnere e la mia squadra di meccanici, non abbiamo avuto la possibilità di prepararci per quello che sarebbe stato uno dei più importanti weekend dell’anno. Non abbiamo avuto altra scelta che ritirarci. Sono estremamente dispiaciuto di non poter lottare per il titolo e tutti quelli che mi conoscono sanno che ho esplorato ogni possibilità prima di arrivare a questo punto.

Colgo l’occasione per ringraziare tutti coloro che hanno fatto parte del team Zengő Motorsport quest’anno, specialmente i miei meccanici e i miei ingegneri che hanno svolto un duro lavoro. Sono estremamente deluso per questa decisione. Buona fortuna a tutti quelli che prenderanno parte agli ultimi due round di quest’anno, spero di rivedervi nel paddock nel 2023!”.

Nel corso del 2022, nonostante un programma messo assieme in extremis, Huff ha conquistato due vittorie e cinque podi. Un bottino di tutto rispetto viste le premesse, che ha senz’altro confermato come il campione di Cambridge, a quasi 43 anni, abbia ancora tanto da dare alle competizioni turismo.

Immagine copertina: fiawtcr.com