WTCR | Marrakech: Guerrieri dalla pole alla vittoria in gara-1

Dopo la pole position conquistata nel primo pomeriggio, Esteban Guerrieri si è aggiudicato anche la corsa d’apertura del WTCR 2019 a Marrakech. L’argentino ha gestito al meglio la partenza, controllando gli attacchi di Thed Björk, mantenendo poi il comando della corsa per tutti i 18 giri previsti in gara-1. Lo svedese ha portato subito la nuova Lynk 03 sul podio precedendo la seconda Honda del team Münnich di Néstor Girolami, impegnato in un paio di duelli corpo a corso durante la gara.

Sotto la bandiera a scacchi è stato Jean-Karl Vernay a transitare per terzo, ma la Direzione Gara lo ha giudicato colpevole di un contatto con Andy Priaulx assegnandogli cinque secondi di penalità. Il francese del team Leopard WRT è scivolato così settimo. Analoga sorte è toccata a Mikel Azcona, autore di un’azione analoga ai danni di Norbert Michelisz e retrocesso da nono a 16° con la stessa sanzione.

Ottimo il quarto posto di Gabriele Tarquini, che è rimasto lontano dai guai e ha portato a casa punti importanti per la classifica. Il campione del mondo è stato l’unico faro di una giornata difficile per Hyundai, che oltre all’abruzzese ha portato a casa un decimo posto con Nick Catsburg e un 11° con Michelisz, mentre Augusto Farfus ha chiuso solo 14°.

Il rientro nel mondiale turismo di Andy Priaulx si è concluso con un convincente quinto posto, che sarebbe stato con tutta probabilità un terzo senza la rischiosa manovra di Vernay. Al volante della Lynk si è ben calato anche Yann Ehrlacher, ottavo, mentre Yvan Muller ha concluso fuori dalla zona punti in 18esima posizione. Per il vice-campione in carica si è resa necessaria la sostituzione del motore dopo la rottura della coppa dell’olio verificatasi in qualifica; partito dalla pit lane, per oggi il quattro volte iridato si è limitato a percorrere chilometri con la nuova vettura.

Nono posto per l’Alfa Romeo con Kevin Ceccon, mentre Ma Qinghua è stato costretto ad un prematuro ritiro. Tra i protagonisti della gara anche Daniel Haglöf, costretto però ad una sosta ai box mentre si trovava in ottava posizione. 12° posto per la migliore delle Volkswagen, quella di Robert Huff, mentre due delle altre tre Golf, quelle di Johan Kristoffersson e Mehdi Bennani, si sono fermate nei primi giri.

Domani, alle ore 12:00 italiane, si svolgerà la qualifica che determinerà la griglia delle altre due gare del weekend, al via nel tardo pomeriggio.

CRONACA

Prima del via: l’incidente nelle qualifiche ha reso inservibile il motore della Lynk di Muller. La sostituzione dell’unità costringe il francese a partire dal fondo. Al fine di evitare il caos della partenza, il quattro volte iridato decide di partire dalla pit lane.

Partenza: Guerrieri, dal lato sporco della pista, viene affiancato subito da Björk ma riesce a difendere la prima posizione all’interno della prima curva. Ottimo anche lo spunto di Priaulx, che salta Girolami; l’argentino tuttavia non demorde e cerca di riprendersi la terza piazza, arrivando al contatto con il britannico alla curva 3. La Honda si scompone e apre la porta sia a Priaulx che a Vernay. Seguono Tarquini, Monteiro, Haglöf, Ehrlacher, Michelisz, Catsburg, Azcona e Ceccon. Nelle retrovie si verifica un pesante scontro tra Coronel e Bennani alla chicane 4-5, che mette fine alla gara di entrambi.

Giro 2: anche Kristoffersson è costretto allo stop, debutto sfortunato nel WTCR per il due volte vincitore del titolo WRX.

Giro 3: Azcona supera Catsburg per l’11esima posizione.

Giro 6: Vernay vede un varco all’interno di Priaulx alla curva 1 ma l’attacco si rivela troppo ottimistico. Il francese scavalca il britannico, che viene sopravanzato anche da Girolami e Tarquini, ma poco dopo verrà penalizzato di cinque secondi.

Giro 8: rientra anche Ma, ritiro anticipato per il pilota cinese al volante dell’Alfa #55. Va meglio alla Giulietta di Ceccon, che sopravanza Catsburg alla curva 1.

Giro 10: gara finita per Panis, che rallenta e rientra ai box.

Giro 11: alla prima staccata, Azcona colpisce Michelisz in traiettoria interna, tradito forse da una frenata leggermente anticipata dell’ungherese. La Hyundai #5 scivola anche alle spalle di Catsburg e Ceccon, mentre il basco viene penalizzato.

Giro 13: alla curva 3, Langeveld colpisce Farfus e danneggia una sospensione mettendo fine alla sua corsa. Si ferma ai box anche Haglöf, che riprende la via della pista in ultima posizione.

Giro 16: Tassi sbaglia la frenata della curva 1 e va ad appoggiarsi contro le barriere esterne, ma riparte.

Giro 18: Guerrieri vince gara-1 a Marrakech davanti a Björk. Vernay è terzo ma penalizzato, Guerrieri eredita il gradino più basso del podio davanti a Tarquini. Priaulx termina quinto, sesto Monteiro e quindi Vernay. Ehrlacher, Ceccon e Catsburg completano la top ten dopo la penalità di Azcona, nono al traguardo.

CLASSIFICA

WTCR | Marrakech: Guerrieri dalla pole alla vittoria in gara-1 1

Immagine copertina: fiawtcr.com

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

925FollowersFollow
1,701FollowersFollow
WTCR | Marrakech: Guerrieri dalla pole alla vittoria in gara-1 3
Federico Benedusi
From Ostiglia, provincia di Mantova. Aspirante giornalista e appassionato di sport sin da bambino. Tante, forse troppe le categorie di motorsport che seguo, ma il mio sempre crescente desiderio di conoscere mi impone questo...

NEWSLETTER

Resta aggiornato su P300.it iscrivendoti alla nostra mailing list

ALTRI DALL'AUTORE