WTCR | GP Slovacchia: in gara-2 Tom Coronel torna al successo dopo quattro anni

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Brutto incidente per Girolami all’ultimo giro, Ehrlacher limita ancora i danni


A distanza di quattro anni dal Gran Premio del Portogallo del 2016, Tom Coronel è tornato al successo nel mondiale turismo. Nella seconda manche del WTCR allo Slovakia Ring, l’olandese del team Audi Comtoyou ha conquistato anche la sua prima vittoria al volante di una vettura TCR, confermando il suo ruolo di outsider in questa incerta stagione 2020. Interrotto anche un digiuno di podi che durava da Macao 2017, quasi tre anni.

Partito dalla settima casella della griglia invertita, Coronel ha sfruttato il trambusto delle prime curve tra i piloti che partivano davanti a lui per risalire subito al secondo posto. Quindi ha inseguito Esteban Guerrieri per qualche giro prima di affondare l’attacco all’ultima curva al termine del nono passaggio. Un sorpasso aggressivo che ha aperto la porta anche a Gilles Magnus, secondo sotto la bandiera scacchi e sempre più il miglior rookie della categoria.

Guerrieri, ritrovatosi al comando al termine del primo giro, ha comunque portato a casa un terzo posto e 16 punti importanti per la classifica. Non è andata bene al suo compagno di squadra Néstor Girolami, partito dalla pole ma rimasto coinvolto in un doppio contatto con Jean-Karl Vernay: il primo alla prima curva, che gli è costato una piccola escursione e diverse posizioni, il secondo all’ultimo giro, con un pauroso incidente come conseguenza; la Honda #29 è stata proiettata contro la barriera interna nel rettifilo tra le curve 1 e 2, danneggiandosi pesantemente nella parte sinistra. Illeso il pilota argentino, che però probabilmente non sarà al via di gara-3 per i danni riportati dalla sua Civic.

Vernay ha ereditato la quarta posizione precedendo Mikel Azcona dopo una lunga battaglia. Il francese al volante dell’Alfa Romeo ha subito diversi contatti durante il primo giro, scivolando ottavo, ma non si è dato per vinto e ha recuperato a suon di sorpassi. Molto bello, in particolare, quello all’esterno della curva 1 al 10° giro ai danni dello stesso Azcona e di Nick Catsburg. L’olandese della Hyundai ha concluso sesto davanti a Norbert Michelisz.

Yann Ehrlacher ha limitato ancora una volta i danni recuperando fino all’ottava posizione davanti a Yvan Muller e Tiago Monteiro. Con lo zero di Girolami, il vantaggio del giovane alsaziano del team Lynk Cyan Racing è nuovamente aumentato in classifica.

Sfortunato Gabriele Tarquini, che al primo giro è rimasto coinvolto in un contatto con Attila Tassi alla curva 2. L’ungherese ha perso il controllo della sua Honda a causa di una toccata precedente con Michelisz, carambolando contro la Hyundai #30. L’incidente ha richiesto l’intervento della safety car. Nei contatti della prima curva ha perso tante posizioni anche Santiago Urrutia, partito terzo e solo 15° al traguardo.

Occasione persa anche per Luca Filippi, che doveva partire dalla prima fila ma a pochi minuti dal giro di ricognizione è stato riportato ai box per un problema al motore della sua Alfa Romeo. Ritirato Nathanaël Berthon, vincitore di gara-1 e poleman di gara-3.

Il successo di Coronel si è rispecchiato anche nella classifica indipendenti, con Magnus e Vernay a completare il podio.

Ehrlacher ha ora 107 punti nella classifica generale e il suo primo inseguitore è proprio Coronel con 82, poi Girolami a 72 e Muller a 70. Cyan Racing resta al comando della classifica team con 177 punti mentre Comtoyou Racing si è presa il secondo posto a quota 146.

Alle 14:45 prenderà il via la terza e ultima gara di giornata.

Classifica di gara:

Campionato piloti:

Campionato squadre:

Immagine copertina: fiawtcr.com

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

WTCR | GP Slovacchia: in gara-2 Tom Coronel torna al successo dopo quattro anni 4
Federico Benedusi
From Ostiglia, provincia di Mantova. Aspirante giornalista e appassionato di sport sin da bambino. Tante, forse troppe le categorie di motorsport che seguo, ma il mio sempre crescente desiderio di conoscere mi impone questo...

ALTRI DALL'AUTORE