WTCR | Cambio di format per il 2023: il mondiale turismo si svolgerà in prova unica

di Federico Benedusi @federicob95
14 Ottobre 2022 - 12:06

La crisi delle ultime tre stagioni ha portato Discovery Sports Events ad una soluzione drastica. E con la Finale Mondiale TCR appena nata…


Discovery Sports Events ha annunciato poco fa un cambio radicale per quanto riguarda il WTCR. A partire dal 2023, infatti, la coppa del mondo turismo FIA verrà assegnata in prova unica i cui dettagli verranno svelati nelle prossime settimane.

La crisi legata al Covid-19 e la successiva emorragia di partecipanti, ulteriormente propiziata dalle polemiche legate alle gomme Goodyear che hanno falsato ben due eventi nel solo 2022, hanno portato il promoter capitanato da François Ribeiro a prendere una decisione alquanto drastica. Per la prima volta dalla rinascita datata 2005, il mondiale turismo non si disputerà più sotto forma di campionato su più eventi ma prevedrà una sola finale che racchiuderà i migliori piloti del mondo: una sorta di ritorno a quanto accaduto tra il 1993 e il 1995, con la coppa del mondo FIA che riuniva i migliori piloti dei campionati nazionali di Superturismo del globo.

Il pensiero va naturalmente alla Finale Mondiale TCR presentata proprio questa mattina, che coinvolgerà 60 piloti sulla base del TCR World Ranking e del neonato TCR World Tour. Il format appare già predisposto per ospitare un evento degno di essere sanzionato anche dalla FIA, anche se ancora una volta la Federazione Internazionale sembra arrivare decisamente dopo la musica per quanto riguarda le competizioni turismo, sulle quali l’organo principale dell’automobilismo mondiale ha pressoché zero controllo (e idee men che meno) ormai dalla fine del 2017.

Molto dure le parole del presidente della Commissione Turismo FIA, Alan Gow: “Abbiamo bisogno di identificare e stabilire quale sia il futuro migliore e più sostenibile per la categoria principale delle competizioni turismo FIA. Il nostro obiettivo è quello di mantenere un titolo mondiale per le vetture turismo convenzionali, assicurando comunque una competizione forte e prestigiosa. Durante la sua storia i campionati turismo hanno utilizzato format molto differenti e i titoli sono stati assegnati tramite un singolo evento o un campionato vero e proprio. Stiamo considerando ogni possibilità, dando priorità al fatto che ogni serie abbia una base stabile per il lungo periodo. Il regolamento TCR è più che mai solido, con una vastità di marchi rappresentati e oltre 1000 vetture a competere in giro per il mondo. La nostra intenzione, dunque, sarebbe quella di proseguire con questa piattaforma”.

Ribeiro ha aggiunto: “Per il triennio 2023-2025 avevamo un’opzione sulla prosecuzione dell’attuale WTCR. Abbiamo deciso di non esercitarla, lavorando invece allo sviluppo di un nuovo format che possa assicurare il miglior futuro possibile alla prima competizione globale per vetture turismo a motore termico. Insieme a WSC siamo ottimisti che questo nuovo format possa essere rilevante all’interno del mondo TCR, vogliamo far sì che i costruttori incentivino i team clienti a mostrare le proprie vetture al massimo della competitività. Forniremo qualche dettaglio in più quando gli accordi saranno finalizzati”.

Il nuovo WTCR non inciderà sull’ETCR, la coppa del mondo riservata alle TCR elettriche: “Nel 2023 l’ETCR proseguirà come campionato su più eventi e sarà una priorità per DSE. Le vetture turismo elettriche sono delle autentiche bestie da competizione e producono corse esaltanti. La categoria si presenta come molto moderna e il format ha ricevuto l’endorsement da parte di piloti di livello internazionale. L’ETCR propone gare genuine e sostenibili, due aspetti chiave in visione futura”.

Immagine copertina: fiawtcr.com