Matomo

WRX | In Svezia correranno anche Eriksson, Szabo e Paasonen

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Tre wildcard presenti a Höljes, tra cui il vincitore della gara dello scorso anno. Lo svedese del team Olsbergs guiderà una Honda Civic Supercar.


Quest’oggi, oltre alla notizia della cancellazione dell’evento ad Abu Dhabi, è stata svelata la lista dei partecipanti al primo evento confermato del campionato rallycross 2020. Insieme ai piloti già presenti nella entry list di marzo, se ne aggiungeranno altri tre per delle one-off.

Il primo di questi è Sebastian Eriksson, vincitore dell’edizione 2019 dello RXEvent di Svezia. Lui e il team Olsbergs disputeranno la gara di cosa come lo scorso anno, ma questa volta non correranno su una Ford Fiesta, bensì su una Honda Civic Supercar. Questa vettura aveva già debuttato nella sua versione Coupé lo scorso anno, quando a guidarla fu Ulrik Linnemann.

Il secondo partecipante esclusivo alla gara svedese è Kristián Szabó, pilota ungherese partecipante già lo scorso anno per il team EKS di Mattia Ekström. La squadra GRX di Marcus Grönholm ha messo a disposizione a Szabó una Hyundai i20, che affiancherà le due già presenti di Niclas, il figlio di Marcus, e di Timur Timerzyanov.

Infine, il terzo e ultimo partecipante aggiunto è Jani Paasonen, su Ford Fiesta del team Ferratum. Gli appassionati più attenti del mondiale rally avranno subito riconosciuto questo nome, poiché si tratta di un pilota apparso sporadicamente sulle scene del WRC tra il 1997 e il 2005, guidando per Mitsubishi, Ford e Škoda come compagno di marca o di squadra di mostri sacri del rally quali Tommi Mäkinen e François Delecour. Alla veneranda età di quarantacinque anni, tenterà anche l’avventura del rally su pista.

Fonte immagine: Internet (per segnalare il copyright info@p300.it)

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

WRX | In Svezia correranno anche Eriksson, Szabo e Paasonen 1
Alyoska Costantino
Sono Alyoska Costantino, per gli amici Aly. Ed è da quando avevo 6 anni che ho cominciato a vedere in televisione auto e motociclette sfrecciare a 300 km/h sui circuiti più belli di sempre. Weekend dopo weekend aumento la mia affinità col Motorsport, magari anche con categorie nuove da scoprire, specialmente con le due ruote che stanno diventando il mio pane. Pronto a dirvi le mie opinioni e ascoltare le vostre.

ALTRI DALL'AUTORE