WRC | Sardegna: Sordo passa al comando dopo l'incidente di Latvala

WRC
Sardegna: Sordo passa al comando dopo l'incidente di Latvala

Il finlandese capotta nella PS6 e perde otto minuti, Tänak terzo di 14 Giugno 2019, 19:43

Dopo un terzo di gara, il Rally di Sardegna continua a presentare una situazione di classifica in divenire. Il pomeriggio della prima tappa ha eliminato dalla contesa Jari-Matti Latvala, leader al termine della mattinata ma capottatosi nella PS6 dopo avere sbagliato l'interpretazione di un tornante a sinistra. Il finlandese ha ripreso la corsa senza parabrezza anteriore, segnando anche un buon tempo nella PS8 prima di fermarsi nuovamente nella PS9: ripartirà domani con la Rally2, insieme a Sébastien Ogier.

In testa alla corsa è passato Daniel Sordo, che su nove prove speciali ne ha vinta solo una (l'ottava) ma ha mostrato un ritmo costante per tutta la giornata. In recupero Teemu Suninen, che dopo l'errore della mattinata si è riscattato conquistando anche il secondo passaggio di Tula (PS6) e chiudendo la giornata a 10"8 dal leader.

Poco distante dall'alfiere Ford è Ott Tänak, autore di un giro pomeridiano da apripista al limite dell'eroico. L'estone ripartirà domani con appena 11"2 da recuperare a Sordo e potrà beneficiare di una posizione di partenza ben migliore rispetto ad oggi, per poter dare l'assalto anche alla vittoria di questo rally.

Al disotto del mezzo minuto di ritardo da Sordo ci sono altri tre piloti, che dunque hanno ancora qualche possibilità di giocarsi un piazzamento importante in questo fine settimana. Quarto Andreas Mikkelsen, vincitore della PS9 e lontano 20"2 dal compagno di squadra, poi Elfyn Evans e Kris Meeke. Attimi di terrore anche per il gallese nella PS8, quando è uscito di strada in una curva a sinistra rischiando di colpire una vettura parcheggiata all'esterno.

Più lontano Thierry Neuville, che nella PS6 è finito pericolosamente in testacoda rischiando di danneggiare in modo pesante la sua Hyundai. Per fortuna il belga se l'è cavata con qualche ammaccatura al parafango anteriore perdendo circa 18 secondi; la giornata si è conclusa a 57"7 da Sordo e con un ritardo di 28"2 da Meeke che lo precede. Il vice-campione del mondo è riuscito comunque a tenersi dietro Esapekka Lappi, in rimonta dopo la foratura di stamattina e fermatosi a 5"8 da Neuville. Il gruppo delle WRC Plus ancora regolarmente in gara si chiude con Juho Hänninen, che nel pomeriggio è riuscito a ritrovare il ritmo di gara ma ha perso oltre un minuto per essersi presentato in ritardo al via della PS7, ricevendo appunto una penalità.

Tra le WRC-2 la situazione è cambiata proprio nell'ultima prova di giornata. Pierre-Louis Loubet ha perso un paio di minuti nella PS9 e la leadership assoluta tra le vetture cadette è tornata nelle mani di Kalle Rovanperä, che ovviamente comanda la situazione anche tra gli ufficiali. Il finlandese della Škoda si è detto comunque insoddisfatto di questa giornata, conclusasi con appena sei decimi di margine su Ján Kopecký. La leadership dei privati è passata a Nikolay Gryazin, autore di un ottimo giro pomeridiano e ora in vantaggio di 36"2 su Takamoto Katsuta, mentre Simone Tempestini occupa il terzo posto davanti a Kajetan Kajetanowicz; Loubet è scivolato sesto, alle spalle anche di Marco Bulacia, ad oltre un minuto e mezzo dal riferimento dei privati.

Classifica invariata in JWRC, con Dennis Rådström sempre al comando e in vantaggio di 16"8 su Tom Kristensson. Gradino più basso del podio per Jan Solans a 19"6, poi Raul Badiu e Julius Tannert, oggi ben lontano dalle posizioni che occupa solitamente nel gruppetto della categoria riservata ai giovani talenti.

La seconda tappa prevede sei prove speciali per un totale di 142 chilometri. Alle 8:08 il via alla prima frazione.

Classifica:

Immagine copertina: Red Bull



Condividi