WRC | Rally di Ypres 2022, PS13-16: clamoroso errore di Neuville, Tänak è il nuovo leader

Federico Benedusi - 20 Agosto 2022 - 18:58

Il duello per il successo finale sarà tra l’estone ed Evans, dopo l’uscita di strada di Neuville nella penultima prova di giornata


La galleria degli errori e delle occasioni perdute di Thierry Neuville si è arricchita oggi di un nuovo, nefasto episodio. La marcia del pilota belga nel casalingo Rally di Ypres si è infranta in un fosso nel corso della PS15, a causa di una staccata troppo ottimistica in una curva a gomito a sinistra. Il pilota Hyundai stava vivendo un grande momento e replicare il successo del 2021 avrebbe ridato vita ad un 2022 piuttosto amaro, invece ora la delusione monterà ulteriormente sulle spalle di un Neuville che dovrà accontentarsi di cercare qualche punto nella Power Stage di domani.

Il duello per la vittoria sarà invece tra Ott Tänak ed Elfyn Evans. L’estone ha risolto i problemi alla trasmissione accusati in mattinata (e non troppo gentilmente sminuiti dallo stesso Neuville, con annesse frecciate da un capo all’altro del team) ma le modifiche di set-up apportate per sistemare l’inconveniente sulla sua Hyundai non lo hanno convinto da subito, pertanto le prestazioni di riferimento sono arrivate solo nelle ultime due prove con altrettanti scratch.

Il gallese dal canto suo non ha mollato la presa ed è tuttora conscio dell’enorme significato che può avere anche per lui un’eventuale vittoria. Per il morale e per il campionato, gli 8″2 di ritardo da Tänak non sono e non devono essere considerati una montagna insormontabile.

L’enorme colpo di scena che ha riguardato la testa della corsa, che peraltro aggiorna a cinque i capoclassifica usciti di scena da questo rally dal 2014 in poi con Neuville protagonista in ben due occasioni, ha riportato sul podio Esapekka Lappi, distante oltre un minuto dai due battistrada ma in odore di un altro risultato prestigioso nel suo ruolo di part-timer di Toyota. Per il finlandese si tratta di portare a termine la corsa in maniera pulita e senza errori, anche per cogliere ulteriori e fondamentali 15 punti costruttori.

Un altro episodio sfortunato ha invece coinvolto Adrien Fourmaux, che nel tratto di trasferimento prima della PS15 è stato fermato da un blocco di polizia arrivando due minuti in ritardo al controllo orario: 20 secondi di penalità che hanno costretto il francese ad una nuova rincorsa ad Oliver Solberg, ora quarto e in vantaggio di 14″3 sulla Ford #16. Sesto Takamoto Katsuta, rallentato per l’ennesima volta da intermittenti guasti all’ibrido.

Nulla è cambiato in WRC-2 con Stéphane Lefebvre che ha respinto l’offensiva di Andreas Mikkelsen grazie ad un giro pomeridiano strepitoso, riportandosi a 21″4 di vantaggio sul norvegese. Il pilota Škoda ha a che fare con un weekend molto ispirato da parte del francese ma il secondo posto farebbe comunque comodo alla sua causa iridata, visto il terzo posto occupato da Yohan Rossel a quasi 40 secondi di gap. Il ritiro di Neuville ha consentito ad un’altra Hyundai, questa volta in versione Rally2, di entrare nella zona punti assoluta con Grégoire Munster: il lussemburghese ha però perso la scia del podio di classe, lontano ormai 21″2.

In vista del traguardo è anche Jan Černý, che porterebbe a termine un’autentica missione per quanto riguarda la classe WRC-3. Pur pagando quasi tre minuti alla migliore Rally3 in gara, che ora è quella di Patrick Snijers dopo il ritiro di Sami Pajari, il ceco ne ha oltre sette di margine su Zoltán László che rappresenta il suo unico avversario rimasto per i punti di categoria.

Quattro prove speciali per 51 chilometri: questo è il programma della domenica di Ypres, che inizierà alle ore 8:43.

Classifica:

WRC | Rally di Ypres 2022, PS13-16: clamoroso errore di Neuville, Tänak è il nuovo leader

Immagine copertina: Red Bull