WRC | Rally di Ypres 2022 – Anteprima

Federico Benedusi - 17 Agosto 2022 - 11:30

Si torna sull’asfalto dopo quattro mesi: Rovanperä alla prima chance titolata, ma servirà un miracolo a casa di Neuville


Dopo il debutto iridato del 2021, il Rally di Ypres ha trovato un posto anche nel calendario del WRC 2022 e sancirà il ritorno sull’asfalto a quattro mesi dal Rally di Croazia. In questo periodo non è cambiato sostanzialmente nulla: il padrone del campionato è sempre Kalle Rovanperä, che ha inanellato vittorie a ripetizione subendo Sardegna e Finlandia come uniche battute d’arresto, se così si possono chiamare.

Quello belga è il penultimo appuntamento del 2022 ed è incredibile come si possa già parlare di possibilità iridate per il fenomenale pilota Toyota. Il margine in classifica del finlandese è di 94 punti su Ott Tänak e di 95 su Thierry Neuville: pur se con tante complicazioni, non è matematicamente impossibile arrivare alle 120 lunghezze di vantaggio che sarebbero necessarie per chiudere la partita iridata a Ypres. Per Rovanperä è ovviamente necessaria la vittoria a fronte di un punteggio molto povero incassato da entrambe le Hyundai.

Ypres è la casa di Neuville e la terza forza del mondiale, da quando ha interrotto la striscia di Sébastien Ogier a Montecarlo nell’ormai lontano gennaio 2020, ha vinto solo qui lo scorso anno. Davvero troppo poco per un pilota che ogni anno parte con l’ambizione di vincere il titolo, anche perché nel corso del 2022 persino le occasioni di mettere un successo in cassaforte sono state poche. Abbiamo parlato in precedenza della distanza di quattro mesi dall’ultimo rally corso su asfalto e quell’occasione ha pure coinciso con l’ultimo podio di Neuville, che quest’anno è ancora fermo a quota due e sullo sterrato non è mai riuscito ad arrivare nei primi tre con la nuova vettura ibrida.

Sta convincendo sempre di più, invece, la nuova versione di Tänak. L’estone sta correndo con maggiore sicurezza e il duello con Rovanperä in Finlandia ha dimostrato un’altra volta come il campione del mondo 2019 abbia finalmente trovato la quadratura del cerchio con una Hyundai che per due anni gli ha dato solo grattacapi. Il terzo successo al 1000 Laghi non ha ovviamente avuto risvolti significativi in ottica iridata, ma battere il nuovo Re del WRC a casa propria ha dato sicuramente morale. Questo finale di stagione, con tre rally sul catramato su un totale di cinque, sarà importante anche per la stessa Hyundai, non certo entusiasta del valore della i20 Rally1 nelle prime uscite sulla superficie più veloce.

Nella lotta per il secondo posto iridato si è faticosamente riportato anche Elfyn Evans, che dopo tre secondi posti ha incassato anche un quarto in Finlandia restando comunque molto lontano dalla conferma della vittoria 2021. Evans dista dieci punti dal duo Hyundai e in Belgio potrebbe partire da una situazione di lieve vantaggio, anche se non si è a conoscenza di eventuali progressi di Hyundai sull’asfalto. Una caratteristica del rally che invece potrebbe creare difficoltà al gallese e a tutti quelli che partiranno dopo di lui nella prima tappa è il progressivo deterioramento delle stradine di campagna di Ypres, che dopo i primi passaggi tendono a sporcarsi vistosamente per la sporcizia trascinata in traiettoria dalle prime vetture.

Secondo l’anno passato, Craig Breen andrà in cerca di rivincite in questo fine settimana dopo due rally da dimenticare. I veloci sterrati nordici dovevano portare alla ribalta l’irlandese, che invece per varie ragioni tra Estonia e Finlandia ha messo in carniere solo quattro punti nella Power Stage del 1000 Laghi. Ambizioni di campionato ormai non ce ne sono più, ma sull’asfalto il discorso relativo a Ford è opposto rispetto a Hyundai: la Puma si è mostrata molto veloce e una volta tanto Breen dovrà approfittarne, anche se la sesta posizione di partenza potrebbe rivelarsi scomoda.

Tra gli specialisti del catramato attenzione anche ad Adrien Fourmaux, mai troppo fortunato quest’anno ma ora in un periodo molto favorevole per le sue caratteristiche. Oltre al francese potrebbe emergere con più facilità Gus Greensmith, che aveva iniziato positivamente il 2022 salvo poi arenarsi tra difficoltà di vario genere. Toyota ha confermato Esapekka Lappi sulla terza Yaris, mentre la Hyundai part-time sarà ancora nelle mani di un Oliver Solberg assolutamente disastroso in Finlandia.

Sempre più intrigante è la situazione del mondiale WRC-2, guidato da un Andreas Mikkelsen che sarà di nuovo al via in questo weekend. Per il norvegese, che ha già due zeri in classifica e in Belgio userà il penultimo gettone a sua disposizione, è assolutamente vietato sbagliare e quasi obbligatorio vincere per tenere lontana la minaccia di Kajetan Kajetanowicz, distante tre punti ma con un rally in meno. Tornerà in gara Yohan Rossel, anche lui con lo scarto di fatto già utilizzato ma ancora forte di due successi e appena quattro gare disputate: il francese è già un fuoriclasse della superficie asfaltata ed è il logico favorito per il weekend.

I principali volti di Ypres saranno Stéphane Lefebvre, che pur in forma privata cercherà di dare manforte a Rossel in Citroën, Jari Huttunen sulla Ford ufficiale e Nikolay Gryazin, il quale è ormai uscito dalla corsa iridata con l’incidente nello shakedown in Finlandia e peraltro in Belgio non correrà per i punti di categoria. Chris Ingram è un altro dei clienti più pericolosi sul veloce, ma un ruolo lo potrebbero recitare anche piloti di casa come Vincent Verschueren e Pieter Cracco, già competitivi lo scorso anno, oltre all’intramontabile Freddy Loix.

Da segnalare, tra le Rally2 che però non partecipano al WRC-2, la presenza di Jos Verstappen. Il padre del campione in carica e attuale leader del mondiale di F1 è attualmente impegnato nella serie nazionale rally che disputerà a Ypres il sesto round della sua stagione 2022, pertanto sarà regolarmente al via al volante di una Citroën C3.

Nel WRC-3 occasione per il ceco Jan Černý, che vincendo in Belgio si poterebbe a pari merito con Lauri Joona a -1 da Sami Pajari. Bisogna ricordare come quest’ultimo abbia esaurito le gare a sua disposizione, mentre Joona e lo stesso Černý al termine di questo weekend avranno un altro rally per poter migliorare il proprio punteggio in caso di ulteriore successo. Gli avversari di Černý tra le Rally3 saranno solamente due, l’ungherese Zoltán László e l’italiano Enrico Brazzoli.

Il percorso di Ypres 2022 si presenta decisamente modellato rispetto allo scorso anno, a partire dall’esclusione delle prove speciali sulla pista di Spa-Francorchamps e nei dintorni ritenute eccessivamente facili e quasi “banali” dai piloti. Già a partire dalla frazione di Vleteren, che inaugurerà la corsa tornando in schedule dopo tre anni, si trovano molte novità nell’itinerario. Pur avendo mantenuto immutata la zona di disputa del rally, molte prove speciali sono state riprofilate in alcuni tratti con l’utilizzo di strade nuove e differenti. La prova di Kemmelberg che quest’anno sarà usata come Power Stage ha ben poco in comune con quella percorsa nella prima tappa dello scorso anno, mentre è stato confermato il breve sconfinamento francese nella frazione tra Westouter e Boeschepe.

58. Ardeca Ypres Rally Belgium
Round 9/13
18-21 agosto 2022

WRC | Rally di Ypres 2022 - Anteprima

INFO PERCORSO

Distanza totale: 281,58 km
Numero prove speciali: 20
Prova speciale più lunga: Hollebeke, 22,32 km
Prova speciale più breve: Mesen – Middelhoek, 7,99 km

RECORD

Vittorie pilota: 11 – Freddy Loix
Vittorie costruttore: 12 – Ford
Podi pilota: 14 – Freddy Loix
Podi costruttore: 27 – Ford
Presenze: 36 – Patrick Snijers
Vittorie prove speciali: 113 – Freddy Loix

ALBO D’ORO

WRC | Rally di Ypres 2022 - Anteprima

PROGRAMMA

Giovedì 18 agosto
16:01 Shakedown

Venerdì 19 agosto
10:16 PS1 Vleteren 1
11:08 PS2 Westouter – Boeschepe 1
12:03 PS3 Mesen – Middelhoek 1
12:53 PS4 Langemark 1
15:16 PS5 Vleteren 2
16:08 PS6 Westouter – Boeschepe 2
17:03 PS7 Mesen – Middelhoek 2
17:53 PS8 Langemark 2

Sabato 20 agosto
10:13 PS9 Reninge 1
11:08 PS10 Dikkebus 1
12:00 PS11 Wijtschate 1
12:55 PS12 Hollebeke 1
15:13 PS13 Reninge 2
16:08 PS14 Dikkebus 2
17:00 PS15 Wijtschate 2
17:55 PS16 Hollebeke 2

Domenica 21 agosto
8:43 PS17 Watou 1
9:38 PS18 Kemmelberg 1
11:49 PS19 Watou 2
13:18 PS20 Francorchamps 2 (Power Stage)

Immagine copertina: Red Bull
Immagine percorso: rally-maps.com