WRC | Rally di Nuova Zelanda 2022, PS8-10: Rovanperä si prende il comando nonostante una penalità, incidente per Evans

di Federico Benedusi @federicob95
30 Settembre 2022 - 23:53

Dopo una sanzione di cinque secondi per overboost di elettrico nella PS1, il leader del campionato ha sfoderato un giro mattutino eccezionale nella seconda tappa; pesante uscita di strada per Evans


Kalle Rovanperä ha iniziato al meglio la giornata del suo 22° compleanno, prendendosi il comando del Rally di Nuova Zelanda grazie ad un giro mattutino eccezionale nella seconda tappa. Il finlandese si è messo per la prima volta in una situazione di vantaggio per la conquista del suo primo titolo WRC con due gare d’anticipo, nonostante una penalità di cinque secondi rimediata per un overboost di elettrico durante la superspeciale di giovedì.

Sanzione rimediata anche da Ott Tänak e Thierry Neuville, a causa di una negligenza dei meccanici Hyundai che non hanno settato il massimo utilizzo del boost ibrido secondo il bollettino tecnico rilasciato dalla FIA prima dell’inizio del rally. Pur conservando la sua ultima posizione in startlist, l’estone ha iniziato questa giornata da secondo in classifica alle spalle di Elfyn Evans.

La leadership del gallese è però durata poco, perché nella PS9 ha impattato duramente contro una parete a bordo strada danneggiando molto seriamente la sua Toyota Yaris. Il vice-campione del mondo ha faticato parecchio a riportare la sua vettura al service park ma per sua fortuna la PS10 è stata neutralizzata dopo i primi cinque passaggi, a causa dell’incidente occorso a Gus Greensmith. La classifica di Evans ha comunque subito un forte impatto e ora il #33 è quarto a 24 secondi dal podio.

Rovanperä si è magistralmente imposto nella prova di Puhoi nonostante la pioggia battente che ha reso il terreno più scavato e infangato rispetto ai primi piloti al via e proprio qui ha costruito il ribaltamento della classifica. Ora il finlandese guida con 4″2 di margine su Tänak, la cui Hyundai è apparsa meno competitiva delle Toyota nelle condizioni fronteggiate nella mattinata neozelandese.

L’uscita di Evans ha riportato sul podio Sébastien Ogier, superato da Rovanperä già nella PS8. Dopo un inizio poco convincente, il francese ha ritrovato il ritmo e nella PS9 ha segnato un tempo non lontano dal suo erede designato al trono del WRC, ma ora l’obiettivo è chiaramente il secondo posto di Tänak proprio per facilitare ulteriormente l’incoronazione del suo compagno di squadra: 1″9 il suo distacco dall’estone.

Mattinata non esente da problemi nemmeno per Neuville, che al termine della PS9 ha riferito di un non meglio precisato problema tecnico (pare al cambio) sulla sua i20. Superato Greensmith nella prima prova di giornata, il belga sembrava destinato a rendere nuovamente la posizione ma il brutale incidente in cui è rimasto coinvolto il britannico nella PS10 ha congelato la classifica.

Dopo l’incidente di Breen nel pomeriggio di ieri, Greensmith ha completato il passaggio del team Ford dalle stelle del venerdì mattina alle stalle. Un’uscita di strada ad alta velocità ha ridotto la Puma #44 ad un cumulo di lamiere, fortunatamente senza conseguenze fisiche per il pilota di Manchester e per il copilota Jonas Andersson. Il resto della classifica vede Oliver Solberg sesto davanti a Takamoto Katsuta, nonostante le difficoltà dello svedese nel trovare il giusto passo sotto la pioggia, mentre Lorenzo Bertelli è risalito in nona posizione.

Sempre più in su nella classifica generale è Hayden Paddon, leader tra le WRC-2 e ora ottavo assoluto. Il pilota di casa ha portato il suo vantaggio su Kajetan Kajetanowicz ad oltre un minuto e mezzo, con il polacco sempre attento a non commettere sbavature su un fondo insidioso per conquistare punti importanti in chiave iridata. Un paio di errori grossolani hanno ulteriormente allontanato Harry Bates da Shane van Gisbergen, che dunque ha rafforzato un ottimo terzo posto.

La ripetizione delle tre frazioni mattutine, per il giro pomeridiano, inizierà alle ore 3:08 italiane.

Immagine copertina: Red Bull