WRC | Rally di Estonia 2021 – Anteprima

Il “girone di ritorno” della stagione inizia con Ogier in fuga iridata dopo il successo del Kenya


Dopo avere corso nella savana keniota, il WRC cambia totalmente scenario per il primo round del “girone di ritorno” del mondiale 2021. Si passa alle velocissime strade sterrate tra i boschi dell’Estonia, una copia carbone del percorso del più famoso Rally di Finlandia, che quest’anno non si svolgerà subito dopo la corsa baltica ma si terrà ad inizio ottobre.

Per il Rally di Estonia sarà quindi una sorta di prova di maturità, poiché in questo 2021 non fungerà più da vera e propria corsa di preparazione in vista di un evento di caratura maggiore ma avrà una connotazione maggiormente a sé stante.

Il Rally Safari ha visto Sébastien Ogier consacrare ulteriormente la sua leggenda completando anche il Grande Slam. Il campione del mondo ha aumentato il suo vantaggio nella classifica generale sfruttando il passo falso di Elfyn Evans, ora lontano 34 punti. Alla sua prima esperienza tra i sentieri estoni, l’anno scorso, Ogier ha conquistato subito un podio e quest’anno le condizioni saranno analoghe, con la Toyota #1 ad aprire la strada venerdì; le alte medie orarie potrebbero non costituire un grande svantaggio per il campione del mondo, anche se si prevede un rally dai distacchi risicati almeno per le prime battute.

Dopo cinque vittorie in sei rally, Hyundai deve necessariamente dare un segnale di rinascita. L’occasione più importante è quella nelle mani di Ott Tänak, che in casa propria ha già vinto quattro volte ed è stato l’unico trionfatore non di Toyota vestito in questo 2021. Tänak ha circa la metà dei punti di Ogier ed è quarto in classifica, dopo diversi episodi sfortunati è tornato sul podio in Kenya ed è pressoché obbligato a vincere in questo weekend.

Poco più avanti in classifica è Thierry Neuville, reduce da un deludente stop al Safari e ancora in caccia della prima vittoria stagionale dopo quattro terzi posti in sei rally. Non si tratta della superficie prediletta del belga, che non è mai stato troppo competitivo nemmeno in Finlandia e dunque dovrà tirare fuori quel qualcosa in più per poter lottare ad armi pari con le Yaris e con il suo compagno di squadra.

L’ennesima delusione, targata Kenya, dovrà invece fungere da carburante extra per Kalle Rovanperä, che in questo 2021 è rimasto praticamente fermo alla neve dell’Arctic a febbraio. Probabilmente nemmeno Toyota si sarebbe immaginata, leggendo la classifica a metà campionato, di trovare Takamoto Katsuta dieci punti avanti rispetto ad un pilota che ha già mostrato le stimmate di un potenziale campione del mondo.

Reduce dalla presentazione della nuova Ford Puma Rally1 che correrà il primo mondiale ibrido nel 2022, il team M-Sport cercherà di proseguire sull’onda dei buoni risultati raggiunti nelle ultime uscite. Gus Greensmith è arrivato vicino al primo podio in carriera in Kenya e Adrien Fourmaux è stato battuto dal britannico solo grazie ad una penalità, ma in questo rally si assisterà al ritorno di Teemu Suninen al posto del francese. Per Suninen il mondiale 2021 è stato a dir poco disastroso fin qui e servirà una prova di forza e coraggio per lasciarsi alle spalle un momento difficile.

A completare le fila della categoria principale ci saranno Craig Breen, di ritorno sulla terza Hyundai ufficiale al posto di Daniel Sordo, e Pierre-Louis Loubet, reduce da un rally di stop per ritrovare la bussola “perduta” in questa prima parte di stagione. Il francese non è ancora riuscito a concludere indenne una corsa e cercherà di compiere questo passo avanti proprio in Estonia.

Dopo un Safari che ha visto al via una sola vettura, peraltro ritiratasi, in Estonia torna anche la battaglia tra le Rally2 ufficiali o semiufficiali della categoria WRC-2. Guarito dal Covid-19, Andreas Mikkelsen tornerà a difendere la propria leadership dall’assalto di Mads Østberg, lontano due punti dopo la vittoria in Sardegna. Una prova competitiva sugli sterrati nordici è attesa anche dal duo Hyundai formato da Jari Huttunen e Oliver Solberg, mentre Ford schiererà Fourmaux e l’iridato junior Tom Kristensson.

In WRC-3 sarà invece assente il capoclassifica Yohan Rossel, autore finora di un’ottima stagione anche lontano dall’asfalto che tanto predilige. Kajetan Kajetanowicz dovrà forzatamente ridurre il gap di 36 punti formatosi dopo i problemi patiti in Sardegna e per farlo dovrà difendersi da una schiera di piloti nordici: dall’idolo di casa Egon Kaur ad Emil Lindholm passando per il nome nuovo del rallismo finlandese, Mikko Heikkilä, senza dimenticare lo storico avversario del pilota polacco, il russo Alexey Lukyanuk. Eccezion fatta per Kaur, in gara su una Volkswagen, tutti i piloti citati guideranno una Škoda.

Giro di boa anche per il JWRC, con Martinš Sesks in testa e una situazione di campionato ancora in divenire dopo due rally. Il lettone ha nove punti di margine su Sami Pajari, 13 su Jon Armstrong e 15 su Martin Koči, tutti piloti attesi alla battaglia in Estonia dove sarà protagonista anche il nuovo talento di casa Robert Virves, abbastanza deludente nelle prime due corse della stagione.

Il percorso del Rally d’Estonia 2021 si presenta naturalmente allungato rispetto a quello del 2020, che a causa della forte emergenza Covid si sviluppava su due soli giorni anziché tre. Molte prove speciali seguono percorsi allungati ma analoghi a quelli dell’anno scorso ma ci sono anche cinque prove speciali nuove, ossia tre delle quattro di sabato (Peipsiääre, Mustvee e Vastsemõisa) e due delle tre di domenica (Neeruti e Tartu vald).

11th Rally Estonia
Round 7/12
15-18 luglio 2021

WRC | Rally di Estonia 2021 - Anteprima

INFO PERCORSO

Distanza totale: 314,16 km
Numero prove speciali: 24
Prova speciale più lunga: Peipsiääre, 23,53 km
Prova speciale più breve: Tartu, 1,64 km

RECORD

Vittorie pilota: 4 – Ott Tänak
Vittorie costruttore: 5 – Ford
Podi pilota: 5 – Ott Tänak
Podi costruttore: 13 – Ford
Presenze: 10 – Rainer Aus, Raul Jeets, Egon Kaur
Vittorie prove speciali: 38 – Ott Tänak

ALBO D’ORO

WRC | Rally di Estonia 2021 - Anteprima

PROGRAMMA

Giovedì 15 luglio
9:01 (8:01) Shakedown
20:38 (19:38) PS1 Tartu

Venerdì 16 luglio
9:40 (8:40) PS2 Arula 1
10:28 (9:28) PS3 Otepää 1
11:16 (10:16) PS4 Kanepi 1
12:08 (11:08) PS5 Kambja 1
15:34 (14:34) PS6 Arula 2
16:22 (15:22) PS7 Otepää 2
17:10 (16:10) PS8 Kanepi 2
18:08 (17:08) PS9 Kambja 2

Sabato 17 luglio
8:06 (7:06) PS10 Peipsiääre 1
9:08 (8:08) PS11 Mustvee 1
10:36 (9:36) PS12 Raanitsa 1
11:39 (10:39) PS13 Vastsemõisa 1
15:06 (14:06) PS14 Peipsiääre 2
16:08 (15:08) PS15 Mustvee 2
17:34 (16:34) PS16 Raanitsa 2
18:37 (17:37) PS17 Vastsemõisa 2
20:08 (19:08) PS18 Tartu 2

Domenica 18 luglio
7:21 (6:21) PS19 Neeruti 1
8:09 (7:09) PS20 Elva 1
9:08 (8:08) PS21 Tartu vald 1
11:41 (10:41) PS22 Neeruti 2
12:29 (11:29) PS23 Elva 2
14:18 (13:18) PS24 Tartu vald 2 (Power Stage)

NB: tra parentesi gli orari italiani.

Immagine copertina: Red Bull

SHARE

SUBSCRIBE

TOP

LATEST

LEGGI ANCHE

F1

FEEDER SERIES

RUOTE COPERTE

RALLY

USA

FULL ELECTRIC

MOTOMONDIALE

SUPERBIKE/SSP

MOTOCROSS