WRC | Rally di Croazia 2021: finale da infarto, Ogier vince per sei decimi su Evans!

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Il gallese sbaglia all’ultima curva e dilapida i quattro secondi di margine che aveva prima della Power Stage


Un Rally di Croazia giocatosi sul decimo di secondo si è concluso letteralmente all’ultima curva con una sfida al cardiopalma tra Sébastien Ogier ed Elfyn Evans. Il francese ha battuto il compagno di squadra in Toyota per sei decimi di secondo ribaltando di nuovo la classifica dopo l’impetuoso forcing mattutino del gallese e tornando in testa alla generale iridata.

La breve tappa della domenica è iniziata con un colpo di scena potenzialmente catastrofico: nel tratto di trasferimento tra il service park e l’inizio della PS17, Ogier è rimasto vittima di un incidente con una vettura stradale danneggiando fortemente la portiera del lato copilota. Sistemato l’inconveniente in qualche modo, il campione del mondo ha preso regolarmente il via ma nelle tre frazioni d’apertura ha subito l’iniziativa di Evans, passato al comando e presentatosi alla Power Stage con 3″9 di vantaggio.

Negli ultimi 14 chilometri del rally, Evans ha perso quasi tutto il margine arrivando all’ultimo intertempo con ancora un secondo da gestire per la vittoria finale. All’ultima esse destra-sinistra, però, il gallese è arrivato leggermente lungo finendo nell’erba e tagliando quindi il traguardo con sei decimi di distacco nella classifica finale. 51esima vittoria iridata per Ogier e terza beffa al decimo in Power Stage per Evans, dopo Argentina 2017 e Corsica 2019.

Terzo gradino del podio proprio per colui che in quelle due occasioni aveva sfilato la vittoria ad Evans, Thierry Neuville. Il belga ha concluso al terzo posto per la terza volta in tre rally ma, a parte l’errore strategico del team Hyundai nella mattinata di ieri, può dirsi decisamente soddisfatto di questo avvio stagionale. Con 8″1 di ritardo da Ogier, Neuville ha completato il terzo podio più serrato nella storia del WRC dopo Sardegna 2020 e Argentina 2011.

Quarto un deluso e deludente Ott Tänak, mai al passo dei primi tre per tutto il weekend e alla fine staccato di quasi un minuto e mezzo dal vincitore. Nonostante lo scarso feeling con lo scivoloso e insidioso asfalto croato, l’estone ha comunque portato a casa 12 punti più quello extra del quinto posto della Power Stage, vinta anch’essa da Ogier.

Quinto un più che convincente Adrien Fourmaux, nonostante il minuto perso nella PS18 a causa di un piccolo incidente. Il francese ha corso da subito su tempi competitivi, al debutto in WRC Plus, con una Ford Fiesta in grande difficoltà sulle superfici più veloci. Sarà atteso ad una riprova sugli sterrati, che ancora sono fonte di qualche grattacapo.

Takamoto Katsuta è riuscito ad avere ragione di Gus Greensmith per il sesto posto, sfruttando anche un problema idraulico che ha costretto il britannico della Ford ad utilizzare il cambio a leva nelle prove odierne. Ottavo Craig Breen, secondo nella Power Stage e battuto solo da Ogier seppure per ben tre secondi.

Con 61 punti Ogier è di nuovo leader della classifica generale nonostante la steccata della Finlandia. Neuville è secondo a -8, Evans terzo a -10. Già 21 i punti di distacco per Tänak, che ne ha uno di vantaggio su Kalle Rovanperä grande “assente” di questo weekend.

Alla sua prima stagionale, Mads Østberg ha conquistato subito il successo in WRC-2 sulla Citroën del team TRT. Secondo Teemu Suninen, sulla Ford ufficiale, a 28″5 dal norvegese, mentre Marco Bulacia ha raccolto il gradino più basso del podio grazie all’incidente di Nikolay Gryazin nella PS19. Il russo, tra i grandi protagonisti del weekend, ha provocato la neutralizzazione della prova bloccando la strada con la sua Volkswagen. Con il quinto posto e la vittoria nella Power Stage, Andreas Mikkelsen ha mantenuto la leadership di campionato con 68 punti contro i 33 di Bulacia.

Vittoria solitaria in WRC-3 per Kajetan Kajetanowicz, che ha concluso con un minuto e 15 secondi su Emil Lindholm mentre Yohan Rossel è quantomeno riuscito a sfilare il podio dalle mani di Chris Ingram, dopo l’incidente di ieri. Il britannico è stato scavalcato anche da Nicolas Ciamin, quarto. Ottava posizione per Mauro Miele, unico italiano in gara. Con 48 punti Rossel è ora riferimento solitario del campionato, Ciamin è secondo con 36.

Jon Armstrong è invece il primo vincitore stagionale nel JWRC. Il britannico ha preceduto Martinš Sesks di 33″5, mentre il finnico Lauri Joona ha concluso terzo a 48″8. Solo quarto Martin Koči, leader indisturbato fino alla foratura patita ieri.

Archiviato il primo Rally di Croazia valido per il WRC, ora il campionato si prende un altro mese di pausa. Il quarto appuntamento del mondiale 2021 è previsto per il weekend del 23 maggio, con il Rally del Portogallo.

Power Stage:

Classifica finale:

Campionato piloti:

Campionato costruttori:

Immagini: Toyota Gazoo Racing WRT Twitter, Red Bull, FIA Junior WRC Twitter

P300 MAGAZINE

Continua a seguirci

Avatar of Federico Benedusi
Federico Benedusi
From Ostiglia, provincia di Mantova. Aspirante giornalista e appassionato di sport sin da bambino. Tante, forse troppe le categorie di motorsport che seguo, ma il mio sempre crescente desiderio di conoscere mi impone questo...

P300 MAGAZINE

NEWSLETTER

ULTIMI ARTICOLI

GRUPPI AMICI

Telegram | Passione Motorsport

ALTRI DALL'AUTORE

P300 MAGAZINE

Continua a seguirci