WRC | Rally dell’Acropoli 2023, PS7-9: Neuville soffre, poi allunga su Ogier

WRC
Tempo di lettura: 4 minuti
di Federico Benedusi @federicob95
9 Settembre 2023 - 11:19
Home  »  WRC

Il capoclassifica cede il passo nel fango della prima prova ma poi si riscatta e aumenta il vantaggio, problemi per Evans

La seconda tappa del Rally dell’Acropoli 2023 si è aperta con tre prove speciali svoltesi in condizioni miste. Se la prima frazione, quella di Pavliani, ha risentito ancora dei rovesci temporaleschi degli scorsi giorni, le due successive hanno invece proposto uno scenario tipicamente greco con le ben note pietraie secche e scivolose.

Condizioni miste e prestazioni analogamente a due facce per Thierry Neuville. La mattinata del pilota Hyundai è iniziata con una prova di grande sofferenza nel fango della PS7, dove ha ceduto il passo a Sébastien Ogier, ma poi si è ripreso il vantaggio con gli interessi dominando la PS8 di Karoutes e lasciando la mano solo ad un Kalle Rovanperä particolarmente ispirato nella PS9 di Eleftherohori.

Ogier ha invece vanificato il ribaltone della classifica con un piccolo ma costoso errore di guida nelle ultime fasi della PS8, per poi pagare quasi nove secondi all’avversario diretto nella prova conclusiva del giro scivolando a 10″9 nella classifica assoluta. Il duello per la vittoria è influenzato anche dalla gestione delle gomme e finora il francese della Toyota ha accusato qualche problematica in più rispetto alla Hyundai #11 nell’utilizzo delle due mescole di pneumatici a disposizione.

Due scratch, PS7 e PS9, per un Rovanperä che sta cercando di restare aggrappato al treno per il successo finale pur correndo in condizioni leggermente meno favorevoli rispetto ai due fuggitivi. Il secondo passaggio sulle tre prove speciali odierne si preannuncia però davvero difficoltoso, su un fondo che si è scavato all’inverosimile in mattinata, dunque la situazione potrebbe paradossalmente rovesciarsi a favore del finlandese. Il ritardo del campione del mondo da Neuville è di 23″7.

Mattinata da dimenticare sia per Esapekka Lappi che per Elfyn Evans, costretti a lasciare le posizioni occupate a inizio tappa. Il finlandese ha subito la rottura del freno a mano nella PS7 e una foratura nella PS8, scivolando a quasi quattro minuti dal compagno di squadra, mentre il gallese ha terminato la PS9 in modalità elettrica a causa di un problema di temperature. La quarta posizione è così passata a Daniel Sordo, che vanta 6″4 su Evans e 11″7 su Takamoto Katsuta. Ottavo Ott Tänak, che ha salito un gradino della classifica grazie al ritiro di Nikolay Gryazin dopo la PS7.

Nella categoria WRC-2 i battistrada Yohan Rossel e Gus Greensmith si sono tutto sommato equivalsi nelle tre frazioni che hanno aperto questo sabato. Il francese della Citroën ha guadagnato otto decimi in tutto sul britannico portandosi a 7″6 di vantaggio, mentre Marco Bulacia è rimasto vittima di un incidente nella PS9 al termine di un giro fino a quel momento spettacolare: il boliviano si era riportato a 3″2 da Rossel, ma i sogni di gloria si sono infranti nella prova di Eleftherohori.

Una piazza sul podio virtuale sarebbe spettata a Kajetan Kajetanowicz, ma la PS9 è costata caro anche al polacco a causa di un’altra foratura che l’ha relegato sesto alle spalle di Sami Pajari, Andreas Mikkelsen e Lauri Joona. Con un occhio alla corsa per l’iride cadetto, il norvegese ha risalito prepotentemente la classifica del rally marcando il miglior tempo di classe in tutte e tre le PS finora svolte oggi.

Continua ad offrire drammi la classe Rally3, che in Grecia assegna il titolo JWRC. Se il leader di campionato William Creighton è tornato in gara in ottava posizione, ad uscire praticamente subito dalla contesa odierna è stato Laurent Pellier, arrivato al termine della PS7 con il cambio della sua Ford Fiesta completamente bloccato e inservibile.

Poteva dunque sembrare un percorso leggermente in discesa per Diego Domínguez jr, ma già nella PS8 il paraguayano ha subito il cedimento dell’idroguida e il suo vantaggio in classifica ha iniziato rapidamente a scemare. Domínguez ha comunque potuto mantenere una buona leadership, fondamentale anche per tenere aperti i giochi in WRC-3, approfittando della neutralizzazione della PS9: Eamonn Kelly e Tom Rensonnet seguono rispettivamente ad un minuto e 19 e ad un minuto e 38 di distacco.

Alle 13:08 italiane inizierà il giro pomeridiano, con la ripetizione delle tre prove speciali già percorse.

Classifica:

Immagine copertina: Red Bull

È vietata la riproduzione, anche se parziale, dei contenuti pubblicati su P300.it senza autorizzazione scritta da richiedere a info@p300.it.

Iscrivendoti riceverai in email le notizie più importanti di P300.it.
Lascia un commento

Devi essere collegato per pubblicare un commento.

SITI PARTNERS

Parlando di Sport
MENU UTENTE

REGISTRATI

CONDIVIDI L'ARTICOLO