WRC | Rally del Portogallo 2022, PS13-16: Rovanperä sopravanza Evans sotto la pioggia

Due scratch per il finlandese e il suo compagno di squadra deve cedere la mano per la prima posizione, in una prova di Amarante segnata dal maltempo; Katsuta inseguito dalle Hyundai per il terzo posto


A rendere ancora più difficoltoso un Rally del Portogallo già segnato da tanti trabocchetti lungo il percorso, nel pomeriggio di questo sabato, è arrivata anche la pioggia. Una forte perturbazione si è scatenata lungo le quattro prove speciali che hanno completato la seconda tappa e in particolare nella temuta frazione di Amarante, che ha rovesciato la classifica generale a favore di Kalle Rovanperä.

Il leader del mondiale ha completato la sua rimonta su Elfyn Evans aggiudicandosi due prove speciali e pur non primeggiando nella lunga PS15 il finlandese ha approfittato di una prestazione non eccezionale del pilota gallese, mettendo la freccia e prendendosi di forza la prima posizione. Dopo la superspeciale di Porto, all’apparenza banale ma resa davvero insidiosa dalla pioggia che ha bagnato le strade ciottolate della cittadina lusitana, le due Toyota sono separate da 5″7 e naturalmente non ci sarà alcun gioco di squadra nei pochi chilometri rimanenti di questo fine settimana.

Takamoto Katsuta dovrà cercare di completare la tripletta del costruttore nipponico ma l’impresa non sarà facile. Il #18 dello junior team di Toyota ha confermato il passo migliore rispetto a Daniel Sordo mostrato già in mattinata nelle prove “tradizionali”, ma proprio nella superspeciale lo spagnolo ha avuto un moto d’orgoglio rimangiando ben nove secondi al proprio avversario in un colpo solo. Ironia della sorte, la distanza che separa la terza e la quarta posizione è la medesima che divide i due pretendenti al successo finale: 5″7.

Da questo duello dipenderà anche il destino del rally di Sordo, poiché se non dovesse riuscire ad avere ragione di Katsuta in tempi ragionevolmente brevi non è inappropriato pensare che Hyundai possa utilizzare lo spagnolo per un gioco di squadra a favore di Thierry Neuville. Se la cosa pareva ormai sicura al via della superspeciale, la prestazione monstre del cantabrico ha riaperto scenari differenti poiché il belga si è ritrovato nuovamente a mezzo minuto dal compagno di squadra dopo avere rosicchiato secondi su secondi per tutto il pomeriggio. Di grande rabbia e forza il miglior tempo stabilito dal #11 nella prova di Amarante, dove ha rifilato ben 17 secondi a Rovanperä suo primo inseguitore.

Nella battaglia in casa Ford, Craig Breen ha sopravanzato un Pierre-Louis Loubet che con l’arrivo della pioggia non si è risparmiato nemmeno un guasto ai tergicristalli che ha reso pressoché nulla la visibilità lungo i 37 chilometri della PS15. Si è invece ritirato Gus Greensmith, che prima ha subito l’ennesima foratura e poi si è dovuto definitivamente fermare per il cedimento di una sospensione. Con lo stop del britannico, Adrien Fourmaux ha recuperato il nono posto alle spalle di Ott Tänak.

Nella categoria WRC-2 invece non è cambiato molto nelle prime posizioni. Teemu Suninen ha rispedito al mittente l’attacco mattutino di Yohan Rossel, riportando il francese a mezzo minuto di distacco, mentre Kajetan Kajetanowicz si è visto spianare la strada per il terzo posto con il ritiro di Oliver Solberg. Il pilota Hyundai è stato infatti messo fuori gioco nella PS13 dalla rottura del piantone dello sterzo della sua i20 Rally2.

Pur avendo recuperato qualche secondo nella tornata pomeridiana, Lauri Joona continua ad inseguire da molto lontano Sami Pajari per quanto riguarda le vetture Rally3. I due finnici sono divisi ancora da ben sei minuti a vantaggio del secondo. I terzi gradini del podio di WRC-3 e JWRC sono sempre appannaggio, al termine di questa lunga giornata, di Robert Virves e William Creighton.

Al traguardo finale di Fafe mancano circa 49 chilometri, che verranno percorsi domani mattina divisi in cinque prove speciali. Semaforo verde a partire dalle ore 8:08 italiane.

Classifica:

F1 | GP Spagna 2022, Qualifiche, Sainz: "La terza posizione è comunque un buon risultato"

Immagine copertina: Red Bull

SHARE

SUBSCRIBE

ULTIME NEWS