WRC | Rally del Giappone 2022, PS5-7: venerdì di grande caos, Evans guida la generale

di Federico Benedusi @federicob95
11 Novembre 2022 - 08:27

Tra una prova accorciata e un’altra cancellata, il gallese allunga su Neuville e Rovanperä nel giro pomeridiano

Il grande ritorno del WRC in Giappone era atteso a tutt’altro show nella giornata del venerdì. Le problematiche incontrate nel giro mattutino si sono ripercosse anche sul pomeriggio, poiché l’incendio sulla Hyundai di Daniel Sordo ha reso impraticabile l’ultima parte della PS5 e la barriera distrutta da Craig Breen ha impedito lo svolgimento della PS7. Ne è risultata una frazione pomeridiana di una prova e mezza, dove Elfyn Evans ha comunque ampliato il suo margine in classifica.

Il gallese della Toyota è ripartito dal ritmo dettato nell’ultima prova mattutina aggiudicandosi anche la PS5, tagliata di nove chilometri fino all’ingresso del famigerato Tunnel di Isegami. Sia qui che nel passaggio divenuto inedito sulle strade di Inabu Dam, il #33 ha fatto la differenza su un Thierry Neuville meno a suo agio con l’asfalto sporcato dalle tante foglie “stile Sanremo” depositatesi sulla superficie. Il divario tra i due al termine della tappa inaugurale è di tre secondi netti.

Terzo posto per Kalle Rovanperä, che segnando lo scratch nella PS6 ha limitato i danni in una giornata positiva ma non troppo. Certo pensando ad alcuni avversari si può dire che potesse andare peggio, ma il campione del mondo è solitamente chiamato a ben altre prestazioni e risolvendo le noie legate al sottosterzo già dalla tappa del sabato la situazione potrebbe cambiare. 5″1 di differenza rispetto al compagno di squadra, per il finlandese.

Senza particolari novità anche il giro pomeridiano di Ott Tänak, che durante la PS6 ha patito l’ormai consueto guasto all’ibrido. Nulla di eccezionale in termini cronometrici, visto che sui 19 chilometri di Inabu Dam ha reso solo 1″7 a Rovanperä e 1″4 ad Evans, ma in ogni caso aleggia quella sensazione che in fin dei conti tra il campione 2019 e la Hyundai venga sempre a mancare qualcosa.

Tutti i fatti della mattinata hanno creato una voragine tra il quinto posto di Takamoto Katsuta, lontano 20″6 da Evans e quindi ancora con buone speranze di risultato, e il sesto di Gus Greensmith che pur avendo risolto i problemi al semiasse dista due minuti dalla leadership. Buono anche il recupero di Sébastien Ogier, che nonostante i quasi tre minuti persi nella PS2 ha già recuperato un piazzamento in zona punti.

Dopo l’assegnazione dei tempi nozionali del primo giro, si è finalmente delineata una situazione generale anche in WRC-2. Emil Lindholm è partito per le prove pomeridiane con sei secondi di vantaggio su Sami Pajari ma sulla strada non c’è stata storia, con il giovane ex campione del mondo junior nettamente più scanzonato e spensierato rispetto all’esperto figlio e nipote d’arte che si sta giocando il titolo di categoria. Lindholm ha perduto quasi 20 secondi solo nella PS6 venendo scavalcato da Pajari e da Teemu Suninen, secondo a 5″3 dal leader mentre il campione virtuale è terzo a 8″4. Buona prestazione al momento per Heikki Kovalainen, sesto.

La tappa del sabato prevede sette prove speciali per un totale di 80,5 chilometri. Due passaggi sulle prove di Nukata Forest e Lake Mikawako, già utilizzate nel Rally di Aichi-Gifu del 2019, oltre alla breve e inedita Shinshiro City e al duplice giro della superspeciale di Okazaki. Primo semaforo verde nella tarda serata italiana, alle 23:07.

Classifica:

WRC | Rally del Giappone 2022, PS5-7: venerdì di grande caos, Evans guida la generale

Immagine copertina: Red Bull