WRC | Galles: Tänak rimonta e passa in testa, out Lappi e Latvala

WRC
Galles: Tänak rimonta e passa in testa, out Lappi e Latvala

Quattro piloti in 8"4, i tre in lotta per il titolo insieme a Meeke di 04 Ottobre 2019, 21:28

Il primo giro pomeridiano del Rally del Galles ha seguito la falsariga della tornata mattutina. Condizioni mutevoli di meteo e terreno e distacchi risicati, ma con qualche colpo di scena in più. Fuori dai giochi sia Esapekka Lappi che Jari-Matti Latvala, che sono finiti in mezzo alla boscaglia gallese rispettivamente nella PS6 e nella PS7: la Citroën #4 dovrebbe ripartire domani con la Rally2, mentre la Toyota #10 è rimasta danneggiata troppo pesantemente nell'impatto contro una fila di alberi per poter ricevere il via libera dalla Direzione Gara.

Grazie ad un doppio scratch nelle prove serali, Ott Tänak ha completato la sua rimonta passando in testa alla classifica generale. L'estone ha lasciato sfogare Sébastien Ogier nelle prove pomeridiane lanciando poi un repentino contrattacco al calare della sera, a cui il francese non ha potuto resistere. Ora i due principali contendenti per il titolo comandano la classifica, separati da 3"4, ma la situazione è ancora parecchio incerta.

Kris Meeke e Thierry Neuville, infatti, sono tuttora in lizza per la vittoria finale e i primi quattro della classifica sono racchiusi in appena 8"4. Meeke ha comandato la generale fino alla PS8 dopo avere resistito alla sfuriata di Ogier, ma non è stato altrettanto impeccabile nel buio di Dyfnant e Aberhirnant pagando 10"5 al compagno di squadra Tänak. Le gomme morbide non hanno favorito Neuville nel finale di giornata, ma il belga non ha nemmeno perso troppo terreno mantenendo un distacco contenuto. Le condizioni meteo di domani saranno molto importanti per vedere chi sarà più avvantaggiato dalla strada: se dovesse piovere il pilota Hyundai potrebbe avere più agio, se invece dovesse restare asciutto sarà Tänak a poter beneficiare di un terreno più libero da ghiaia.

Alle spalle della top 4, senza i due finnici ritirati, si è creato un discreto gap. Discesa molto ripida per Craig Breen, che ha iniziato il giro pomeridiano a tre secondi da Tänak e lo ha concluso a 33"5 venendo scalzato anche da Andreas Mikkelsen, in vantaggio di 7"8 sull'irlandese dopo avere concluso al secondo posto un paio di prove speciali. Settimo e ottavo posto per le Ford, con Elfyn Evans di nuovo molto veloce ma ormai attardato a causa dei problemi della mattinata: il gallese ha limato a 14"4 il distacco dal compagno di squadra Teemu Suninen. Staccato di quasi tre minuti dalla leadership, invece, Pontus Tidemand.

Colpi di scena anche in WRC-2. Mads Østberg e Gus Greensmith sono stati costretti allo stop, rispettivamente a causa di una perdita d'olio e di un problema meccanico, ma Kalle Rovanperä non ha potuto approfittarne appieno a causa di una foratura nella PS9. Il finlandese è finito alle spalle di Ján Kopecký, autore di una giornata ben poco brillante ma unico rimasto indenne tra le R5 ufficiali: le due Škoda sono separate da 7"5. Anche tra i privati molti protagonisti della lotta per il titolo sono usciti di scena e ad approfittarne è stato Pierre-Louis Loubet, leader a fine tappa con 35"7 su Petter Solberg e 39"1 su Adrien Fourmaux. Benito Guerra è solo settimo, alle spalle di Fabio Andolfi, mentre Ole Christian Veiby e Kajetan Kajetanowicz si sono fermati oggi e ripartiranno solo con la Rally2.

Sempre risicato il distacco tra Nil Solans e Tom Kristensson in JWRC: 16"3 a vantaggio dello spagnolo, vincitore di tre prove contro la singola conquistata dallo svedese. Oltre ai sette punti che guadagnerebbe con la classifica del rally, Solans avrebbe altri due punti di margine dati dalla vittoria delle prove speciali. Terzo Sean Johnston, a quasi tre minuti dal battistrada e in vantaggio di 37"7 su Tom Williams, mentre Enrico Oldrati è settimo.

Sette prove speciali in programma per la giornata di domani, un totale di 151 chilometri. Primo semaforo verde alle 9:06 italiane.

Classifica:

Immagine copertina: Red Bull



Condividi