WRC | Galles: Tänak incrementa il vantaggio, Neuville secondo

WRC
Galles: Tänak incrementa il vantaggio, Neuville secondo

Lotta per la vittoria ancora in pieno svolgimento, con quattro piloti in 26"5 di 05 Ottobre 2019, 22:05

Nonostante un meteo da tregenda nel corso di questo pomeriggio, il Rally del Galles si avvia verso il suo rush finale senza alcuno stravolgimento particolare alla classifica. La pioggia, il terreno fangoso e i banchi di nebbia incontrati soprattutto nelle PS 15 e 16 hanno prodotto come unico colpo di scena il sorpasso di Thierry Neuville su Sébastien Ogier. Il belga della Hyundai ha vinto sia la ripetizione della Myherin che quella di Dyfi e domani dovrà difendere 6"3 sul campione del mondo.

In testa alla classifica è rimasto però Ott Tänak, che anzi ha leggermente incrementato il vantaggio sugli inseguitori portandolo a 11 secondi netti. L'estone ha perso il parafango posteriore nella PS15, la stessa prova che gli costò la vittoria l'anno scorso, ma ciononostante è riuscito a conquistare lo scratch nell'ultima superspeciale dopo una sequenza di tre secondi posti consecutivi. Non è il solito Tänak schiacciasassi, anche perché in un rally come quello a cui stiamo assistendo sarebbe impossibile ricoprire un ruolo del genere, ma la grande consistenza del pilota baltico lo sta decisamente premiando in un momento topico della stagione.

Per aiutare Neuville nel sorpasso, Hyundai ha deciso di giocare d'astuzia. Con l'arrivo della pioggia più forte, la squadra diretta da Andrea Adamo ha deciso di ritardare appositamente la partenza di Craig Breen nella PS15 posizionandolo tra Neuville e Kris Meeke, in modo da offrire al belga un terreno meno scavato. I risultati si sono visti immediatamente, poiché è proprio nella prova di Hafren che Neuville ha completato il recupero su Ogier. Nulla è cambiato per la classifica dell'irlandese, sempre nono e autore di un giro pomeridiano molto prudente a causa dei danni riportati con il capottamento di stamattina.

Quarta piazza per Kris Meeke, distante 26"5 dal compagno di squadra e quindi quantomeno in corsa per un piazzamento sul podio. Il nordirlandese ha comunque perso un po' di smalto in questo pomeriggio, rimediando solo un terzo posto nella PS14 prima di lasciare andare i suoi avversari.

Ottimo il giro pomeridiano di Andreas Mikkelsen, che ha stoppato la rimonta di un Elfyn Evans scatenato. Il norvegese ha sfoderato forse la sua miglior prestazione di sempre al volante della Hyundai vincendo la prova di Hafren e nel computo del pomeriggio ha concesso appena un decimo di secondo al gallese. Il gap tra i due è di soli 4"5 e il quinto posto è ancora in discussione, ma bisognerà dare atto a Mikkelsen di essersi difeso strenuamente. Evans è sempre seguito dalle altre due Ford, quelle di Teemu Suninen e Pontus Tidemand.

Un capottamento nella PS15 ha compromesso il rally di Ján Kopecký spalancando le porte della vittoria in WRC-2 a Kalle Rovanperä. Considerando solo le vetture ufficiali, il finlandese ha ormai quattro minuti e mezzo di margine sul ceco. Nella classifica riservata ai privati ha invece preso il comando delle operazioni Petter Solberg, che al termine di un duello durato tutto il pomeriggio ha staccato Pierre-Louis Loubet di 12"5: l'ultima giornata della gloriosa carriera del norvegese potrebbe coincidere davvero con un altro risultato di grande importanza. Tra il norvegese e il francese si sono posizionati anche Nikolay Gryazin e Tom Cave, non eleggibili per i punti del mondiale cadetto. Adrien Fourmaux completa ancora il podio dei privati, nonostante il vantaggio su Marco Bulacia si sia ridotto a soli 9"8. Quinto Fabio Andolfi.

Jan Solans prenderà invece il via dell'ultima tappa con tre minuti e 24 secondi di vantaggio su Tom Kristensson, per quanto concerne il JWRC. A vantaggio dello spagnolo c'è anche il conteggio delle prove vinte, sette contro le due dello svedese. Il ritiro di Fabrizio Zaldivar ha consentito ad Enrico Oldrati di risalire al quarto posto, ma il podio occupato da Sean Johnston è lontano oltre 13 minuti.

Cinque prove speciali attendono ancora i piloti del WRC per decidere il Rally del Galles. Alle 8:28 italiane, il semaforo verde alla prima frazione.

Classifica:

Immagine copertina: Red Bull


Condividi