WRC | Estonia: tripletta Hyundai in avvio, Tänak al comando

SEGUICI

Telegram | Canale News

Telegram | Gruppo Discussione

Twitter

Instagram

L’estone guida la classifica nel suo rally di casa, Neuville terzo davanti ad Ogier


Il WRC 2020 è ufficialmente ripartito con il Rally di Estonia e finora la situazione di classifica rispecchia le attese della vigilia. Dopo il giro mattutino della prima tappa, Ott Tänak è il leader ed è riuscito a mettere un piccolo margine sugli avversari dopo una serie di prove speciali che non hanno creato grandi differenze tra le WRC Plus.

Nella giornata di ieri un acquazzone si è abbattuto sul campo di gara ma oggi la situazione è rapidamente migliorata, dando il consueto svantaggio ai piloti in testa al campionato. Vista la riduzione del programma del weekend, tuttavia, l’inversione della classifica del rally verrà anticipata già al giro pomeridiano di oggi, pertanto l’ordine di partenza delle prossime cinque prove verrà dato sulla base dell’attuale situazione di gara.

Con due prove speciali già in cassaforte e un passo da rullo compressore, Tänak ha messo 6″8 tra sé e Craig Breen, partito in posizione più favorevole stamattina. Terzo Thierry Neuville a 11″1, a completamento di una tripletta Hyundai. Il belga si è imposto nella PS6, mentre il part-timer irlandese ha confermato la sua competitività sugli sterrati veloci già mostrati anche negli anni scorsi in Finlandia.

Toyota sta d’altra parte cercando di fermare l’offensiva del team tedesco-sudcoreano, ma al momento è relegata alle immediate retrovie. Anche Sébastien Ogier si è aggiudicato due prove speciali ma la sua situazione di apripista gli ha impedito di attaccare al 100% su una superficie piuttosto scivolosa; 15″5 di ritardo per il sei volte iridato, che a sua volta ha un margine di 7″6 su Elfyn Evans. Sfortunato Kalle Rovanperä, vincitore della PS2 e leader del rally ma fermato subito da una foratura nella PS3: sesto posto e 32″3 da recuperare alla fine del primo giro per il giovanissimo finlandese.

Grandi passi avanti anche per Takamoto Katsuta, finora sorpresa di questo rally con il settimo posto assoluto. Il giapponese si è messo alle spalle l’intero team Ford, con Esapekka Lappi ottavo (dopo un errore nella PS6) davanti a Teemu Suninen mentre Gus Greensmith è fuori dalla zona punti con l’11° posto. Davanti al britannico c’è il rookie Pierre-Louis Loubet, al debutto su terra al volante della Hyundai i20 Coupé WRC.

Tra le R5, ora denominate Rally2, sono i piloti privati a farla da padrone al momento. Primo assoluto, e ovviamente leader della categoria WRC-3, è Oliver Solberg al volante della Volkswagen Polo GTI, davanti alle Škoda dell’idolo di casa Egon Kaur e di Kajetan Kajetanowicz. 11″7 di gap tra il figlio d’arte e il pilota estone, che sta sfruttando alla perfezione la conoscenza delle prove speciali. Una foratura nella PS6 è costata la leadership della WRC-2 ad Adrien Fourmaux, che ha perso 25 secondi nei confronti di Mads Østberg sulla Citroën; ora il norvegese detta il passo con 16″5 sulla Hyundai di Nikolay Gryazin, mentre Fourmaux è scivolato anche alle spalle di Pontus Tidemand.

Nel JWRC a dettare il passo è invece il pilota di casa Robert Virves, al debutto assoluto nel mondiale rally. Il 20enne portato in gara direttamente dalla Federazione estone precede di 1″3 il connazionale Ken Torn, rallentato da problemi di idroguida, e di 9″5 Martinš Sesks. Già fuori dai giochi Tom Kristensson, la cui Ford Fiesta Rally4 è rimasta danneggiata all’atterraggio di un salto durante la PS3, e Fabio Andolfi, mentre Marco Pollara ed Enrico Oldrati chiudono la classifica in settima e ottava posizione.

Il giro pomeridiano della prima tappa prenderà il via alle 13:37 italiane, con la ripetizione delle cinque prove di stamani.

Classifica:

Immagine copertina: Red Bull

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

WRC | Estonia: tripletta Hyundai in avvio, Tänak al comando 3
Federico Benedusi
From Ostiglia, provincia di Mantova. Aspirante giornalista e appassionato di sport sin da bambino. Tante, forse troppe le categorie di motorsport che seguo, ma il mio sempre crescente desiderio di conoscere mi impone questo...

ALTRI DALL'AUTORE