WRC | Cancellato il Rally del Cile 2021, torna l’Acropoli

Per il secondo anno consecutivo la corsa sudamericana è stata rimossa dal calendario, dopo otto anni si torna in Grecia


Ad un mese dal terzo round del WRC in Croazia, il calendario del mondiale 2021 ha subito l’ennesima variazione. Per il secondo anno consecutivo, infatti, il Rally del Cile è stato infatti cancellato e in questa occasione la causa scatenante è naturalmente il Covid-19, mentre l’edizione 2020 era venuta meno per le proteste popolari del novembre 2019.

La FIA ha trovato una pronta soluzione riportando nel mondiale uno dei suoi eventi più storici. Dopo otto anni tornerà ad avere valenza iridata il Rally dell’Acropoli, difficilissima corsa che si disputa in Grecia non troppo distante dalla capitale Atene. FIA e WRC Promoter hanno colto l’occasione per firmare un accordo pluriennale col Governo greco.

L’appuntamento con l’arida ghiaia ellenica è per il 9-12 settembre, lo stesso weekend in cui si sarebbe dovuto disputare il Rally del Cile. Oltre a segnare il ritorno nel calendario iridato, l’edizione 2021 (che sarà la numero 65 e la 39esima valida per il mondiale) sarà anche quella della rinascita dell’Acropoli stesso, visto che la corsa non si è disputata nelle ultime due stagioni dopo l’uscita dal campionato europeo.

Queste le dichiarazioni del presidente della FIA, Jean Todt: “Sono convinto del fatto che gli sforzi della Federazione cilena non resteranno vani e che avremo la possibilità di tornare in Cile in futuro. Il Rally dell’Acropoli non ha bisogno di presentazioni, è un evento leggendario con alcune delle prove speciali più dure al mondo. Ho ricordi speciali di questa corsa, l’ho disputata da copilota per cinque volte tra il 1970 e il 1981 e l’ho vinta da team principal Peugeot nel 1985 e nel 1986. Sarà un piacere rivedere l’Acropoli al massimo livello di questa disciplina grazie al supporto delle autorità greche, oltre al grande impegno degli organizzatori”.

Il direttore di WRC Promoter, Jona Siebel, ha aggiunto: “L’Acropoli vanta un capitolo illustre nella storia del WRC e abbiamo apprezzato il grande impegno del Governo greco per riportare la corsa nel calendario mondiale. Bentornati! La storia di questo rally verrà sicuramente ricordata ma allo stesso tempo quello attuale è un Acropoli che può stare perfettamente al fianco degli altri rally iridati. Questo non significa che le difficoltà della corsa verranno meno, le strade di montagna di questo rally offriranno ancora una battaglia molto tosta. Il Cile ha dato prova di essere una corsa molto valida nel 2019. Sfortunatamente il Paese ha sofferto gravemente la pandemia lo scorso anno e la situazione è tuttora difficile. Siamo molto dispiaciuti di avere perso l’evento di quest’anno ma il Cile resta nella famiglia del WRC e ci ritorneremo in futuro”.

Immagine copertina: fia.com

SHARE

SUBSCRIBE

TOP

LATEST

LEGGI ANCHE

F1

FEEDER SERIES

RUOTE COPERTE

RALLY

USA

FULL ELECTRIC

MOTOMONDIALE

SUPERBIKE/SSP

MOTOCROSS