WRC | Argentina: Tänak rompe un semiasse, Neuville nuovo leader

WRC
Argentina: Tänak rompe un semiasse, Neuville nuovo leader

L'estone domina il giro pomeridiano ma poi finisce in testacoda e scivola terzo di 26 Aprile 2019, 23:45

Al termine della prima tappa del Rally d'Argentina, il leader della classifica generale è Thierry Neuville. Per il pilota belga, la giornata che si preannunciava più difficile si è conclusa invece nel migliore dei modi, ossia al comando e con un buon vantaggio sui due rivali per il titolo.

Il giro pomeridiano di questo venerdì è stato perlopiù dominato da Ott Tänak, balzato in testa alla classifica dopo avere vinto nettamente la PS6 e la PS7. Tuttavia l'estone è incappato in un altro episodio sfortunato nella PS8, quando il cedimento di un semiasse lo ha mandato in testacoda. Persa una ventina di secondi, Tänak è scivolato al terzo posto assoluto a 13"4 da Neuville.

Secondo posto per Sébastien Ogier, che ancora non è riuscito a dare la "zampata" a causa di un feeling non ottimale con la Citroën C3. Per il francese è arrivato solo un secondo posto nella PS8, oltre a quelli delle due superspeciali, ma il ritardo da Neuville è solo di 11"9 e i chilometri da percorrere sono ancora molti.

Giro pomeridiano difficile anche per Kris Meeke, che dalla prima posizione è scivolato in quarta dopo tre prove speciali incolori. Lo stesso pilota nordirlandese ha faticato a capacitarsi dei suoi problemi, dopo una splendida mattinata, e ora la classifica lo vede attardato di 28"1. Poco distante da Meeke è Andreas Mikkelsen, probabilmente l'ultimo ad essere realisticamente in corsa per un piazzamento sul podio visti i 29"4 di distacco da Neuville.

Sesto Elfyn Evans, al volante di una Ford che in Argentina non riesce ad ingranare la marcia giusta. Il gallese ha segnato un buon terzo tempo nell'ultima prova di giornata ma in sette prove speciali ha già perso quasi 40 secondi dal capoclassifica, oltre a doverne recuperare quasi dieci su Mikkelsen. Costantemente lontano dai migliori Teemu Suninen, ottavo e staccato di ben due minuti da Neuville dopo un pomeriggio molto prudente. In mezzo alle Ford si trova Daniel Sordo, che ha perso una quindicina di secondi lungo la PS8 dopo un breve stop.

Attardato anche Jari-Matti Latvala, che dopo un testacoda nella PS8 ha concluso la frazione a velocità ridotta per avere visto una bandiera rossa: il finlandese ha creduto che fosse un segnale di neutralizzazione della prova, in seguito all'incidente di Esapekka Lappi, ma la Direzione Gara non ha dato nessuna comunicazione ufficiale a riguardo e pertanto Latvala ha lasciato un altro minuto per strada senza ragione. Con due minuti di gap al termine della prima tappa, per l'ex vice-campione del mondo anche questo rally è destinato a non dare frutti.

Giornata conclusasi in anticipo per Lappi, come detto, a causa di un incidente che ha fortemente danneggiato la sua Citroën. Il pilota finlandese rientrerà in gara domani con la Rally2, senza avere perso troppe posizioni poiché i diversi ritiri tra le WRC-2 gli hanno già permesso di ricollocarsi 11°.

La classe cadetta ha perso altri tre protagonisti nel corso del pomeriggio. Gus Greensmith si è autoeliminato dalla contesa nella PS6, dopo un incidente nel quale ha rotto la sospensione anteriore sinsitra; la PS8 invece ha messo una prematura fine alla giornata di Takamoto Katsuta e Alberto Heller. Nessun problema per Mads Østberg, ora in vantaggio di due minuti e dieci secondi su Pedro Heller, mentre Marco Bulacia ha già recuperato la terza posizione dopo i problemi della mattinata.

Il programma di domani prevede sette prove speciali per un totale di 146,5 chilometri. La prima prova speciale scatterà alle 12:47 italiane.

Classifica:

Immagine copertina: Red Bull



Condividi