World SX | Sei round e tante novità nel calendario provvisorio 2023

World SX
Tempo di lettura: 4 minuti
di Federico Benedusi @federicob95
8 Dicembre 2022 - 18:39
Home  »  World SX

Ancora da definire la location nel sud-est asiatico, quattro nuovi campi di gara prima del gran finale confermato a Melbourne

Con qualche settimana di ritardo sulla tabella di marcia, FIM e SX Global hanno pubblicato il calendario provvisorio del World SX 2023. La prima vera stagione del nuovo mondiale Supercross si articolerà su sei round tra luglio e novembre e, purtroppo, con diverse concomitanze rispetto alla MXGP e alle serie AMA.

Come nella pilot season 2022, il campionato inizierà dalla Gran Bretagna. Ad ospitare la grande apertura stagionale non sarà più, tuttavia, il Principality Stadium di Cardiff, bensì il Villa Park di Birmingham. Il 1° luglio 2023 sarà quindi lo stadio dell’Aston Villa di Premier League a vedere protagoniste le stelle del motocross indoor mondiale. Il weekend coinciderà con il Gran Premio di Lombok del mondiale motocross e con il quinto atto del National a Red Bud.

Il secondo appuntamento andrà in scena un migliaio di chilometri più a sud, il 22 luglio. Il Gran Premio di Francia si disputerà al Groupama Stadium di Lione, altra sede calcistica e in particolare delle partite dello storico club dell’Olympique Lione protagonista della Ligue 1. Anche in questo caso, doppia concomitanza: nello stesso giorno infatti il National correrà a Washougal, mentre la MXGP sarà impegnata a Lommel in Belgio.

Dopo una lunga pausa, con l’arrivo dell’autunno il World SX si sposterà nel sud-est asiatico in una location ancora da definire. La gara del 30 settembre dovrebbe corrersi in Indonesia, all’interno dello stesso (ignoto) stadio che avrebbe già dovuto ospitare la terza e conclusiva prova della pilot season 2022. Per la terza volta consecutiva WSX e MXGP condivideranno un weekend di gara ma anche nel caso del mondiale motocross questo slot è ancora in fase di definizione.

Il 14 ottobre si rientra in Europa e in particolare in Germania, altro Paese storico per quanto riguarda il supercross del vecchio continente. La città prescelta è in questo caso Düsseldorf con la sua Merkur Spiel Arena, sede delle partite del Fortuna Düsseldorf di Zweite Bundesliga, la Serie B calcistica tedesca. Nello stesso fine settimana gli appassionati di motocross potranno seguire anche il Gran Premio di Gran Bretagna della MXGP e soprattutto la finalissima del SuperMotocross al Los Angeles Coliseum: quest’ultima concomitanza, in particolar modo, farà di sicuro discutere e porterà verosimilmente i team del WSX a compiere delle scelte.

Due settimane dopo Düsseldorf, una trasvolata oceanica porterà il campionato in Canada a Vancouver. Il BC Place è un impianto multifunzionale che ospita sia partite di football (BC Lions) che di calcio (Vancouver Whitecaps), ma soprattutto è già stato sede di due gare del mondiale Supercross nel 2005 e nel 2006, con i successi di Ricky Carmichael e James Stewart. Il round canadese, pur collocandosi ad una settimana di distanza dal Motocross delle Nazioni, è il primo senza concomitanze con gli altri due grandi poli del motocross mondiale.

Il gran finale di stagione sarà ancora una volta al Marvel Stadium di Melbourne, con un evento su due giornate il 24 e 25 novembre. Il buon successo di pubblico dell’edizione 2022, oltre all’azzeccata scelta di dividere il programma con il campionato australiano, ha convinto gli organizzatori (australiani) della serie a chiudere nuovamente le ostilità in una delle case più rappresentative dello sport Down Under.

Queste le parole dell’amministratore delegato di SX Global, Adam Bailey: “È incredibilmente gratificante vedere arrivare a fruizione la nostra visione di espansione globale del supercross. Il nostro obiettivo e le nostre ambizioni sono chiare: vogliamo portare il supercross ad un’audience globale tramite un calendario internazionale, visitando diverse destinazioni già ben stabilite e con una forte fanbase e allo stesso tempo nuove regioni in cui questo sport può crescere e fiorire.

Crediamo che il calendario 2023 segua questi propositi, anche se si tratta solo della punta dell’iceberg. Abbiamo ancora tanto margine di crescita, tante regioni del globo hanno il desiderio di proporre a loro volta questo incredibile spettacolo. Stiamo solo grattando la superficie di un piano a lungo termine. La pilot season è stata pensata per mostrare quanto lo sport del supercross sia desiderato in luoghi prima ignorati. L’incredibile coinvolgimento dei fans a Cardiff e a Melbourne hanno rafforzato il fatto che avessimo ragione da questo punto di vista, ora possiamo contare su un forte interesse da parte di città, promoters, emittenti televisive e sponsor che vogliono essere parte di questo campionato. Siamo entusiasti di continuare a portare questo sport ai fans di tutto il mondo”.

World SX | Sei round e tante novità nel calendario provvisorio 2023

Immagine copertina: WSX Media

I Commenti sono chiusi.