WEC | Terza 24h di Le Mans consecutiva per Toyota #8, Aston Martin regina assoluta tra le GTE

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Rebellion #3 getta il podio alle ortiche, Toyota #7 è terza. United Autosports #22 vince in LMP2 ed è campione del mondo


Terza 24h di Le Mans consecutiva per Toyota e per la vettura #8 guidata da Sébastien Buemi, Brendon Hartley e Kazuki Nakajima. Per lo svizzero e il giapponese, che hanno legato il loro nome a questo prototipo, è il terzo successo in riva alla Sarthe mentre per il neozelandese è il secondo dopo quello del 2017 su Porsche.

Vittoria “facilitata” dai problemi patiti dalla Toyota #7, terza al traguardo con un ritardo di sei giri. Mike Conway, Kamui Kobayashi e José María López sono arrivati a Le Mans con un leggero favore del pronostico, confermato dalla magistrale Hyperpole del giapponese, ma se ne vanno ancora a bocca asciutta e anche senza leadership del campionato.

Terzo posto gentilmente concesso dalla Rebellion #3 e da Louis Délétraz, finito fuori pista alla curva Indianapolis a poco più di un’ora dalla fine e costretto quindi ad una lunga sosta riparatrice. Le due vetture svizzere avevano animato la mattinata con ripetuti cambi di posizione, dopo i problemi all’avantreno accusati dalla #1 all’alba, ma il duello si è risolto senza un vero e proprio confronto in pista. Sul gradino di mezzo del podio sono quindi saliti Gustavo Menezes, Norman Nato e Bruno Senna, a cinque giri dai vincitori.

Vittoria e titolo mondiale LMP2 per il team United Autosports, con l’Oreca #22 guidata da Filipe Albuquerque, Paul di Resta e Philip Hanson. Ad aggiudicarsi l’iride sono il primo e il terzo, poiché di Resta non ha partecipato alla 6h del Fuji. Secondo posto finale per il team Jota #38 con Anthony Davidson, António Félix da Costa e Roberto González. Dopo una grande rimonta, sembrava indirizzata al podio anche la #26 del team G-Drive ma nel corso dell’ultima ora il cedimento di una sospensione ha retrocesso la vettura franco-russa in quinta posizione. Terzo posto per la #31 del team Panis Racing con Julien Canal, Nicolas Jamin e Matthieu Vaxivière.

Ottima prestazione per la vettura #50 del team Signatech-Richard Mille con Tatiana Calderón, Sophia Flörsch e Beitske Visser al nono posto di categoria, davanti alla Dallara #47 del team Cetilar con Andrea Belicchi, Roberto Lacorte e Giorgio Sernagiotto.

Il duello tra Aston Martin e Ferrari in GTE-Pro, che ha animato tutte le 24 ore di gara, si è risolto a favore della Vantage #97 di Alexander Lynn, Maxime Martin e Harry Tincknell. La Ferrari #51 non è riuscita a replicare il successo dell’anno scorso con la seconda piazza di James Calado, Alessandro Pierguidi e Daniel Serra che comunque hanno conquistato punti importanti per il campionato mondiale. Terza posizione per la seconda Aston Martin, la #95 di Marco Sørensen, Nicki Thiim e Richard Westbrook. Quarta piazza per la Ferrari del team Risi, mentre la #71 della AF Corse è rimasta senza benzina all’ultimo giro e non è stata classificata. Da cancellare totalmente la Le Mans delle Porsche, rallentate da problemi tecnici e molto lontane dalla lotta per la vittoria.

Il team TF Sport ha portato l’Aston Martin #90 in trionfo nella classe GTE-Am, completando una sontuosa doppietta nelle categorie Gran Turismo. Jonathan Adam, Charlie Eastwood e Salih Yoluç i piloti che si sono divisi la vettura, arrivata ad un trionfo fondamentale anche in ottica iridata. Seconda la Porsche #77 del team Dempsey-Proton con Matthew Campbell, Riccardo Pera e Christian Ried, che nelle ultime battute hanno avuto ragione della Ferrari #83 del team AF Corse di Emmanuel Collard, Nicklas Nielsen e François Perrodo e della Porsche #56 del team Project 1 con Matteo Cairoli, Egidio Perfetti e Larry Ten Voorde.

Le Mans archivia così un’edizione poco avvincente, a causa più che altro alle difficoltà che sta attraversando il WEC in questi anni. La speranza è che già dal 2021, con la classe Hypercars, la maratona della Sarthe si possa riavvicinare ai fasti di qualche anno fa, all’apice dell’era LMP1.

Il mondiale endurance 2019-2020 si concluderà invece nel weekend del 14 novembre con la 8h del Bahrain.

Immagine copertina: fiawec.com

P300 MAGAZINE

Continua a seguirci

Avatar of Federico Benedusi
Federico Benedusi
From Ostiglia, provincia di Mantova. Aspirante giornalista e appassionato di sport sin da bambino. Tante, forse troppe le categorie di motorsport che seguo, ma il mio sempre crescente desiderio di conoscere mi impone questo...

P300 MAGAZINE

NEWSLETTER

ULTIMI ARTICOLI

GRUPPI AMICI

Telegram | Passione Motorsport

ALTRI DALL'AUTORE

P300 MAGAZINE

Continua a seguirci