WEC | Nicolas Lapierre il più veloce nei rookie test del Bahrain

Primi giri sulla Toyota per Ogier, ma a stupire in positivo è Milesi


La stagione 2021 del WEC è definitivamente andata in archivio ieri con i rookie test del Bahrain che hanno fatto seguito alle due gare conclusive del campionato. Una giornata di prove che ha avuto la funzione, come ormai accade da anni, di mettere per la prima volta alcuni piloti al volante delle vetture del mondiale endurance.

Il volto più atteso era ovviamente quello di Sébastien Ogier, al primo vero passo verso una sua futura partecipazione alla 24h di Le Mans. Il sette volte campione del mondo rally si è calato nell’abitacolo della Toyota GR010 Hybrid dominatrice del mondiale 2021 percorrendo un totale di 84 giri della pista di Sakhir. I riferimenti non sono stati entusiasmanti, ma non si ha certezza dell’effettivo lavoro svolto dal francese oltre al fatto che si trattava di una prima assoluta al volante della Hypercar giapponese dopo qualche sessione al simulatore.

Il miglior tempo di giornata lo ha stabilito Nicolas Lapierre al volante della Alpine A480 del team Signatech, in 1:48.697. La vettura LMP1 sarà al via anche nella prossima stagione, poiché FIA e ACO hanno consentito ai vecchi prototipi di affiancare le LMH anche per il 2022.

Lapierre ha staccato di 168 millesimi Mike Conway, uno dei tre campioni del mondo 2021 e migliore dei piloti Toyota nei test. Quarto crono assoluto per l’altro rookie sceso in pista con la GR010, il co-campione LMP2 Charles Milesi. Il pilota francese si è fermato a nove decimi da Lapierre, percorrendo peraltro appena 31 giri.

In LMP2 ha impressionato Sophia Flörsch, che dopo avere disputato il campionato 2021 con Signatech si è calata nell’Oreca del team WRT vincitrice del titolo staccando un 1:50.870 nonostante un malessere dovuto alla febbre. La 20enne tedesca ha percorso ben 102 giri, più di tutti gli altri piloti nelle due categorie riservate ai prototipi.

Secondo tempo per il rientrante Jazeman Jaafar, che di esperienza LMP2 alle spalle ne ha già molta ma in occasione di questi test è tornato al volante dell’Oreca 07 #28 del team Jota Sport. Il malese si è fermato a quattro decimi da Flörsch.

Tra i nomi nuovi, Sebastián Montoya ha segnato il terzo miglior crono sulla vettura del team DragonSpeed guidata da papà Juan Pablo nel corso dell’ultimo campionato mentre Alice Powell, Jamie Chadwick e Lilou Wadoux si sono alternate sulla vettura del team Signatech-Richard Mille concludendo al quinto, al sesto e al settimo posto.

In GTE-Pro ha primeggiato la sconfitta della stagione, la Porsche #92, con Kévin Estre autore di un 1:57.783. Staccato di 52 millesimi ha invece concluso uno dei due campioni, Alessandro Pierguidi, sempre al volante della Ferrari #51. Proprio il piemontese è stato lo stakanovista di giornata con 119 tornate completate. Appena cinque piloti hanno composto la pattuglia delle GTE ufficiali, con la sola Ferrari a portare in pista Simon Mann e Christoph Ullrich come debuttanti.

In GTE-Am ha svettato Andrew Watson, che nella sessione mattutina ha effettuato un veloce shakedown di tutte e tre le Aston Martin Vantage segnando i tre migliori tempi della giornata. Il riferimento assoluto è l’1:58.403 segnato sulla vettura #33 del team TF Sport. Il miglior debuttante è stato quindi Robert Kubica, salito all’ultimo momento sulla Ferrari #60 del team Iron Lynx e fermatosi a 229 millesimi da Watson.

Per quanto riguarda i rookie di Aston Martin, David Pittard e Florian Latorre si sono subito accodati a Kubica in classifica precedendo Alexander Peroni, ex protagonista del campionato di F3 emigrato negli Stati Uniti quest’anno. L’australiano ha girato al volante della stessa Ferrari guidata da Kubica.

Immagine copertina: Alpine Endurance Team Twitter

SHARE

SUBSCRIBE

TOP

LATEST

LEGGI ANCHE

F1

FEEDER SERIES

RUOTE COPERTE

RALLY

USA

FULL ELECTRIC

MOTOMONDIALE

SUPERBIKE/SSP

MOTOCROSS