WEC | Le Mans: vittoria e titolo per la Toyota #8, Ferrari trionfa in GTE

WEC | Le Mans: vittoria e titolo per la Toyota #8, Ferrari trionfa in GTE

Anche quest’anno, la 24h di Le Mans ha avuto il suo finale thrilling. Allo scoccare dell’ultima ora la Toyota #7, dominatrice della corsa per larghi tratti, ha accusato una foratura lenta alla posteriore destra che i meccanici hanno poi sbagliato a sostituire e ha dovuto cedere il passo alla gemella #8, la quale si è aggiudicata la vittoria assoluta e anche il titolo mondiale grazie a Fernando Alonso, Sébastien Buemi e Kazuki Nakajima. Un grosso peccato per Mike Conway, Kamui Kobayashi e José María López, mattatori dell’intera settimana ma beffati sul più bello.

La lotta tra le LMP1 endotermiche per il terzo gradino del podio ha visto uscire vincitrice la BR1 #11 del team SMP Racing guidata da Mikhail Aleshin, Vitaly Petrov e Stoffel Vandoorne, al secondo podio consecutivo in questo finale di stagione. Quarta la Rebellion #1, che alla fine ha battuto la #3 poiché quest’ultima ha dovuto passare diversi minuti nel garage dopo l’incidente di Gustavo Menezes. Ritirate le altre tre partecipanti: un incidente nella notte per la BR1 #17 del team SMP, avaria al cambio per la BR1 #10 della DragonSpeed, problemi alla pompa della benzina per la CLM del team ByKolles.

Vittoria di gara e titolo anche in LMP2 con la Alpine Signatech di Nicolas Lapierre, André Negrão e Pierre Thiriet. La vettura #36 ha vinto con un giro di margine sull’avversaria diretta DC Racing #38 di Gabriel Aubry, Stéphane Richelmi e Ho-Pin Tung, dopo che la G-Drive #26 (poi sesta al traguardo) ha dovuto cedere il passo a causa di un problema di avviamento durante la 19esima ora. Il podio è stato dunque completato da un’altra Oreca, quella del team TDS Racing guidata da Loïc Duval, François Perrodo e Matthieu Vaxivière. Quarta posizione per la Ligier #22 del team United Autosports, mentre la Dallara del team Villorba ha portato a casa il 13° posto. Per quanto riguarda il costruttore parmense è andata peggio al team Nederland, la cui gara si è drammaticamente complicata dopo l’incidente di Nyck de Vries a Indianapolis, causato probabilmente dal cedimento di una sospensione.

A distanza di 70 anni dal primo successo sul Circuit de la Sarthe, Ferrari ha conquistato un’altra vittoria nella categoria GTE-Pro. La 488 #51 si è imposta con James Calado, Alessandro Pierguidi e Daniel Serra, prendendosi una bella rivincita al termine di una stagione povera di soddisfazioni. La svolta della gara è arrivata grazie all’ennesima safety car, quella causata appunto da de Vries, che ha dato un grande vantaggio alla Rossa che poi è stato ulteriormente ampliato da un errore di Jan Magnussen, finito fuori pista con la Corvette #63. Il podio è stato completato da due Porsche: seconda la #91 di Gianmaria Bruni, Richard Lietz e Frédéric Makowiecki, terza la #93 di Earl Bamber, Patrick Pilet e Nick Tandy. Il decimo posto, arrivato dopo il problema allo scarico patito stanotte, è quindi bastato a Michael Christensen e Kévin Estre per aggiudicarsi il titolo mondiale delle Gran Turismo, mentre la Corvette #63 ha concluso solo nona in una gara corsa da grande protagonista per oltre tre quarti della distanza. Ford lascia il WEC in forma ufficiale con il quarto posto della #68, mentre BMW non è andata oltre l’11° posto della #82. Mesto 13° posto per l’Aston Martin #97, l’unica superstite dopo l’incidente di Marco Sørensen.

Finale concitato anche in GTE-Am. A causa di un’irregolarità durante un pit stop, quando Ben Keating ha fatto girare le ruote della Ford #85 mentre era sollevata sui martinetti, il team da lui stesso gestito ha dovuto scontare una penalità di dieci secondi. Dopo avere contenuto il ritorno di Jörg Bergmeister e della Porsche #56 del team Project 1, Keating ha ceduto per l’ultima volta il volante a Jeroen Bleekemolen, che è riuscito a distanziare nuovamente il tedesco. Il successo della violacea Ford GT è stato propiziato anche dalle numerose safety car, ma l’equipaggio composto anche da Felipe Fraga non era assolutamente tra i favoriti della vigilia ed è riuscito a compiere un’autentica impresa. Bergmeister, insieme a Patrick Lindsey ed Egidio Perfetti, ha portato a casa il secondo posto e il titolo mondiale di categoria, anche perché la Ford #85 era invisibile ai fini della classifica. Podio finale anche per una Ferrari, la #85 del team JMW di Rodrigo Baptista, Wei Lu e Jeff Segal, davanti alla gemella della Scuderia Corsa e alla Porsche #77 del team Proton, che non è riuscita a completare la sua rimonta iridata. Solo 13esima la 488 della Spirit of Race, mentre la Porsche #88 guidata da Matteo Cairoli e Giorgio Roda è stata costretta al ritiro dopo gli incidenti in cui è rimasto coinvolto Satoshi Hoshino. Buono il decimo posto dell’equipaggio femminile del team Kessel composto da Rahel Frey, Michelle Gatting e Manuela Gostner.

Con l’edizione 2019 della 24h di Le Mans va in archivio la stagione 2018-2019 del WEC. Un campionato difficile, che ha patito i tanti problemi della sua categoria regina ma che a tratti è riuscito comunque ad offrire quello spettacolo a cui il mondiale endurance ci aveva abituati negli anni precedenti. La pausa estiva prima della stagione 2019-2020 durerà poco più di un mese, poiché alla fine di luglio si tornerà già in pista per i test di Barcellona. L’appuntamento con il primo round del nuovo campionato è per il 1° settembre con la 4h di Silverstone.

Immagine copertina: Toyota Racing WEC Twitter

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

918FollowersFollow
1,678FollowersFollow
WEC | Le Mans: vittoria e titolo per la Toyota #8, Ferrari trionfa in GTE 2
Federico Benedusi
From Ostiglia, provincia di Mantova. Aspirante giornalista e appassionato di sport sin da bambino. Tante, forse troppe le categorie di motorsport che seguo, ma il mio sempre crescente desiderio di conoscere mi impone questo...

NEWSLETTER

Resta aggiornato su P300.it iscrivendoti alla nostra mailing list

ALTRI DALL'AUTORE