WEC | Ferrari presenta la 499P: la celebrazione del passato con lo sguardo al futuro

di Matteo Pittaccio
29 Ottobre 2022 - 22:45

499P, questo è il nome della nuova Hypercar Ferrari che lotterà per la vittoria assoluta della 24 Ore di Le Mans e del FIA WEC. La livrea si lega direttamente allo sport-prototipi degli anni ’70 mentre sotto la carrozzeria si trova una power unit V6 derivata dall’esperienza in F1 e GT. Debutto alla 1000 Miglia di Sebring il 17 Marzo 2023

Ferrari ha finalmente reso pubbliche le prime immagini della nuova Hypercar che correrà nel FIA WEC e che segnerà il ritorno di Maranello alla 24 Ore di Le Mans. Il prototipo prende il nome di 499P, denominazione che indica la cilindrata (499 cm³ per cilindro, dunque 2.994 cm³) allacciando il passato ed il futuro della Scuderia nel mondo dell’endurance. La presentazione è avvenuta nel fine settimana della Finali Mondiali, un evento che ha rappresentato l’occasione perfetta per presentare al grande pubblico l’erede della 312PB e della 333 SP. Come anticipato nei mesi scorsi, AF Corse curerà le due 499P nelle gare del FIA WEC 2023 mentre dal 2024 si potrebbe aprire un effettivo reparto clienti

La livrea si ispira chiaramente alla storia del Cavallino Rampante, impegnato per l’ultima volta a Le Mans nel 1973 prima di dedicare la massima concentrazione verso la sola Formula 1. Il classico rosso si allaccia al giallo Modena e sull’anteriore è posizionato un cerchio bianco destinato al numero di gara, proprio in linea con lo stile grafico adottato da Ferrari nei primi anni ’70. A proposito di numerazioni, il #50 identificherà la prima vettura (come in foto) mentre la seconda 499P correrà con il #51, già utilizzato in LMGTE-Pro.

Per quanto riguarda la power unit, la 499P è spinta da un motore termico centrale-posteriore V6 biturbo da 2.996 cm³, ispirato nell’architettura all’unità della 296 GT3 sebbene diverso nella costruzione. L’elemento termico si unisce a sua volta alla componente elettrica localizzata sull’asse anteriore – ERS – dotata di 200 kW di potenza (272 cv). Per regolamento la vettura non dovrà superare i 500 kW (680 cv) una volta scesa in pista, proprio come accade attualmente con gli altri prototipi di categoria Hypercar. Da specificare che il pacco batterie derivi direttamente dall’esperienza maturata in Formula 1, sebbene esso stesso sia stato adattato alle gare di durata. Sotto la carrozzeria si nascondono delle sospensioni di tipo push-rod che si collegano ad un telaio monoscocca in fibra di carbonio che incastona la power unit, la quale ha funzione portante. Grazie al comparto elettrico la potenza verrà inviata anche all’asse anteriore e la 499P potrà approfittare della trazione integrale da certe velocità in poi, le quali saranno definite da FIA e ACO evento dopo evento o, talvolta, di sessione in sessione.

LA GALLERY DELLA NUOVA FERRARI 499P

LE DICHIARAZIONI DI JOHN ELKANN, ANTONELLO COLETTA E FERDINANDO CANNIZZO

John Elkann, Ferrari Executive Chairman: “La 499P ci permette di tornare a competere per la vittoria assoluta nel mondiale endurance. Quando abbiamo deciso di impegnarci in questo progetto, abbiamo seguito un percorso di innovazione e sviluppo fedele alla nostra tradizione che vede la pista come terreno ideale per sperimentare soluzioni tecniche di avanguardia, prima di trasferirle nelle nostre vetture stradali. Abbiamo affrontato questa sfida con umiltà, ma consapevoli di una storia che ci ha permesso di conquistare più di 20 titoli mondiali e 9 vittorie assolute alla 24 Ore di Le Mans”.

Antonello Coletta, Capo Attività Sportive GT: “La 499P è un sogno che si trasforma in realtà. Oggi è un momento importante per tutte le persone che negli ultimi due anni hanno lavorato duramente a questo progetto. Abbiamo voluto omaggiare la nostra storia, con tanti piccoli e grandi richiami ad un passato fatto di successi e titoli. Nel farlo però, abbiamo guardato avanti, creando un manifesto del nostro impegno nel mondiale endurance. La 499P è un prototipo che è marcatamente Ferrari, nel significato più completo del termine, ed è con emozione che la condividiamo finalmente con i nostri clienti e gli appassionati del nostro marchio”.

Ferdinando Cannizzo, Head of Ferrari GT Track Car Development: “Per me e tutto il gruppo di lavoro questo momento è davvero emozionante, sappiamo di avere una grande responsabilità. Ci siamo cimentati con la concezione e la progettazione di una vettura completamente nuova e particolarmente complessa in ogni sua parte. Una sfida inedita che ha stimolato tutti a mettere in gioco le risorse migliori e ha portato ad una collaborazione a 360° che ha coinvolto tutte le aree aziendali e i partner tecnici. Partire da un foglio bianco ha garantito motivazioni uniche e continue per trovare soluzioni efficaci e garantire alla 499P prestazioni e affidabilità. Dal primo shake down alla prima gara abbiamo pianificato un programma di sviluppo, sia in pista che sui nostri banchi di prova, molto intenso che sta fornendo riscontri interessanti e promettenti. Il lavoro di sintesi che ci attende nelle prossime settimane e che ci vedrà impegnati in ulteriori test in pista, è quello più importante per la messa a punto e l’integrazione finale di tutti i sistemi. Abbiamo ancora molti chilometri da percorrere ma la squadra è consapevole dell’importanza del progetto e continuerà a non far mancare impegno, passione, maturità e grande professionalità.

Immagine di copertina: Ferrari Media Center