WEC | Ferrari annuncia i piloti Hypercar: Fuoco, Molina e Nielsen sulla 50, Pier Guidi, Calado e Giovinazzi sulla 51

WECTop
Tempo di lettura: 6 minuti
di Matteo Pittaccio
10 Gennaio 2023 - 15:15
Home  »  WECTop

Ferrari rende noti i piloti che parteciperanno al FIA WEC 2023 al volante della Ferrari 499P Hypercar. Dopo i vari test svolti la scelta è caduta su Fuoco, Molina, Nielsen, Pier Guidi, Calado e Giovinazzi

La tanto aspettata notizia è arrivata, Ferrari ha ufficializzato i sei piloti che porteranno in pista le due 499P nel FIA World Endurance Championship. La Hypercar numero 50 sarà affidata ad Antonio Fuoco, Miguel Molina e Nicklas Nielsen mentre la 51 accoglierà Alessandro Pier Guidi, James Calado e Antonio Giovinazzi, quest’ultimo in pista a Vallelunga nel test di Dicembre. I sei portacolori di Maranello sono stati selezionati dopo le prove svolte tra Monza, Aragón e Vallelunga, per un totale di sedici mila km percorsi dalla nuova biposto che avrà il compito di riportare Ferrari sul gradino più alto del podio nelle endurance di livello mondiale.

TRA ESPERIENZA E GIOVANI PROMESSE: EQUILIBRIO PERFETTO

Dopo le trionfali e appassionanti stagioni in GT, Alessandro Pier Guidi e James Calado condivideranno una grande sfida, vincere il titolo Hypercar e l’assoluta a Le Mans, consapevoli della forza dimostrata con la 488 tra FIA WEC e GT World Challenge. Anche Miguel Molina ed Antonio Fuoco hanno accumulato la giusta esperienza nelle gare di resistenza arrivando terzi in GTE Pro nell’ultima 24 Ore di Le Mans corsa. Senza dimenticare il trionfo ottenuto da Antonio Fuoco nella 12 Ore di Sebring 2022, dove il 26enne di Cariati si è imposto con i compagni di Cetilar Racing (Lacorte e Sernagiotto) nella classe GTD. Infine, una grande speranza è versata nei confronti di Nicklas Nielsen, con Ferrari dal 2017 (Challenge Europe), campione ELMS nel 2019, vincitore in classe GTE Am nel 2021 e quest’anno campione LMP2 Pro-am con AF Corse.

IL RILANCIO DI ANTONIO GIOVINAZZI?

Se Alessandro Pier Guidi, James Calado, Miguel Molina, Nicklas Nielsen ed Antonio Fuoco sono da tempo in orbita Ferrari/AF Corse, è la scelta di Antonio Giovinazzi che rappresenta la grande novità nel reparto GT del Cavallino. L’originario di Martina Franca ha lasciato la F1 alla fine del 2021 e, dopo un anno con Dragon/Penske in Formula E, ha ritrovato nel progetto 499P la possibilità di competere in una serie mondiale, tra l’altro con un marchio di primo livello. A dirla tutta, quella di Giovinazzi non sarà la prima presenza in una gara endurance: Antonio, infatti, ha partecipato alla 24 Ore di Le Mans 2018 in classe GTE Pro, correndo con la Ferrari 488 GTE #52 insieme a Toni Vilander e Pipo Derani, equipaggio che ha chiuso la gara al quinto posto di categoria. Ancora prima, nel 2016, l’italiano ha corso le 6 Ore di Shanghai e del Bahrain in classe LMP2, categoria in cui si è unito a Extreme Speed Motorsports per gli ultimi due eventi della stagione (degno di nota il secondo posto a Sakhir).

LE DICHIARAZIONI DEI PROTAGONISTI

Antonello Coletta, responsabile Ferrari Attività Sportive GT: “Con la scelta degli equipaggi completiamo l’ultimo tassello del programma che ci separa dal nostro debutto a Sebring. Dal primo shakedown della 499P dello scorso luglio, abbiamo lavorato senza sosta coinvolgendo i piloti della famiglia Ferrari. La decisione relativa ai nomi non è solo funzionale alle gare che disputeremo, ma anche alla crescita che continuerà nel corso del campionato. Abbiamo molto chiaro quello che possiamo chiedere loro in termini di sviluppo e consistenza, non solo di velocità”.

Alessandro Pier Guidi: “Sono molto orgoglioso di essere stato scelto come uno dei sei piloti che porterà in gara l’Hypercar, una vettura la cui importanza – anche storica – ci è molto ben chiara. Guidare una Ferrari ufficiale ti rende fiero ma la 499P rappresenta uno step ulteriore. Ci sono grandi aspettative, a maggior ragione perché corriamo per Ferrari. Ci aspetta una stagione importante ma mi sto preparando duramente per farmi trovare pronto. Sebring è dietro l’angolo, ma abbiamo ancora dei test davanti a noi per essere pronti per la prima gara anche se il nostro reale livello si potrà capire con le gare europee”.

James Calado: “Sono estremamente felice di essere coinvolto nel progetto Le Mans Hypercar, lottando per la vittoria assoluta nelle gare e per il campionato con i colori di Ferrari è un sogno che si avvera. Sono stato coinvolto nello sviluppo della 499P e ne conosco il potenziale alla vigilia di questa stagione nel FIA WEC. Continueremo a lottare come un team, facendo il massimo per tutte le persone coinvolte. Voglio ringraziare Ferrari e specialmente Antonello per questa opportunità”.

Antonio Giovinazzi: “L’esordio della 499P sarà un momento destinato a entrare nella storia del Cavallino Rampante e per me sarà un grande onore essere parte di questo straordinario momento. Sappiamo di avere una grande responsabilità che affronteremo con grande umiltà, ma consapevoli della nostra forza e pronti per questa grande sfida”.

Antonio Fuoco: “È una grandissima emozione per me far parte di questo programma, perché il ritorno di Ferrari dopo 50 anni nella top class del mondiale endurance è storico. È una grandissima responsabilità per tutti noi ma, al tempo stesso, siamo tutti molto motivati per fare un buon lavoro. Per quanto mi riguarda non vedo l’ora di iniziare questo nuovo programma perché per me è speciale, avendo avuto modo di vederla nascere e svilupparla. Stiamo lavorando tanto durante i test e non vedo l’ora di poter gareggiare a Sebring”.

Miguel Molina: “Sono molto contento per questa opportunità e voglio ringraziare Ferrari per aver creduto in me. Poter gareggiare nella categoria regina del FIA WEC è una delle cose più importanti a livello sportivo della mia carriera. È un piacere difendere i colori di Ferrari in un anno importante, a 50 anni dall’ultima gara disputata nel mondiale in top class. Non ho parole per spiegare quello che provo perché questo traguardo rappresenta l’apice della mia carriera e un sogno che inseguivo da tempo”.

Nicklas Nielsen: “È difficile spiegare cosa provo in questo momento. Ho disputato la mia prima gara con Ferrari nel 2017 e ora faccio parte del programma Hypercar. Essere uno dei primi sei piloti a guidare la 499P nella sua stagione di esordio nel mondiale endurance è incredibile. Sono molto orgoglioso e felice per il supporto e la fiducia che mi è stata accordata da Ferrari, Antonello, e Amato Ferrari. È stato un percorso incredibile fino ad oggi e spero continui a lungo. Non vedo l’ora di iniziare a lavorare assieme ai miei compagni. Guidare l’Hypercar rappresenta però un enorme passo avanti per la mia carriera”.

Immagine di copertina: Ferrari – media center