WEC | Addio alla GTE-Pro al termine di questa stagione

Il 2022 segnerà la fine di un era con le case ufficiali non più impegnate nella classe regina delle GTE. La GTE-Am continuerà per un’altra stagione.

Nella tradizionale conferenza stampa del venerdì della 24 Ore di Le Mans sono sorte le novità che riguardano il futuro delle grande classica francese, ma anche del Mondiale Endurance. Una delle notizie principali di quest’anno è la chiusura della classe GTE-Pro al termine della stagione in corso.

Con l’arrivo delle vetture GT3 a partire dal 2024 e il prossimo impegno di Ferrari e Porsche in classe Hypercar dal prossimo anno, andrà sciogliendosi una delle categorie più combattute della gara di Le Mans. Istituita nel 2011, nella seconda delle due stagioni della Intercontinental Le Mans Cup, la classe GTE chiuderà i battenti dopo 11 anni e ben 7 costruttori che vi hanno preso parte: Aston Martin, BMW, Chevrolet, Ferrari, Ford, Lotus e Porsche.

Proprio il fatto che due dei tre costruttori, ora iscritti in questa classe, abbiano avanzato la volontà di abbandonarla per concentrarsi sul nuovo programma in classe regina, porterebbe la Corvette tra le GTE-Pro a rimanere l’unica rappresentante ufficiale, motivo per il quale si è arrivati alla decisione di dissolvere la storica classe dei professionisti.

Per il prossimo anno, dunque, le uniche vetture del panorama GT al via saranno quelle della classe GTE-Am – la quale terminerà il suo corso a fine 2023 – trovandosi così ad avere una schiera di vetture tra le quali non comparirà nemmeno un equipaggio formato esclusivamente da piloti professionisti.

L’ACO ha però fatto presente che l’unica condizione per poter continuare, eventualmente, con la classe GTE-Pro anche nella prossima stagione, sarà quella di avere almeno quattro vetture iscritte, appartenenti ad almeno due costruttori diversi.

Immagine di copertina: FIA WEC Press Area / Marius Hecker – focuspackmedia.com

SHARE

SUBSCRIBE

ULTIME NEWS