WEC | 6h di Spa 2021: Toyota #7 la prima LMH in pole position

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Kamui Kobayashi è il primo poleman della nuova categoria, Porsche comanda in GTE-Pro


La prima pole position della nuova era Hypercars del WEC è andata a Toyota. Nella 6h di Spa-Francorchamps di oggi pomeriggio, a scattare davanti a tutti sarà la GR010 Hybrid #7 guidata da Mike Conway, Kamui Kobayashi e José María López grazie al tempo di 2:00.747 stabilito dal pilota giapponese.

Le polemiche dopo i test di questa settimana non sono mancate ma i valori del bollettino tecnico sono rimasti invariati, con le LMP2 non appesantite oltre i 950 chili stabiliti dal regolamento 2021 e le LMH in pista con il Balance of Performance indicato prima del prologo, quindi 1040 chili per le Toyota e 930 per la Alpine LMP1.

Le qualifiche, anch’esse rivoluzionate nel format con l’utilizzo di un solo pilota e senza più media dei migliori due tempi, si sono dunque concluse con Kobayashi più lento di ben sette secondi rispetto al record della pista segnato da Stéphane Sarrazin nel 2017 ma, questa volta, davanti alle LMP2.

Kobayashi ha preceduto di 519 millesimi Kazuki Nakajima, sulla Toyota #8, mentre Nicolas Lapierre è rimasto lontano quasi due secondi al volante della Alpine A480 LMP1.

La vettura francese è stata preceduta dalla migliore delle LMP2, che senza grosse sorprese è stata la #22 del team United Autosports guidata da Filipe Albuquerque. 2:02.404 il tempo del portoghese, a quasi due secondi e mezzo dal primato di categoria con tutte le limitazioni imposte alle vetture cadette.

Albuquerque ha staccato Nyck de Vries, al volante della Aurus #26 del team G-Drive, di 580 millesimi dimostrandosi ancora una volta uno dei piloti più veloci sulla piazza. Terzo Giedo van der Garde sulla vettura del team Nederland, in pole position tra le LMP2 Pro-Am, trofeo riservato agli equipaggi che abbiano solo un Platinum o Gold al proprio interno.

Tra le delusioni delle qualifiche annoveriamo le due vetture del team Jota, solo sesta e settima con Stoffel Vandoorne e Anthony Davidson, e quella del team WRT addirittura decima con Robin Frijns. 12° posto per l’equipaggio tutto femminile del team Signatech-Richard Mille, con Tatiana Calderón al volante dell’Oreca #1.

In classe GTE-Pro, ancora protagonista Porsche con la pole position della #92 di Kévin Estre e Neel Jani, pilotata in questo caso dal francese. In questo caso, invece, il primato della pista delle Ardenne è crollato: 2:12.420 il vecchio record di Olivier Pla, 2:11.219 il nuovo tempo di Estre.

Oltre un secondo di ritardo, come verificatosi già nei test, per la Ferrari. Secondo posto per la #52 con Miguel Molina, che ha preceduto la Porsche #91 di Richard Lietz, quarta la 488 Evo #51 con Alessandro Pierguidi. Chiude la fila, a quasi due secondi, la Corvette ufficiale di Antonio García e Oliver Gavin, che quest’oggi disputerà l’ultima gara della sua carriera.

In GTE-Am, categoria nella quale da quest’anno dovranno essere gli amatori a qualificare la vettura, Ben Keating ha portato davanti a tutti la Aston Martin del team TF Sport in 2:14.660. Doppietta per il marchio britannico, con Paul Dalla Lana in seconda posizione con la Vantage #98 da quest’anno in gestione a NorthWest Racing.

Terza la Porsche #88 del team Dempsey-Proton guidata da Andrew Haryanto, davanti ad una quaterna di Ferrari comandata dalla #54 del team AF Corse, con Thomas Flohr al volante. Solo quinta la #83 campionessa in carica cn François Perrodo.

L’appuntamento è dunque per le 13:30 con la prima bandiera verde della nuova epoca del WEC. La 6h di Spa-Francorchamps 2021 aprirà un nuovo e, si spera, grande capitolo nella storia delle competizioni endurance.

Classifica:

Immagine copertina: Toyota Gazoo Racing WEC Twitter

P300 MAGAZINE

Continua a seguirci

Avatar of Federico Benedusi
Federico Benedusi
From Ostiglia, provincia di Mantova. Aspirante giornalista e appassionato di sport sin da bambino. Tante, forse troppe le categorie di motorsport che seguo, ma il mio sempre crescente desiderio di conoscere mi impone questo...

P300 MAGAZINE

NEWSLETTER

ULTIMI ARTICOLI

GRUPPI AMICI

Telegram | Passione Motorsport

ALTRI DALL'AUTORE

P300 MAGAZINE

Continua a seguirci