WEC | 38 vetture nella entry list del mondiale 2023

WEC
Tempo di lettura: 6 minuti
di Federico Benedusi @federicob95
11 Gennaio 2023 - 12:04
Home  »  WEC

Ben 13 pretendenti al titolo della categoria Hypercars divideranno la griglia con 11 LMP2 e 14 GTE

FIA e ACO hanno diramato ufficialmente la entry list del WEC 2023. Un parco partenti molto ricco, pari a 38 vetture distribuite nelle tre categorie rimanenti dopo la fine della GTE-Pro. Sorprende il numero di partecipanti alla classe Hypercars, addirittura a quota 13, numero mai raggiunto dalla categoria regina in un decennio dal ritorno del mondiale endurance.

Vediamo nel dettaglio i team che parteciperanno a tempo pieno al campionato 2023, che scatterà il 17 marzo con la 1000 miglia di Sebring dopo i test ufficiali della settimana precedente.

LMH

Nessuna particolare sorpresa per quanto concerne i team factory, che avevano già annunciato i rispettivi programmi in vari momenti. Cadillac e Chip Ganassi Racing hanno ufficializzato i loro tre piloti a inizio ottobre, Toyota ha confermato in blocco i due equipaggi a pochi giorni dalla fine del mondiale 2022, Porsche ha presentato la composizione delle due vetture alla Night of Champions di metà dicembre, Ferrari ha girato le sue carte ieri (e le ha rigirate oggi, poiché i due equipaggi sono stati scambiati di numero) e Peugeot ha di fatto riproposto i sei piloti nello stesso ordine visto nella seconda parte del 2022.

Tornerà in pista anche Glickenhaus, come nel 2022 con una sola vettura per tutta la stagione più una ulteriore in occasione della 24h di Le Mans. Presenti in forza due team privati Porsche: Jota Sport con il trio composto da António Félix da Costa, Will Stevens e Ye Yifei e Proton Competition che al momento ha annunciato il solo Gianmaria Bruni, rimasto fuori dagli equipaggi ufficiali di Weissach.

A completare lo schieramento, dopo due anni di test, sarà la Vanwall Vanderwell 680 gestita dalla scuderia di Colin Kolles. La vettura è quella che inizialmente venne definita ByKolles PMC e ora riprende lo storico marchio capace di vincere il primo mondiale costruttori nella storia della F1 nel 1958. A completare il trio di piloti comprendente i tester Tom Dillmann ed Esteban Guerrieri sarà nientemeno che Jacques Villeneuve, che a 51 anni tornerà a competere in un campionato mondiale nonché alla 24h di Le Mans.

LMP2

Alla luce dell’espansione della categoria Hypercars sorprende la presenza di ben 11 vetture nella classe LMP2, che tuttavia sarà un monomarca Oreca. I pochi piloti già annunciati lasciano peraltro presagire come anche quest’anno la classe cadetta dei prototipi proponga un altissimo livello di competizione in pista e tra le squadre.

Con il passaggio di da Costa e Stevens alla categoria principale, Jota Sport difenderà il titolo 2022 con una sola vettura affidata al confermato Oliver Rasmussen, al connazionale David Heinemeier Hansson e alla novità di Pietro Fittipaldi, che alternerà il suo impegno nel WEC a quello da terzo pilota Haas F1.

In attesa della concretizzazione del progetto LMDh prevista per il 2024, Alpine Signatech ha deciso di tornare alla LMP2 con due vetture: confermati Matthieu Vaxivière e André Negrão, che tuttavia gareggeranno in equipaggi separati. WRT, team ufficiale di BMW che debutterà nel mondiale il prossimo anno, espanderà a due vetture il proprio progetto così come Prema, la quale ha confermato nel frattempo Juan Manuel Correa e Doriane Pin.

Pretendente al titolo anche United Autosports, ancora con due vetture dagli equipaggi già completati: pur non figurando nella entry list, il terzo pilota della #22 è già stato confermato essere Ben Hanley. Inter Europol Competition e Vector Sport (team ufficiale di Isotta Fraschini, la cui iscrizione full season non è stata accettata) saranno, a loro volta, di nuovo protagoniste della serie.

GTE

La classe unica riservata alle vetture Gran Turismo, che traghetterà la categoria verso l’arrivo delle GT3 previsto per il 2024, sarà composta da 14 vetture affidate a terzetti di piloti professionisti e amatori.

AF Corse scenderà in pista con tre Ferrari 488 al fianco delle due LMH e sarà l’unica rappresentante di Maranello insieme alla svizzera Kessel Racing, che invece schiererà una sola auto. Iron Lynx, in attesa di correre con Lamborghini LMDh ufficiali dall’anno prossimo, sarà infatti protagonista con due Porsche e una di queste sarà nuovamente affidata ad un equipaggio tutto femminile composto da Sarah Bovy, Rahel Frey e Michelle Gatting.

Molto compatto è lo schieramento delle 911 RSR tedesche, con Proton Competition a quota due mentre Project 1 e GR Racing porteranno a loro volta un’unità. Tre Vantage AMR per Aston Martin, con TF Sport che preparerà due auto per la filiale giapponese (D’Station) e quella dell’Oman (ORT) e NorthWest Racing rappresentata dal solito Paul Dalla Lana. A questi protagonisti si aggiungerà Corvette Racing, con una C8R gestita dall’équipe di Ben Keating e guidata dallo stesso pilota statunitense insieme a Nick Catsburg e ad un altro pilota da confermare.

Questa, dunque, è la entry list completa del WEC 2023:

WEC | 38 vetture nella entry list del mondiale 2023

Il presidente dell’ACO, Pierre Fillon, ha dichiarato: “Il WEC è pronto ad iniziare una delle stagioni più elettrizzanti di sempre. Sulla griglia delle Hypercars avremo sette marchi e 13 vetture. La stagione comprenderà il centenario della 24h di Le Mans, tanto atteso da tutti gli appassionati di motorsport del mondo. Ci rivediamo l’11 marzo a Sebring per il prologo di questa fantastica stagione”.

Il presidente della Commissione Endurance FIA, Richard Mille, ha aggiunto: “L’ampio numero di vetture in griglia sottolinea la crescita di appeal che il WEC continua ad avere anno dopo anno. La classe Hypercars ha raggiunto il punto che avevamo previsto nei primi giorni di sviluppo di questo concetto, con 13 vetture di sette costruttori differenti. La classe LMP2 continua ad essere altamente competitiva, mentre la decisione di avere una sola classe GT è stata una giusta mossa in vista del futuro della categoria nel campionato principale del mondo endurance. Sono convinto che il 2023 marcherà l’inizio di una nuova epoca d’oro del WEC”.

L’amministratore delegato del WEC, Frédéric Lequien, ha concluso: “Vedere il WEC e le competizioni per prototipi diventare sempre più forti è veramente fantastico. Colgo l’occasione per dare il benvenuto a Cadillac, Ferrari, Porsche e Vanwall nella nuova classe Hypercars, per noi è un grande onore avere così tante Case impegnate e fiduciose nel WEC. Per noi è incoraggiante anche vedere così tanti iscritti in LMP2 e nella nuova classe GTE-Am: il WEC si sta preparando alla sua miglior stagione di sempre”.

Immagine copertina: fiawec.com

Lascia un commento