WEC | 24h di Le Mans 2021: Kobayashi e Toyota #7 svettano nelle qualifiche

Alpine attardata di otto decimi, poi l’altra Toyota. In GTE è doppietta Ferrari


L’ora di qualifiche che ha deciso gli equipaggi partecipanti alla Hyperpole della 24h di Le Mans 2021 si è conclusa con la Toyota #7 ancora al comando, come nella FP1. Ed esattamente come nella prima sessione di libere è stato Kamui Kobayashi a dettare il passo, portando la nuova GR010 Hybrid a 3:26.279 come miglior tempo.

Se nella sessione pomeridiana Alpine aveva concluso in scia alla Toyota, nelle qualifiche la vettura francese ha pagato otto decimi di ritardo con Matthieu Vaxivière, il quale ha comunque preceduto la Toyota #8 di mezzo secondo. La vettura campionessa in carica è stata condotta al terzo posto da Brendon Hartley.

Progressi anche per Glickenhaus, al quarto posto con la vettura #708 grazie al crono di Olivier Pla. Il transalpino ha segnato un 3:28.256, poco meno di due secondi più lento rispetto a Kobayashi. Senza piazzamenti per la Hyperpole da difendere, vista la presenza di appena cinque vetture, l’altra 007 si è qualificata settima assoluta.

Con oltre 20 vetture in pista, la LMP2 ha visto la solita guerra per i piazzamenti nella sessione decisiva. Il traffico e le bandiere gialle hanno penalizzato alcuni equipaggi tra i favoriti e tra i delusi c’è sicuramente Filipe Albuquerque, mai capace di trovare un giro pulito e alla fine solo 12° sulla vettura #22 del team United Autosports.

Dopo l’incidente di Anthony Davidson nelle prove libere, il team Jota Sport si è rifatto con gli interessi piazzando António Félix da Costa davanti a tutti con la #38. Il portoghese ha messo a segno un 3:28.807 impareggiabile per tutti e si è lasciato alle spalle la #26 del team G-Drive Racing guidata da Nyck de Vries; terza la #41 del team WRT con Louis Délétraz, poi la #65 del team Panis Racing con Will Stevens. United Autosports ha comunque qualificato per la Hyperpole le altre due vetture, la #32 guidata da Nicolas Jamin e la #23 grazie a Paul di Resta. Fuori la #48 del team Idec Sport, con Paul-Loup Chatin che dopo avere realizzato il miglior tempo nei test dello scorso weekend è finito subito contro le barriere di Tertre Rouge, causando una full course yellow e chiudendo anzitempo la propria qualifica.

Doppietta Ferrari in GTE-Pro. In 3:46.011, Daniel Serra ha segnato il nuovo record assoluto sul giro della categoria al volante della 488 #52, staccando di mezzo secondo la #51 pilotata da James Calado. Discreta batosta per Porsche, rimasta a sette decimi con Kévin Estre sulla #92 e rientrata in Hyperpole solo per il rotto della cuffia con la #91 sesta. Un posto al sole anche per Corvette, con la #64 di Nick Tandy in quarta piazza, e per la Porsche del team HubAuto qualificata quinta da Dries Vanthoor.

Record anche per la classe GTE-Am, con la Porsche #88 del team Proton capace di segnare un 3:48.620 grazie al talentuoso francese Julien Andlauer. Anche in questo caso il distacco sul primo inseguitore è nell’orbita dei cinque decimi e anche per la categoria dedicata agli amatori si è assistito ad una doppietta, con la 911 del team GR Racing seconda con Ben Barker. Terzo sul filo di lana Antonio Fuoco con la migliore delle Ferrari, quella del team Cetilar Racing, mentre per la Hyperpole hanno trovato posto anche la 488 del team Inception Racing (con Ben Barnicoat), la Porsche #56 del team Project 1 (con Matteo Cairoli) e l’Aston Martin #95 del team TF Sport (con Felipe Fraga).

Alle 22:00 si riaccenderà il semaforo verde per la disputa della FP2 in notturna. Team e piloti avranno a disposizione altre due ore per prendere confidenza con la pista di Le Mans anche senza luci naturali.

Classifica

Immagine copertina: TGR WEC Twitter

CANALI TEMATICI SU TELEGRAM

NEWSLETTER

P300 MAGAZINE

PARTNERS

GRUPPI AMICI

ULTIMI ARTICOLI

COMMENTA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ALTRI DALL'AUTORE

CANALI TEMATICI SU TELEGRAM