WEC | 24 Ore Le Mans 2024, Q1: Dries Vanthoor vola in testa con la BMW, Kobayashi fuori pista nel finale

WEC | 24 Ore Le Mans 2024, Q1: Dries Vanthoor vola in testa con la BMW, Kobayashi fuori pista nel finale

WEC
Tempo di lettura: 4 minuti
di Matteo Pittaccio
12 Giugno 2024 - 20:44
Home  »  TopWEC

Dries Vanthoor e BMW comandano nelle Q1 della 24 Ore di Le Mans. Bandiera rossa per Kobayashi, Ferrari in Hyperpole con le 499P ufficiali. COOL e Ford svettano in LMP2 e GT3-Am

La prima sessione di qualifiche della 92esima 24 Ore di Le Mans ha visto Dries Vanthoor strappare un sorprendente miglior tempo, regalando a BMW ed al Team WRT la vetta della classifica e l’accesso alla Hyperpole di domani grazie ad un eccezionale 3:24.465. Il belga si è imposto battendo di quasi due decimi la Cadillac-Chip Ganassi Racing #3, in gara solo a Le Mans con Renger van der Zande, Sebastien Bourdais e Scott Dixon, mentre la prima LMh è stata la Ferrari AF Corse #50, terza con solamente due centesimi di margine sulla Toyota Gazoo Racing #7.

Proprio quest’ultima macchina ha provocato la bandiera rossa che ha posto fine anticipatamente alla Qualifica 1 a poco più di due minuti dalla fine, con Kamui Kobayashi caduto nella trappola delle curve Corvette. Ormai vicino al traguardo, il giapponese ha aggredito con troppa foga i dissuasori all’interno del cordolo e la GR010 #7 è finita in ghiaia. Un disastro vero e proprio per Toyota poiché al danno si è aggiunta la beffa: alle spalle di Kobayashi viaggiava l’auto gemella di Brendon Hartley, obbligato a migliorarsi per staccarsi dalla dodicesima posizione ed accedere alla Hyperpole. Tuttavia, trovando la bandiera gialla il neozelandese è stato obbligato a rallentare, cestinando un giro che sarebbe stato sufficiente per scalare la classifica. A render ancor prima già difficile la Q1 di Hartley ci si è messo anche un pericoloso testacoda dopo la prima chicane dell’Hunadieres, dinamica provocata da pneumatici freddi. Tra l’altro, avendo provocato la bandiera rossa, Kobayashi ha perso i migliori giri registrati nel turno (art. 10.2.4).

Buona prova, invece, per Alpine, in Top10 con entrambe le LMDh. Se la #36 di Nico Lapierre ha mancato la qualificazione alla Hyperpole di domani, la #35 guidata da Paul-Loup Chatin ha stampato un gran crono, posizionando al quinto posto con soli quattro decimi di ritardo. In questo modo sono cinque i marchi diversi ad occupare la Top5, segno che – almeno in qualifica – i valori siano alquanto equilibrati. Proseguendo, in sesta casella troviamo Alex Lynn sulla Cadillac #2 di Chip Ganassi Racing, seguita a ruota dalla Ferrari #51 di Alessandro Pier Guidi. L’equipaggio Campione in carica a Le Mans ha avuto la meglio sulla Porsche Penske #6, arrivata a la Sarthe da leader del Mondiale Hypercar. Kevin Estre non ha avuto vita facile e l’ottavo posto è arrivato in extremis, così come l’accesso alla sessione di domani, raggiunta per solamente un decimo di scarto sulla Porsche Jota #12 di Callum Ilott, che potrebbe entrare in Hyperpole se i tempi di Kobayashi venissero cancellati. Non sono mancati i brividi per Estre, costretto ad abortire un giro decisamente valido per un’incomprensione con una Lamborghini nel tratto di Mulsanne. L’altra Porsche Penske, la #5, non ha avuto la stessa fortuna, qualificandosi undicesima per la 24 Ore.

Passando agli altri, Ferrari AF Corse non va oltre la tredicesima piazza con la #83, appena davanti alla Lamborghini-Iron Lynx #63, non troppo distante dalla prima posizione nonostante il turno abbia visto Mirko Bortolotti in testacoda alla Chicane Dunlop a causa delle gomme fredde. Da dimenticare la giornata per Peugeot, che scatterà solamente in sedicesima (#93) e ventunesima (#94) sabato alle ore 16:00.

Passando alla LMP2 la miglior prestazione è stata firmata da Malthe Jakobsen sull’Oreca #37 di COOL Racing, seguito in scia da Louis Delètraz, portacolori AO by TF Sport ed iscritto alla categoria Pro/Am. A giocarsi la Pole Position nella Hyperpole saranno anche le due United Autosports, Panis Racing, IDEC Sport, Vector e DKR Engineering. Undicesima casella per Inter Europol Competition, vincente nel 2023, mentre segnaliamo l’opaca prestazione di APR, in coda alla classifica con ambedue le auto.

In LMGT3-Am colpo di reni degno di nota per Ford-Proton Competition, al comando della categoria con la #77 pilotata da Benjamin Barker. In coda alla nuova GT3 a stelle e strisce si è piazzato Frederik Schandorff con la McLaren di Inception Racing, poi la Corvette by TF Sport di Daniel Juncadella. Domani saranno protagoniste anche Iron Lynx, Manthey PureRxcing, Heart of Racing, JMW e D’Station, team che si appropriano delle prime otto posizioni spedendo fuori le Iron Dames e soprattutto le BMW del Team WRT, che dalla gloriosa qualifica in Hypercar passa al dodicesimo posto della #46 e il quindicesimo della #31.

TUTTI I RISULTATI QUI

Immagine di copertina: BMW Motorsport – X

Leggi anche

Tutte le ultime News di P300.it

È vietata la riproduzione, anche se parziale, dei contenuti pubblicati su P300.it senza autorizzazione scritta da richiedere a info@p300.it.

LE ULTIME DI CATEGORIA
Lascia un commento

Devi essere collegato per pubblicare un commento.

COLLABORIAMO CON

P300.it SOSTIENE

MENU UTENTE

REGISTRATI

CONDIVIDI L'ARTICOLO
RICEVI LA NEWSLETTER
Iscriviti per rimanere sempre aggiornato
(puoi sempre iscriverti in seguito)
SOCIAL
Iscriviti sui nostri canali social
per ricevere aggiornamenti live