Volenti o nolenti, buona Season 9 a tutti

Blog
Tempo di lettura: 5 minuti
di Daniele Botticelli @DBDeiman
10 Gennaio 2023 - 11:00
Home  »  Blog

La Season 9 di Formula E è finalmente arrivata e sarà emozionante e storica. Con buona pace di tutti.

Il 14 gennaio 2023 sarà una data storica per la Formula E, con l’ePrix di Città del Messico che non solo aprirà la Season 9, ma soprattutto decreterà il via dell’era Gen3, con la nuova monoposto che dopo tanta attesa farà finalmente il proprio debutto in pista.

L’avvento di questa nuova vettura si sposa di pari passo con la continua evoluzione che sta avendo il campionato, ormai giunto al nono anno della propria storia continuando la propria ascesa nel panorama del motorsport mondiale, arrivando ora ad essere considerato tra i campionati più importanti del pianeta, anche secondo alla sola Formula 1 per alcuni ma puramente per un fattore di popolarità e storia passata, non per livello in pista e competitività di vetture e campionato. Eh sì, ormai è proprio così: volenti o nolenti, la Formula E è ormai diventato un campionato d’elité, con l’imminente Season 9 pronta a confermare questo dato di fatto.

La serie Full Electric ha ormai raggiunto la propria identità, differenziandosi del tutto dagli altri campionati (anche con alcune norme regolamentari un po’ controverse) ma arrivando a fornire un vero spettacolo al pubblico e soprattutto una sfida senza eguali per i piloti che vi partecipano, che in più occasioni non fanno altro che affermare quanto sia complicato guidare una monoposto di Formula E rispetto a qualsiasi altra vettura o prototipo presente nel motorsport. E considerando che molti dei 22 piloti presenti in griglia hanno attualmente un doppio programma, principalmente con il WEC, l’impegno da loro profuso nel guidare due vetture completamente diverse tra loro si può solo che ammirare, dovendo cambiare completamente approccio e mentalità ogni qual volta si siedono al volante di una o dell’altro veicolo.

Season 9
La nuova monoposto Gen3, al debutto in questa stagione.

La stagione di Formula E che sta per iniziare vedrà l’avvento della nuova monoposto Gen3, che finalmente vede la luce dopo un lungo periodo di progettazione e lavoro, con lo scoppio della pandemia che ne ha rinviato il debutto di almeno un anno. Questa nuova monoposto è un notevole passo avanti dal punto di vista tecnologico rispetto alla precedente Gen2, riuscendo già ad esserne più veloce nonostante il suo ciclo di vita sia appena iniziato, e dunque con la possibilità di migliorare ulteriormente le proprie prestazioni nel corso del proprio ciclo di vita.

Oltre al dato della performance pura, i test pre-stagionali ci hanno raccontato anche di alcune difficoltà dal punto di vista dell’affidabilità, con molti problemi che hanno condizionato il lavoro dei team e che hanno anche fatto scattare qualche allarme sul fattore sicurezza, in particolar modo dopo gli incidenti di Sébastien Buemi e Pascal Wehrlein visti nell’ultimo giorno di test. Queste preoccupazioni sono comprensibili, però la sensazione è che questi piccoli intoppi siano dei classici incidenti di percorso piuttosto tipici per un prodotto tecnologico appena nato, e che con il passare del tempo, il duro lavoro e il continuo sviluppo di queste unità tutto ciò sarà solamente un lontano ricordo. D’altronde, anche all’inizio dell’era Gen1 c’era qualche problema di troppo, con diversi ritiri nelle prime gare della Season 1 dovuti a intoppi tecnici, ma la situazione è poi migliorata fino al passaggio alla Gen2 datato 2018/2019.

La Gen3 è una vettura innovativa anche per quanto riguarda il lato estetico, con delle linee inedite e accattivanti mai viste prima su una monoposto, riprendendo un po’ lo stile “fuori dagli schemi” intravisto anche con la precedente Gen2. E se è vero che anche l’occhio vuole la sua parte, le forme di questa vettura hanno immediatamente scatenato tantissimi commenti di tutti i tipi. C’è chi ne ha apprezzato sin da subito l’originalità e le forme (presente!), chi invece a primo impatto ha storto il naso volendo aspettare di vederla in pista per vederla in azione, chi l’ha buttata sul comico con tantissimi paragoni per la forma “a triangolo” di questa vettura vista dall’alto… dalla freccia del mouse, agli aeroplanini di carta, al triangolo equilatero tipico della geometria, bisogna ammettere che qui il mondo dei meme si è scatenato e non poco.

E infine c’è sempre la cerchia degli immancabili hater della serie, quelli che chi vi sta scrivendo chiama “puristi da due soldi” (per rimanere educati), che hanno usato la presentazione della Gen3 come tramite per rimarcare le proprie idee, convinzioni idiote e odio sulla Formula E stessa, con i solti pretesti dell’anti sport, delle gare incomprensibili per via delle regole e dell’utilizzo dei circuiti cittadini e i soliti luoghi comuni del tipo “era meglio prima!” e bla, bla, bla, sentendosi forti nel rimarcare come la Formula 1 sia nettamente migliore, in un confronto non richiesto e anche fuori luogo. Anche se, giusto un anno fa, la F1 stessa abbia accolto delle nuove vetture dal punto di vista aerodinamico, che però è stata (comprensibilmente) accolta con grande entusiasmo in tutto il mondo.

Per di più, l’intera storia di quel campionato è stracolma di diversi concept di monoposto nel corso degli anni, segno di come l’evoluzione sia inevitabile. Quindi, perché lì va bene e la Gen3 no?

E sul lato circuiti il Circus della F1 sta accogliendo sempre più circuiti cittadini, per di più in posti semi-sperduti… roba che la Formula E non ha nulla da invidiare con i recenti ingressi di San Paolo, Città del Capo, Portland e Tokyo (previsto per il 2024), anzi.

Voglio concludere questo articolo con un piccolo appello dedicato a quest’ultima categoria di persone, con un messaggio semplice e di facile comprensione, nonostante ciò sia difficile in alcuni casi: se qualcosa proprio non piace si può tranquillamente evitare di commentarla in questo modi e anche di seguirla, a prescindere dall’argomento trattato. Non ci sono problemi anzi, ne guadagneremmo tutti. Tra l’altro il mondo è pieno di cose da fare per trascorrere il tempo che c’è solo l’imbarazzo della scelta.

Bentornata Formula E, sei mancata. E buona Season 9 a tutti, volenti o nolenti.

Immagini: FIA Formula E Media

Lascia un commento