TCR Italy | Jelmini e Reduzzi i vincitori del terzo round ad Imola

SEGUICI

Telegram | Canale News

Telegram | Gruppo Discussione

Twitter

Instagram

Grandi bagarre sul circuito romagnolo, con la doppietta Hyundai di Jelmini al sabato e Reduzzi la domenica


È passato agli archivi anche il terzo round del TCR Italy, svoltosi all’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola. Grande prova della Hyundai, vincitrice di entrambe le gare prima con Felice Jelmini (PMA Motorsport) e poi con Damiano Reduzzi (Trico WRT). Gara 2 condizionata dalla pioggia, scesa sul circuito prima dell’inizio della contesa.

Gara 1

Jelmini ha vinto la gara del sabato dalla pole position, imponendo il suo ritmo ed arrivando al traguardo in prima posizione davanti a Damiano Reduzzi ed Eric Brigliadori, tutti e tre racchiusi in meno di un secondo.

Brigliadori ha condotto un’ottima gara in rimonta dalla tredicesima casella in griglia, andando a sorpassare i suoi avversari e chiudendo sul gradino più basso del podio.

La gara è partita in regime di Safety Car per via di alcune gocce di pioggia arrivate sul circuito, ma la neutralizzazione è durata appena un giro.

Jelmini ha subito preso il largo seguito da Jacopo Guidetti, Reduzzi, Salvatore Tavano e Michele Imberti. Igor Stefanovski, dalla sesta posizione, si è lanciato subito all’attacco di Imberti e Tavano superando entrambi, per poi andare a caccia di Guidetti, nel frattempo superato da Reduzzi.

A causa, forse, di un eccesso di foga, il pilota macedone è però uscito fuori pista, chiamando in causa la Safety Car. Non è cambiato molto alla ripartenza, se non il prosieguo della rimonta di Brigliadori, che è riuscito a portarsi in terza posizione.

La gara si è conclusa di nuovo in regime di Safety Car, chiamata nuovamente in causa da un’uscita di pista di Francesca Raffaele.

Jelmini ha così conquistato la vittoria davanti a Reduzzi e Brigliadori. Fuori dal podio Guidetti e Tavano, che hanno completato la top 5, mentre Eric Scalvini, sesto, e Michele Imberti, settimo, sono stati i primi della classe DSG. Mauro Guastamacchia ha chiuso in ottava posizione davanti a Simone Pellegrinelli con Francesco Savoia, terzo di classe DSG, che ha completato la top 10.

Di seguito la classifica finale.

Felice Jelmini

Gara 2

Damiano Reduzzi è stato, invece, il vincitore della seconda gara. Questa volta la pioggia è arrivata per davvero, ma non ha impedito il regolare svolgimento della corsa, partita tra l’altro in condizioni normali e senza Safety Car.

Marco Pellegrini è partito bene dalla pole position, seguito da Stefanovski, Tavano e Reduzzi e Matteo Poloni. Nelle retrovie Guidetti, in bagarre con Jelmini, ha rifilato una sportellata al vincitore di Gara 1 facendogli perdere alcune posizioni.

Stefanovski è andato poi lungo in staccata alla Rivazza perdendo la posizione su Reduzzi e Guidetti, con quest’ultimo che è poi riuscito a passare Reduzzi. Pellegrini è poi andato in ghiaia, perdendo la leadership.

Altra bagarre nelle retrovie, dove Jelmini è andato sull’erba nel tentativo di passare Brigliadori venendo poi costretto a cedere la posizione sia all’Audi del team BF Motorsport che a Ettore Carminati.

All’ottavo giro Carlotta Fedeli è uscita di pista chiamando in causa la Safety Car. Alla ripartenza Reduzzi è riuscito a passare Stefanovski, prendendosi la terza posizione. Bagarre per la prima posizione tra Tavano e Pellegrini con il primo che è finito troppo largo, venendo superato da Reduzzi.

Quest’ultimo è riuscito poi a superare anche Pellegrini con una manovra molto aggressiva, andando a vincere la gara davanti a Tavano e Stefanovski. Quarta posizione per Guidetti, con Imberti (primo della classe DSG) che ha chiuso la top 5.
Sesta e settima posizione per Carminati e Jelmini, davanti a Pellegrini, secondo al traguardo, ma penalizzato di 5 secondi per essersi posizionato in maniera errata in griglia di partenza. Mauro Guastamacchia ha chiuso in nona posizione davanti a Scalvini (secondo di classe DSG), che ha completato la top 10.

Inizialmente una penalità aveva sottratto la vittoria al pilota del team Trico WRT, ma in seguito la Direzione Gara ha ritenuto quello tra Reduzzi e Pellegrini un normale incidente di gara restituendo la seconda vittoria stagionale alla Hyundai #81.
Penalità di 5 secondi che invece è arrivata per Brigliadori, quarto al traguardo, ma retrocesso in tredicesima posizione dietro a Poloni (terzo di classe DSG) e Mugelli.

Di seguito la classifica finale.

Damiano Reduzzi

Di seguito classifica generale, con Tavano nuovo leader davanti a Pellegrini.
Il prossimo appuntamento è quello di Vallelunga, dal 18 al 20 settembre.

Immagini: Aci Sport

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

TCR Italy | Jelmini e Reduzzi i vincitori del terzo round ad Imola 4
Leonardo Pignalosa
Ho cominciato a seguire il Motorsport nel 2014, prima con F1 e MotoGP, poi con tutto il resto. Sono incredibilmente appassionato che seguo tantissimi campionati mondiali e nazionali. Da un paio d'anni ho anche la passione per la fotografia ed il giornalismo sportivo, chiaramente legato al Motorsport.

ALTRI DALL'AUTORE