TCR | A Symmons Plains doppietta di Sweeny e tanta sfortuna per Brown. Azcona nuovo leader del World Ranking

TCR
Tempo di lettura: 6 minuti
di Marco Colletta @MarcoColletta
1 Marzo 2023 - 15:00
Home  »  TCR

Al via il campionato australiano con due vittorie di Sweeny e un’affermazione di Cameron. Buono l’esordio del campione in carica D’Alberto, da dimenticare quello di Brown. Intanto l’aggiornamento del TCR World Ranking porta Ma ed Ehrlacher a perdere posizioni, mentre il campione WTCR 2022 Azcona sale al primo posto.

Nella terra dei canguri si inizia a fare sul serio. Nel fine settimana appena trascorso è andato in scena il primo appuntamento della quarta stagione del TCR Australia che, dopo un’ottima qualifica da parte dei campioni Will Brown (autore della pole position) e Tony D’Alberto (terzo tempo), ha visto il successo di Bailey Sweeny e Aaron Cameron. Ma se il campione in carica è riuscito quanto meno ad archiviare due secondi posti, il suo avversario non ha preso parte a due delle tre gare, ritirandosi nell’unica in cui ha visto il semaforo verde.

TCR Australia

Gara 1 – Con l’assenza di Brown dovuta a un problema alla trasmissione, Sweeny ha potuto godere di una prima fila tutta per sé. Il pilota della Hyundai HMO ha mantenuto la testa della corsa nonostante un’ottima partenza da parte di D’Alberto e Cameron. Quest’ultimo, nel tentativo di sopravanzare il leader all’esterno di curva 1, è finito sulla sabbia perdendo diverse posizioni e lasciando la terza a Garland che invece ne ha guadagnate tre.

Ad esclusione delle prime fasi, le posizioni sono rimaste pressoché invariate per tutte i 30 giri della gara. L’unica sfida che ha davvero acceso la corsa è stata quella per l’ottava posizione tra l’Alfa Romeo di Oliphant e le Audi di Clemente e Mineeff.

Sotto la bandiera a scacchi vittoria per Sweeny che ha preceduto di 7.6 D’Alberto e di 12.5 Garland che ha così conquistato il suo primo podio in categoria. Quarta piazza per Bargwanna seguito in quinta da Cox. Cameron, che invece era giunto quinto sul traguardo è stato penalizzato a fine gara, scivolando in ottava posizione.

Gara 2 – L’inversione di griglia ha permesso a Clemente di partire in pole davanti a Mineeff. Per il pilota del Carl Cox Motorsports non un’ottima partenza che in pochi metri lo ha visto risucchiato in mezzo allo schieramento. Ad approfittarne sono stati Mineeff, Cameron e Oliphant saliti nelle tre posizioni da podio.

Cox, che in partenza ha guadagnato una piazza, a metà gara si è portato in terza posizione, mentre Clemente è scivolato in quinta. Chi però si è fatto spazio tra gli avversari nella prima metà di gara è stato Brown, il quale dopo essere partito dalla dodicesima posizione si è portato proprio in terza davanti a Cox a poco più di 10 minuti dalla fine.

Due minuti più tardi, la trasmissione ha nuovamente avuto problemi, costringendo così Brown a ritirarsi dalla corsa mentre si trovava sul gradino più basso del podio lasciato poi a Cox. Poco prima di lui anche Soutar era stato obbligato a rientrare ai box, abbandonando la gara anzitempo.

Negli stessi istanti si è infiammata la sfida per la vittoria con Cameron che si è portato davanti a Mineeff a otto minuti dalla fine. L’ultimo colpo di scena è giunto a un giro dal termine con Bargwanna costretto a parcheggiare la sua vettura poco prima del tornante.

La gara è stata vinta da Cameron con 3.1 secondi di vantaggio su Mineeff e 4.2 su Cox. Sesto posto per il vincitore di Gara 1, Sweeny, e settimo per il campione in carica D’Alberto. Dopo questo successo è arrivato anche l’annuncio che il team di Cameron, il Garry Rogers Motorsports, è stato scelto da Peugeot per sviluppare la nuova versione della Peugeot 308 che debutterà la prossima stagione.

Gara 3 – Non un’ottima partenza per Sweeny che ha perso la propria pole a vantaggio di D’Alberto e Cox che si sono portati subito in prima e seconda posizione. Se per il pilota della Hyundai è servito qualche giro per rimettersi davanti alla Peugeot, ne sono serviti molti di più per riprendersi la prima piazza.

D’Alberto ha mantenuto agevolmente la propria leadership lasciando Sweeny con un distacco tra i 7 decimi e il secondo e mezzo. Un problema al cambio occorso a dieci giri dal termine al campione 2022 gli ha fatto perdere due secondi in un giro, consentendo al pilota della i30 di riprendersi la testa della gara.

Da questo momento il #1 non ha più potuto fare nulla per ricucire il distacco a causa delle marce che continuavano a inserirsi con fatica. Lo stesso è però riuscito con tranquillità a mantenere la propria seconda piazza.

Al termine dell’ultima corsa della domenica, Sweeny ha portato a casa la seconda vittoria stagionale davanti a D’Alberto, distaccato di 3.6 secondi, e Cox distante oltre 10 secondi. Quarto e quinto posto per Cameron e Oliphant.

Classifica e Prossimo Round – 1. Sweeny – 137 punti / 2. D’Alberto – 123 pts / 3. Cameron – 119 pts / 4. Cox – 118 pts / 5. Oliphant – 108 pts. Il TCR Australia ora affronterà una lunga pausa di due mesi e mezzo e tornerà in pista durante il weekend del 12-14 maggio per il secondo appuntamento che si svolgerà sul tracciato di Phillip Island.

TCR World Ranking

Come ogni mercoledì si aggiorna anche la classifica del TCR World Ranking che, se nelle ultime settimane non aveva visto grandi scossoni nelle posizioni di vertice, questa settimana trova un nuovo leader dopo ben 13 mercoledì.

Ma Qing Hua, il confermato pilota di Cyan Racing per la nuova avventura del TCR World Tour, ha perso la propria leadership dopo averla conservata per ben 13 settimane. Data l’interruzione nel cammino dell’ultima stagione del WTCR, da parte della Lynk&Co, le ultime gare che contribuiscono ad assegnare punti alla classifica del cinese risalgono a inizio luglio.

Per il regolamento del World Ranking, dunque, iniziano ad essere eliminati i risultati più remoti risalenti alle gare disputate da Ma nel TCR Asia del 2021. La diminuzione del suo punteggio lo porta dunque a scalare in seconda posizione.

Ma a scendere non è solo lui, bensì anche quello che – allo stato attuale – era il suo compagno di squadra in Cyan Racing: Yann Ehrlacher. Il tonfo del campione WTCR 2020 e 2021 però è più pesante dato che il francese è scivolato dal secondo al quinto posto.

Ad approfittarne è in primis il successore di Ehrlacher, Mikel Azcona – campione WTCR 2022 – che ora si trova in prima posizione con 83,37 punti, quasi due in più rispetto a Ma. Per lo spagnolo si tratta di un ritorno al vertice della classifica dato che, per i suoi risultati, sarebbe stato primo al termine per quasi un anno a cavallo tra fine 2021 e inizio 2022 (nonostante ai tempi ancora non esistesse il ranking).

Sale in terza posizione il vice campione del TCR Italy 2022, Salvatore Tavano (81,20 punti), il quale è seguito dal vincitore del TCR Europe 2022 Franco Girolami (80,40 punti).

Immagine di copertina: tcraustalia.com

Leggi anche

Tutte le ultime News di P300.it

È vietata la riproduzione, anche se parziale, dei contenuti pubblicati su P300.it senza autorizzazione scritta da richiedere a info@p300.it.

LE ULTIME DI CATEGORIA
Lascia un commento

Devi essere collegato per pubblicare un commento.

COLLABORIAMO CON

P300.it SOSTIENE

MENU UTENTE

REGISTRATI

CONDIVIDI L'ARTICOLO
RICEVI LA NEWSLETTER
Iscriviti per rimanere sempre aggiornato
(puoi sempre iscriverti in seguito)