Supercross | Eli Tomac vince a Las Vegas, Cooper Webb è il campione 2019!

SUPERCROSS
Eli Tomac vince a Las Vegas, Cooper Webb è il campione 2019!

Il terzo posto è sufficiente, per il pilota della KTM. Sesta vittoria per la Kawasaki #3 di 05 Maggio 2019, 07:37

Al termine di una stagione combattutissima, Cooper Webb è diventato il nuovo campione del mondo di Supercross. Il 23enne di Newport, North Carolina, ha concluso al terzo posto a Las Vegas vincendo il titolo in una gara che non ha regalato molte emozioni. Il suo avversario, Eli Tomac, doveva vincere e sperare che Webb non concludesse nei primi 20 e così ha fatto, dominando la finale dalla prima all'ultima curva.

Purtroppo per il pilota Kawasaki, la situazione alle sue spalle non è cambiata di una virgola dopo l'holeshot. Marvin Musquin ha conservato il secondo posto per tutta la distanza di gara e Webb ha respinto l'avanzata, nemmeno troppo aggressiva peraltro, di un ritrovato Ken Roczen, buon quarto. Per Tomac, quella di Las Vegas è stata la 23esima vittoria nelle ultime tre stagioni del Supercross, su un totale di 51 gare: il fatto che il 26enne del Colorado non abbia ancora conquistato il titolo della 450cc è solo il segno di una perenne incostanza di rendimento, che anche quest'anno lo ha portato ad avere pochissime speranze di vincere il campionato nonostante molti successi "di tappa".

Webb è invece la perfetta incarnazione dell'imprevedibilità del Supercross. Arrivato in KTM dopo qualche anno difficile, anche a causa di un serio infortunio ad una spalla, per lui si prospettava una stagione da scudiero di Musquin ma in realtà sono bastate poche gare per trovare il giusto feeling con la SX-F 450; la prima vittoria, al terzo tentativo nella triple crown di Anaheim-2, è stata subito replicata ad Oakland e successivamente ne sono arrivate altre cinque. Un titolo assolutamente meritato, frutto anche di un totale di 13 podi in 17 gare: un ruolino di marcia quasi imbattibile, considerando il sistema di punteggio attualmente in vigore nel Supercross.

Roczen ha invece regalato il più grosso sussulto della finale del Sam Boyd Stadium, con un eccezionale sorpasso ai danni di Zach Osborne su una serie di whoops. Per il tedesco della Honda questa stagione indoor è stata a dir poco deludente, con zero vittorie e un quarto posto in classifica a -60 dal campione. I problemi fisici presentatisi dopo la caduta di Houston hanno impedito all'ex campione del mondo della MX2 di essere protagonista nelle ultime gare, ma c'è da scommettere che già nel National il #94 sarà materiale da titolo.

Quinta posizione per Osborne sulla Husqvarna, arrivato a stagione in corso dopo l'infortunio patito a pochi giorni da Anaheim-1 e subito molto veloce al debutto sulla 450cc. Sesto Cole Seely, che ha superato Blake Baggett nelle ultime battute della gara. Menzione d'onore per il pilota del team KTM Rocky Mountain, vincitore a Glendale e salito sul podio cinque volte, cosa non facile per un privato. Ottavo un altro pilota non ufficiale, Tyler Bowers sulla Kawasaki del team Triggr, davanti a Justin Hill e a Justin Bogle. Non hanno partecipato alla serata di Las Vegas Joshua Grant, infortunatosi in allenamento durante la settimana, e Joey Savatgy, che invece è caduto durante le qualifiche del pomeriggio.

La classifica finale del campionato recita Webb 379 punti, Tomac 361, Musquin 350 e Roczen 319. Questi saranno anche i protagonisti del National, il campionato outdoor che scatterà tra due settimane a Hangtown. Il titolo costruttori era già stato ipotecato dalla KTM la scorsa settimana a East Rutherford.

Il Supercross tornerà, come sempre, nel primo weekend di gennaio del 2020.



Condividi