Supercross | Cooper Webb si prende Orlando #1 davanti a Roczen

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Il ritorno del Supercross ad Orlando, con lo stesso layout del duello tra Ricky Carmichael (all’ultima gara della carriera) e James Stewart nel 2007, ha visto il successo di Cooper Webb davanti a Ken Roczen e ad un ritrovato (e autore dell’holeshot) Zach Osborne.

Il pilota della KTM ha costruito il suo successo grazie ad un doppio sorpasso su Roczen e Justin Brayton che gli ha permesso di prendere la testa della gara e di controllare alle sue spalle un Roczen che fino all’ultima curva ha provato ad impensierirlo.

Ottimo il podio di Osborne, finalmente nelle posizioni di vertice e autore di un partenza strepitosa. Il campione in carica del National deve ringraziare Justin Barcia, protagonista di un “rodeo” nelle whoops che gli di fatto gli è costato il podio. Per il pilota Gas Gas un quarto posto amaro per quello che aveva dimostrato durante la gara.

Grossa delusione in casa Kawasaki, con Eli Tomac quinto e Adam Cianciarulo decimo. Se il numero 9 ha avuto il solito crollo fisico da metà gara in avanti, il campione in carica deve ancora recriminare per una partenza disastrosa che lo ha costretto all’ennesima rimonta stagionale. Un risultato negativo sia a livello tecnico (Kawasaki non al top) che di punteggio, con Tomac ora staccato di ben 29 punti da Roczen in classifica.

Buona la gara di Aaron Plessinger, sesto davanti ad un deludente Marvin Musquin e all’Husqvarna di Jason Anderson. Il campione 2018 ha dato dei segnali importanti di crescita sia nelle cronometrate che nella heat di qualifica, mostrando un discreto ritmo.

Leggermente fuori dagli standard a cui ci aveva abituato Malcolm Stewart, che ha chiuso in nona posizione. Da segnalare la caduta con possibili conseguenze fisiche per Dylan Ferrandis nei primi minuti gara.

In campionato ora Roczen ha un vantaggio di 13 punti su Webb.

Nella 250 Costa Est, seconda vittoria stagione per l’australiano Jett Lawrence, finalmente consistente già dalla partenza. Il pilota ufficiale HRC ha tenuto a distanza il leader del campionato Colt Nichols per tutta la durata del main event, conquistando un successo importantissimo soprattutto per il morale. Il pubblico, che ha avuto accesso con le visure anti-Covid presenti sulle tribune dello stadio di Orlando, ha applaudito come spesso accade le gesta del giovane talento di casa Honda.

Terzo posto per Christian Craig, protagonista durante la heat di qualifica di una bruttissima caduta che ha costretto l’ex pilota Honda a partecipare alla LCQ, vincendola. Un volo che ha lasciato comunque qualche conseguenza a Craig, dolorante alla mano destra.

Quarto posto per Jo Shimoda, con la Kawasaki del team Pro Circuit, davanti a Mitchell Oldenburg, ultimo pilota a pieni giri della gara. 19° posto ed ennesima qualificazione al Main Event, grazie al nono posto ottenuto nella sua heat di qualifica, per il nostro Lorenzo Camporese.

In classifica Nichols vede sempre più vicino il titolo, con un vantaggio su Craig salito a otto punti.

Il Supercross ritorna in pista sempre ad Orlando tra sette giorni, con la 250 Costa Ovest che prenderà il posto della Est.

Classifica 450

Campionato 450

Classifica 250 Costa Est

Campionato 250 Costa Est

Immagine: Supercross Twitter

P300 MAGAZINE

Continua a seguirci

Avatar of Andrea Ettori
Andrea Ettori
Vivo a Mirandola, e sono un grande appassionato di sport. Jenson Button è il mio idolo, e il Milan la mia squadra del cuore. Sono una persona positiva, e vedo sempre il bicchiere mezzo pieno in ogni situazione. #StayPositive #ForzaEmilia

P300 MAGAZINE

NEWSLETTER

ULTIMI ARTICOLI

GRUPPI AMICI

Telegram | Passione Motorsport

ALTRI DALL'AUTORE

P300 MAGAZINE

Continua a seguirci