Supercross | Confermati i programmi Honda: Roczen e Sexton in 450cc, i fratelli Lawrence in 250cc

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Team full-factory anche nella classe più piccola con i due fratelli australiani


Manca poco più di un mese al via del Supercross 2021, con il triple header di Houston, e anche Honda ha ufficializzato i suoi programmi per la prossima stagione dei campionati americani di motocross.

Nessuna sorpresa per quanto riguarda la classe 450cc. Confermata la presenza di Ken Roczen, che darà un nuovo assalto alla corona iridata del Supercross dopo averla solo sfiorata anche nel 2020, la novità sarà Chase Sexton, che ha debuttato con successo nella classe regina in occasione dell’ultimo National dopo due titoli Supercross 250cc Costa Est.

Con 40 successi totali tra Supercross e National, Roczen è il pilota europeo più vincente nella storia dei campionati americani ma il titolo mondiale indoor è ancora quell’obiettivo che si è posto sin dal suo sbarco negli Stati Uniti (datato 2012) e non è mai riuscito a centrare. Nel 2020, arrivato alla tournée finale di Salt Lake City con tre punti da recuperare su Eli Tomac, è stato colpito dal Fuoco di Sant’Antonio che ha pregiudicato le sue prestazioni nelle ultime sette gare e non gli ha permesso di andare oltre il terzo posto finale in campionato. Per riprendersi appieno da questo disturbo, Roczen ha deciso di disertare il National.

Per Sexton sarà il debutto indoor nella classe regina dopo l’ottima stagione del National disputata quest’anno. Il due volte campione della Costa Est è riuscito a conquistare la pole position al debutto, a Loretta Lynn, aggiudicandosi poi la sua prima vittoria nell’appuntamento finale di Pala.

Dopo la chiusura dello storico team Factory Connection, a causa della dipartita dello sponsor Geico, Honda ha deciso di non abbandonare il programma 250cc occupandosi in prima persona della gestione delle moto. In assenza di ulteriori introiti derivanti dalle sponsorizzazioni saranno solo due le moto ufficiali in pista, ma a guidarle saranno due autentici talenti.

Hunter e Jett Lawrence sono le nuove speranze del motocross australiano, che in questo 2020 ha dato il saluto definitivo a Chad Reed. Per il più grande dei due fratelli, il biennio statunitense è stato fin qui molto sfortunato, con diversi infortuni a rallentare il suo processo di apprendimento soprattutto nel Supercross, specialità in cui ha mostrato ancora diverse lacune nelle poche gare corse in questa stagione.

Jett ha invece sfiorato il podio già alla terza gara in carriera ad Anaheim #2, concludendo però con un rovinoso infortunio ad una clavicola. Rientrato a Salt Lake City, il giovanissimo 17enne ha centrato il suo primo podio in occasione della seconda delle tre gare della Costa Ovest al Rice-Eccles Stadium. Anche la prima vittoria da professionista non ha tardato ad arrivare e ha coinciso con la prima di Sexton in 450cc, nell’ultimo round del National a Pala. In quella occasione, Jett Lawrence è stato il quarto pilota australiano a vincere una gara nei campionati americani di motocross.

A fronte della riduzione della squadra 250cc, Jeremy Martin e Christian Craig hanno firmato con Yamaha, Carson Mumford è passato al team satellite Chaparral restando sempre con Honda mentre Jo Shimoda si unirà al team Kawasaki Pro Circuit.

Queste le parole di Brandon Wilson, manager di Honda America: “La stagione 2021 comincerà presto e il nostro team sta lavorando duramente per arrivarci pronto. Siamo dispiaciuti per la chiusura del team Factory Connection, ma continueremo ad avere una relazione lavorativa con loro e siamo entusiasti di avere una line-up così talentuosa in entrambe le classi. Ripensando anche alla nostra solida struttura di squadra, ci sono tutte le ragioni per aspettarsi grandi performance dal team Honda HRC nella prossima stagione”.

Immagine copertina: supercrosslive.com

ULTIMI ARTICOLI

MONOPOSTO by SAURO

Avatar of Federico Benedusi
Federico Benedusi
From Ostiglia, provincia di Mantova. Aspirante giornalista e appassionato di sport sin da bambino. Tante, forse troppe le categorie di motorsport che seguo, ma il mio sempre crescente desiderio di conoscere mi impone questo...

ALTRI DALL'AUTORE