SSP600 | GP Spagna: Locatelli vince ancora, terzo successo di fila per lui

SEGUICI

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

“Loca” incontrastato, podio completato dai francesi Cluzel e Mahias. Bassani out prima del via, De Rosa nuovamente quinto.

E’ tripletta per Andrea Locatelli. Nella seconda gara a Jerez de la Frontera, l’ex-pilota della Moto2 ha nuovamente dominato una gara più corta del previsto in termini di giri, battendo di 1”8 la coppia francese Jules Cluzel-Lucas Mahias. Per “Julo” si tratta del terzo secondo posto consecutivo che gli permette di rimanere quantomeno vicino a Locatelli nella generale, mentre per l’ex-iridato è il primo podio stagionale, il secondo consecutivo per Kawasaki e il team Puccetti.

LA CRONACA

Mentre splende il sole e le temperature s’impennano, giunge la notizia che Peter Sebestyen non parteciperà alla seconda manche, causa infortunio rimediato nella gara di ieri dopo il contatto con Andy Verdoïa. Il primo spavento lo si ha però addirittura nel giro di ricognizione: prima di arrivare in curva 1, Axel Bassani si distrae per un secondo e arriva con troppa velocità alla curva, tamponando letteralmente Raffaele De Rosa e la sua MV. Il #3, nonostante la botta sulla schiena, non rimedia danni fisici ma la sua moto ha una foratura al posteriore e il codone spaccato, mentre Bassani è costretto al ritiro ancora prima di cominciare.

La direzione gara espone la bandiera rossa e dopo una ventina di minuti, necessari ai commissari per cospargere curva 1 di filler, si può ripartire; a questo secondo start, con gara ridotta a undici giri, può partecipare anche De Rosa. Allo scatto Locatelli parte al meglio e, al contrario di ieri, né Cluzel né nessun altro riesce a mettergli le ruote davanti durante il primo giro. Il “Loca” può quindi, sin da subito, mettere in mostra il suo ritmo di gara, seminando il gruppo degli inseguitori. Durante il primo giro cade Hobelsberger.

Da metà gruppo è partito molto bene Manuel González, sesto alla fine del primo giro, ma ben presto il campione della SSP300 cede il passo a Viñales, Odendaal e Perolari. Sta rimontando anche De Rosa sulla MV Agusta dopo una brutta partenza e, ben presto, si libera del giovane spagnolo. In uscita da curva 11 avviene la caduta di Okubo; il pilota giapponese è in una posizione molto pericolosa ma i commissari riescono a soccorrerlo in barella in tempo prima dell’arrivo degli altri piloti.

Mentre Locatelli allunga inesorabilmente, Mahias comincia a rosicchiare il vantaggio della coppia Cluzel-Öttl, fino a quando il francese non attacca il compagno alla Michelin, chiedendogli poi scusa per l’avventatezza. De Rosa fa lo stesso sulla coppia Yamaha davanti a sé, superando alla 9 Perolari. Nel giro successivo i due, insieme a Viñales, arrivano uno a fianco all’altro alla staccata della ex-Dry Sac, con De Rosa che torna settimo e deve di nuovo superare il francese alla destra della Nieto.

Mahias riesce a ricucire il distacco da Cluzel, ma al #44 rimane un solo giro per attaccare e non è sufficiente. Il podio è quindi confermato con Locatelli che domina nuovamente sulla coppia francese, davanti a Öttl, De Rosa, davanti a Perolari e al cugino di Maverick. Odendaal ottavo, davanti a Soomer e González.

La classifica iridata vede la prima fuga di Locatelli già al terzo Gran Premio, con i suoi avversari che, già dalla prossima tappa, dovranno cercare di mettere un freno allo strapotere dell’italiano. Il pilota Evan Bros. è seguito da un trittico di francesi, capitanati da Cluzel (60 punti e 15 di ritardo), poi Mahias (42) e Perolari (35).

Qui i risultati della seconda gara e la classifica aggiornata.

Fonte immagine: worldsbk.com

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

Hamilton-Schumacher, il confronto che “non si può fare” ma tutti facciamo

"Non si possono paragonare". Ma, al tempo stesso, si sprecano pagine. Come questa. Innanzitutto - a patto che...

CONDIVIDI

SSP600 | GP Spagna: Locatelli vince ancora, terzo successo di fila per lui 1
Alyoska Costantino
Sono Alyoska Costantino, per gli amici Aly. Ed è da quando avevo 6 anni che ho cominciato a vedere in televisione auto e motociclette sfrecciare a 300 km/h sui circuiti più belli di sempre. Weekend dopo weekend aumento la mia affinità col Motorsport, magari anche con categorie nuove da scoprire, specialmente con le due ruote che stanno diventando il mio pane. Pronto a dirvi le mie opinioni e ascoltare le vostre.

ALTRI DALL'AUTORE