SSP600 | GP Aragón: sesta vittoria per Locatelli, Cluzel e Ottl a podio

SEGUICI

Telegram | Canale News

Telegram | Gruppo Discussione

Twitter

Instagram

Gara dominata dall’italiano, De Rosa quarto su Mahias. Fuligni solo 12° davanti a Öncü.


Sei su sei per Andrea Locatelli in Supersport. L’italiano del team Evan Bros. sta macinando vittorie round dopo round e gara-1 del Gran Premio di Aragón non ha fatto eccezione. Nonostante una partenza non eccezionale e alcuni passaggi dietro a Jules Cluzel, “Loca” ha facilmente preso la testa della gara dal quinto giro e non l’ha più abbandonata fino al traguardo. Dopo metà campionato, la conquista del titolo pare diventato un discorso puramente matematico per il #55.

Seconda posizione per Jules Cluzel, che anche questa volta ha provato a dare il massimo, senza però riuscire a impensierire veramente l’italiano. Il podio è stato completato da Philipp Öttl su Kawasaki del team Puccetti Racing, mentre al quarto posto è giunto Raffaele De Rosa su MV Agusta, davanti a Lucas Mahias. Solo decimo Corentin Perolari.

LA CRONACA

Alla partenza Locatelli non sfrutta perfettamente la pole ottenuta e questo permette alle due Kawasaki di Mahias e Öttl di prendere le prime due posizioni nelle prime curve, con l’italiano e Cluzel al loro inseguimento. Per tutto il primo giro è l’ex-iridato 2017 a guidare la corsa, ma in curva 1 all’inizio del secondo assistiamo alla manovra più bella della gara: Cluzel, dal quarto posto, stacca fortissimo e riesce a passare ben tre piloti in un colpo solo, con Locatelli che si mette subito alle sue spalle.

In queste prime fasi, mentre Cluzel e Locatelli scappano, si fa vedere anche Isaac Viñales, che riesce a passare al quarto posto in fondo al curvone superando Mahias. Öttl è alla portata ma in curva 1 lo spagnolo sbaglia completamente la staccata ed è costretto ad addirittura tagliare il cordolo ad alta velocità per non centrare il figlio d’arte. Viñales riparte in 14a posizione, mentre Öttl perde solo qualche secondo.

Durante il quarto giro “Julo” riesce a resistere al primo attacco di Locatelli, ma nel giro successivo, alla staccata dell’ultima curva, l’italiano non permette al francese la risposta, mettendosi al comando. Giro dopo giro, come successo a Portimão, la leadership dell’italiano cresce, con Cluzel che non può fare nulla per impedire la sua fuga. Nemmeno Öttl può fare molto per impedire la fuga del duo davanti, mentre Viñales risale in 11a posizione. C’è anche la caduta di Soomer.

La gara è piuttosto lineare e i due principali spunti d’interesse nella seconda fase sono il recupero di De Rosa su Mahias e la rimonta del cugino di Maverick. Il napoletano di casa MV raggiunge l’ex-campione a sei giri dalla fine, superandolo con facilità in curva 1, mentre Viñales raggiunge Manuel González e, sul rettilineo più lungo, gli ruba la settima posizione a quattro giri dalla fine. Steven Odendaal, sulla R6 del team Ten Kate, riesce invece a resistere al ritorno dell’avversario, battendolo in volata sul traguardo.

Diversi secondi prima era passato Locatelli, al sesto successo su sei gare disputate. Cluzel ottiene un altro secondo posto mentre Öttl chiude terzo, al suo secondo podio in carriera. Quarto De Rosa su Mahias, mentre dietro alle due Yamaha in lotta spuntano González, Webb e Perolari. Solo 13° Can Öncü.

La classifica iridata vede, come unico spunto d’interesse, la lotta per la terza posizione oramai, con Locatelli che ha già 40 punti di vantaggio su Cluzel e addirittura 77 su Mahias. Il francese del team Puccetti il compagno di squadra di otto punti, mentre Perolari è calato di una posizione in campionato ed è ora a dieci lunghezze dal #44. Risale anche De Rosa, settimo con 55 punti.

Qui i risultati della gara e la classifica aggiornata.

Fonte immagine: evanbrosracing.com

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

SSP600 | GP Aragón: sesta vittoria per Locatelli, Cluzel e Ottl a podio 2
Alyoska Costantino
Sono Alyoska Costantino, per gli amici Aly. Ed è da quando avevo 6 anni che ho cominciato a vedere in televisione auto e motociclette sfrecciare a 300 km/h sui circuiti più belli di sempre. Weekend dopo weekend aumento la mia affinità col Motorsport, magari anche con categorie nuove da scoprire, specialmente con le due ruote che stanno diventando il mio pane. Pronto a dirvi le mie opinioni e ascoltare le vostre.

ALTRI DALL'AUTORE