SSP300 | GP Spagna: Unai Orradre è il primo vincitore di questo 2020

SEGUICI

Telegram | Canale News

Telegram | Gruppo Discussione

Twitter

Instagram

Lo spagnolo va in fuga e semina gli avversari, vincendo gara-1. A podio Tom Booth-Amos e Scott Deroue, Carrasco solo settima, Ieraci caduto.


La prima gara stagionale del campionato Supersport 300 ha saputo regalare le emozioni che ci si aspettava, ma abbiamo visto anche qualcosa di inatteso, come un fuga. E’ riuscita a Unai Orradre, pilota alla sua seconda stagione nel campionato mondiale dopo aver corso cinque gare nel corso del 2019, ottenendo come miglior risultato un decimo posto nella prima manche di Jerez. Grazie al lavoro del team MS Racing e al suo ottimo ritmo sul finire della gara, ha potuto mettere i metri necessari per l’arrivo in solitaria sul traguardo.

Il podio è stato completato da Tom Booth-Amos e Scott Deroue. Per l’olandese si tratta di un altro ottimo inizio di campionato per provare l’ennesimo assalto alla corona, mentre per l’inglese proveniente dal campionato britannico e dalla Moto3 si tratta di un ottimo inizio nel mondiale del 300, dopo un anno d’inferno passato nel Motomondiale.

In realtà, a una curva dalla fine, in seconda posizione c’era Ana Carrasco, rimasta in lotta col rimontante Deroue durante tutta la corsa, ma la ex-campionessa è andata lunga alla curva Lorenzo (forse per un contatto scatenato proprio dal suo avversario), salvandosi dalla ghiaia solo grazie all’asfalto del long lap penalty e chiudendo settima. Andata anche peggio al nostro Bruno Ieraci, steso da Jeffrey Buis alla 6 mentre era in quarta posizione.

LA CRONACA

La partenza di Kawakami, dalla pole position, è molto buona, così come quella di Carrasco dalla seconda fila, che affianca il brasiliano e lo passa in curva 1. Sin da subito la lotta tra i due è piuttosto intesa, ma si conclude già alla curva 6: la moto di Kawakami rallenta vistosamente e il pilota è costretto a una mesta gara, conclusa poi in ultima posizione a quasi due minuti dal vincitore.

Con uno dei favoriti fuori, è Carrasco ad andare al comando per qualche giro, mentre dalle retrovie ritorna prepotentemente su Deroue, al contrario di Mika Perez che cade a seguito di un contatto con un altro pilota. Al quinto giro, Orradre su Yamaha e lo stesso Deroue riescono a passare la ragazza, cominciando addirittura un leggero forcing su di lei e su tutti gli altri, tra qui l’italiano Ieraci che si mette momentaneamente terzo.

La fuga a due diventa ben presto una fuga in solitaria, poiché l’olandese non riesce a tenere il ritmo dello spagnolo, che guadagna addirittura un secondo di vantaggio. Il #95 viene quindi riassorbito dal gruppo in lotta per la terza posizione, che comprende anche il suo connazionale Jeffrey Buis, il giapponese Okaya e l’inglese Booth-Amos. A tre giri dalla fine, il primo tenta un attacco all’interno di Ieraci alla Pedrosa, ma lo spazio è troppo piccolo e i due piloti Kawasaki si ritrovano a terra. Entrambi riescono a ripartire, ma lontanissimi dalla zona punti.

Davanti Orradre ha messo in cassaforte la sua vittoria, mentre per Deroue la faccenda è ben più ostica. Alle sue spalle risalgono Carrasco e Booth-Amos all’inizio dell’ultimo giro, e nel cambio di direzione 6-7 c’è l’attacco dell’ex-iridata. La ragazza si difende bene dal rivale ma alla 13 tra i due c’è un leggero contatto, con Deroue che esce quarto dal tornante per poi recuperare, in volata, la terza posizione sul compagno giapponese, ma entrambi vengono battuti da Booth-Amos, secondo al debutto nella categoria.

Quinto posto per il primo degli italiani, il campione del CIV Thomas Brianti, seguito da Bahattin Sofuoğlu. Carrasco raccatta un settimo posto un po’ deludente considerando le aspettative, davanti a Kevin Sabatucci, Diaz e Kalinin.

Qui i risultati di gara-1 e la classifica al primo round.

Fonte immagine: worldsbk.com

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

SSP300 | GP Spagna: Unai Orradre è il primo vincitore di questo 2020 2
Alyoska Costantino
Sono Alyoska Costantino, per gli amici Aly. Ed è da quando avevo 6 anni che ho cominciato a vedere in televisione auto e motociclette sfrecciare a 300 km/h sui circuiti più belli di sempre. Weekend dopo weekend aumento la mia affinità col Motorsport, magari anche con categorie nuove da scoprire, specialmente con le due ruote che stanno diventando il mio pane. Pronto a dirvi le mie opinioni e ascoltare le vostre.

ALTRI DALL'AUTORE