Matomo

SSP300 | GP Spagna: Meikon Kawakami firma la pole position in classe leggera

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Il brasiliano stacca di nove decimi tutti quanti nelle qualifiche di Jerez, Ieraci primo degli italiani in prima fila. Ana Carrasco apre la seconda fila davanti a De Cancellis e Perez.


Durante le doppie qualifiche della classe Supersport 300 a Jerez, a brillare è stato il brasiliano Meikon Kawakami del team Brasil AD78, squadra equipaggiata con le piccole Yamaha R3. Col tempo di 1:52.265, il sudamericano ha staccato di addirittura nove decimi i suoi avversari. Il primo di questi, che partirà al suo fianco è Unai Urradre, pilota spagnolo del team MS su moto gemella a quella di Kawakami.

A concludere la prima fila, un italiano. Bruno Ieraci spera, da questo 2020, di trovare finalmente la costanza e la consistenza necessaria per essere un candidato al titolo; tuttavia, nonostante la bella qualifica, l’italiano paga un secondo dal poleman, partito dalla qualifica B anziché la A come Ieraci.

Seconda fila aperta da Ana Carrasco: l’ex-campionessa spera di poter iniziare bene il nuovo assalto al mondiale sulla pista di casa, dove l’anno scorso aveva ottenuto il primo podio, mentre Mika Perez, altro favorito e pilota del team ProDina, partirà dalla sesta casella. Chiuso a panino tra i due spagnoli c’è Hugo De Cancellis, francese e pilota Yamaha. Subito dopo troviamo il secondo pilota della squadra ProDina, l’italiano Brianti, davanti a Bahattin Sofuoglu e Nick Kalinin, pilota ucraino da tenere d’occhio quest’anno.

Qui i risultati delle sessioni 1 e 2, insieme alla griglia di partenza.

Fonte immagine: worldsbk.com

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

Otto anni e molto di più, nel bene e nel male

Otto anni fa davo il via a Passione a 300 all'ora uscendo da un'esperienza che mi aveva lasciato l'amaro in bocca....
SSP300 | GP Spagna: Meikon Kawakami firma la pole position in classe leggera 1
Alyoska Costantino
Sono Alyoska Costantino, per gli amici Aly. Ed è da quando avevo 6 anni che ho cominciato a vedere in televisione auto e motociclette sfrecciare a 300 km/h sui circuiti più belli di sempre. Weekend dopo weekend aumento la mia affinità col Motorsport, magari anche con categorie nuove da scoprire, specialmente con le due ruote che stanno diventando il mio pane. Pronto a dirvi le mie opinioni e ascoltare le vostre.

ALTRI DALL'AUTORE