SSP300 | GP Emilia-Romagna 2022, Gara 1: Matteo Vannucci vince in volata su Diaz, Di Sora terzo

Primo successo in SSP300 per l’italiano, che guida tutta la gara e resiste all’assalto finale dello spagnolo. Di Sora batte Coppola, García mantiene la testa del campionato per un punto.


La prima gara di Misano per questo GP Emilia-Romagna 2022 non ha deluso le aspettative e, per certi versi, le ha anche superate per quel che ci si aspettava dalla SSP300. Se il secondo gruppo è stato un autentico mattatoio per la conquista del quinto posto, la lotta per il podio è stata prima di ritmo e poi ragionata tra i quattro protagonisti della gara.

A spuntarla, alla fine, è stato Matteo Vannucci, al primo successo in carriera nel mondiale sulla pista di casa. L’italiano ha condotto quasi tutta la gara al comando e a quattro giri dalla fine il successo sembrava già in tasca, ma il finale è stato da thriller col recupero di Álvaro Diaz, Samuel Di Sora ed Alfonso Coppola che ha rimesso in discussione l’esito della corsa. Nel finalel, però, l’italiano è riuscito a sfruttare la scia dello spagnolo e a vincere per 0”02.

Diaz è stato autore di una gran gara e di un ottimo recupero dalla quinta fila, ma gli è mancato giusto il guizzo finale. I 20 punti guadagnati gli permettono di recuperare molto terreno su Marc García (oggi solo 12°), ma i cinque persi per la vittoria sfumata non gli permettono di ottenere immediatamente la testa della generale, per sole due lunghezze.

Samuel Di Sora ha chiuso al terzo posto e, nella generale, è chiuso a panino tra i due spagnoli. Un solo punto lo separa dal campione della categoria, ma anche la condotta di gara del francese è stata ottima per conquistare un altro podio. Alfonso Coppola è giunto quarto e spera di poter di nuovo ambire con costanza alle posizioni che contano dopo questo risultato.

LA CRONACA

Alla partenza tutta la prima fila scatta bene e Victor Steeman prende il comando in curva 1, ma la direzione gara annota la sua partenza e, qualche giro dopo, gli assegna due long lap penalty per uno start anticipato. Vannucci è secondo e viene attaccato anche da Iglesias alla Quercia, ma già all’inizio del secondo giro si rimette al comando in curva 1 seguito da Alfonso Coppola. Nel primo passaggio cadono Ieraci (al Rio) e Gennai (al curvone, brutto contatto con la gomma posteriore di Martella).

L’ecatombe continua e lo stesso Martella, insieme a Lehmann, esce di scena per una scivolata del tedesco al Carro, che finisce per rallentare anche l’incolpevole Sabatucci. Davanti, intanto, Di Sora si mette in terza posizione alle spalle dei due italiani.

E’ in questa fase che Vannucci tenta di applica la sua strategia: l’italiano ha mezzo secondo di vantaggio e nella zona del curvone mantiene l’interno per evitare di essere ripreso dai concorrenti, con Di Sora a fare da capofila. Marc García è intanto ancora 16°, mentre alla Misano 2 scivolano prima Iker García Abella e poi Khouri.

Il piano di Vannucci sembra avere successo quando Steeman e Di Sora entrano in battaglia, aumentando il vantaggio dell’italiano e facendo sgranare tutto il gruppo. L’olandese, intanto, viene penalizzato per l’errore alla partenza e, dopo i due long lap, precipita al 16° posto.

Sono quindi Di Sora e Diaz a tentare il riaggancio, ma anche stavolta la lotta tra i due dà una mano al #91, che porta il suo vantaggio a 1”1. Il gruppone principale si è già spezzato in due tronconi e i vari De Cancellis, Geiger ed Okaya sono costretti a lottare solo per la quinta piazza, con García risalito intanto al decimo posto.

Vannucci guadagna fino a 2” di margine e, a quattro tornate dalla fine, la partita per la vittoria appare chiusa. Diaz, però, non ha ancora accennato ad arrendersi e, dopo un paio di giri con Di Sora come traino, è nuovamente lui a condurre l’inseguimento. A tre giri dalla fine il distacco riscende a 1”, nel passaggio successivo crolla addirittura a 0”3.

Il primo attacco del #27 giunge al curvone, con Vannucci che però reagisce all’ingresso del Carro tornando davanti. I quattro sono tutti vicini ma Coppola e Di Sora si disturbano a vicenda, limitando la lotta per il successo ai due yamahisti: all’ultimo giro si ripete il copione e Diaz passa nel tratto veloce, ma stavolta protegge l’interno e l’attacco di Vannucci al Carro è mal calcolato.

Per Diaz sembra fatta, ma in uscita dalla Misano 2 Vannucci esce meglio e, grazie alla scia, soffia in volata la vittoria ad Álvaro. E’ la prima vittoria di Matteo in SSP300 nella sua Misano, con Di Sora terzo davanti a Coppola, il rimontante Steeman, Iglesias, Geiger, Okaya, De Cancellis e Bijman. García chiude solo 12°; al penultimo giro è caduto Ton Kawakami.

Nella generale piloti García ha ora 102 punti contro i 101 di Di Sora e i 100 tondi di Diaz. E’ ancora della partita anche Steeman (22 punti di ritardo), mentre il suo compagno Okaya è quinto in classifica con 72 punti. Risale al nono posto Vannucci, con 57 punti.

Qui i risultati di Gara 1 della SSP300 e la classifica aggiornata.

Fonte immagine: worldsbk.com

SHARE

SUBSCRIBE

ULTIME NEWS