SSP300 | GP Catalogna 2022, Gara 1: Yuta Okaya replica il successo del 2020, Diaz vede il mondiale

di Alyoska Costantino @AlyxF1
24 Settembre 2022 - 13:52

Con un sorpasso all’ultima curva Okaya batte Diaz, che si accontenta dei 20 punti del secondo posto. Solo ottavo Steeman dopo una penalità, a podio Julio García González.


La prima gara del weekend del GP Catalogna potrebbe esser stata decisiva nell’assegnazione di uno dei titoli mondiali Superbike. Nella Gara 1 del Montmelò Yuta Okaya si è aggiudicato la vittoria, la seconda in carriera a due anni dal successo dello scorso anno su questa pista, battendo Álvaro Diaz con un sorpasso all’ultima curva. 

Tuttavia, lo spagnolo della squadra Arco Motor University non termina il sabato col rammarico dei cinque punti persi, anzi. Grazie ai 20 punti del secondo posto e all’ennesima gara negativa di Marc García, il #27 ora vede il titolo mondiale da debuttante. Anche Victor Steeman, oggi partito in pole, ha sprecato un’altra occasione per racimolare punti pesanti per via di una penalità per guida irresponsabile rimediata dopo le qualifiche, terminando ottavo. 

A salire sul podio, quindi, è stata la wildcard Julio García González su Kawasaki.  Nessuna sbavatura per il pilota debuttante in una gara così convulsa ed una dimostrazione non solo di velocità ma anche di intelligenza. 

LA CRONACA 

Prima della partenza, i commissari di gara comunicano una lunga lista di sanzioni ai partenti in griglia rei di guida irresponsabile durante le qualifiche: Victor Steeeman rimedia due long lap penalty, mentre Millán, Iglesias, Perez Gonzáles e Sabatucci ne dovranno scontare uno solo. Infine, partenza dal fondo dello schieramento per Bruno Ieraci. 

Alla partenza Diaz si affianca subito a Steeman per superarlo nello stacco frizione, ma la differenza di motore si fa sentire e in fondo al rettilineo i due vengono scavalcati da Yuta Okaya, che s’impone al comando. Alla prima staccata Marc García è subito parecchio aggressivo e alla 1 arriva molto scomposto, quasi centrando l’avversario per il titolo. Terzo il debuttante indonesiano Mahendra. 

Già all’inizio del secondo giro Steeman, secondo, decide di effettuare il primo long lap penalty, venendo poi imitato dagli altri quattro piloti nel passaggio successivo. L’olandese completa la sua sanzione all’inizio del terzo passaggio, ritrovandosi in 29a posizione e con un gruppo estremamente compatto davanti a sé. 

A contendersi il primo posto sono principalmente quattro piloti: Diaz, De Cancellis. Mogeda e, verso il finale della corsa, anche Mirko Gennai. Lo stile di guida del #88 rende le sue linee altamente imprevedibili, ma a tre giri dalla fine è l’italiano a mettersi davanti seguito da De Cancellis. Il #27 preferisce invece gestire la situazione. 

Come in Gara 2 a Magny-Cours, Steeman nel frattempo è autore di una rimonta di gran carriera per tornare a ridosso dei primi, fino ad addirittura prendere il comando a due giri dal termine alla Caixa. Sarebbe il momento perfetto per la fuga, ma all’inizio dell’ultimo giro si scatena il caos nel gruppo davanti: Maier entra in contatto con Mogeda stendendolo alla Elf e Steeman rimane intruppato e scende al 13° posto. Questo pone il giovanissimo Julio García in testa, ma alla 10 subisce l’esemplare attacco all’esterno di Diaz, che va al comando con Okaya alle sue spalle. 

C’è spazio per un ultimo affondo prima del traguardo ed il giapponese non se lo lascia sfuggire, andando così a vincere la sua seconda gara in carriera e in SSP300. Diaz si accontenta del secondo posto davanti a García González, De Cancellis, Maier (sotto investigazione per il contatto), Mastroluca e Mahendra. Solo ottavo Steeman, addirittura 18° Marc García. 

Il vantaggio del valenciano ammonta ora a 60 punti su García e a 62 su Steeman, quindi se Diaz dovesse mantenere inalterato il vantaggio nella generale domani diventerebbe il nuovo campione del mondo della SSP300, con 217 punti all’attivo.

Ecco i risultati di Gara 1 e la nuova classifica piloti.

Fonte immagine: worldsbk.com