SSP300 | GP Aragón: capolavoro di Jeffrey Buis, secondo l’italiano Brianti

SEGUICI

Telegram | Canale News

Telegram | Gruppo Discussione

Twitter

Instagram

Il #6 firma la doppietta con un sorpasso all’esterno dell’ultima curva sensazionale, bene Brianti secondo. Deroue a podio, Ieraci settimo.


L’ultima gara del giorno a svolgersi al Motorland di Aragón è stata gara-2 della Supersport 300, al termine del quale abbiamo ottenuto un nuovo leader della classifica. A vincere, replicando quanto fatto ieri, è stato Jeffrey Buis, pilota e poleman del team MTM Motoport, incapace come ieri di salutare la compagnia e vincere in scioltezza ma comunque in grado di stupire anche in battaglia, come fatto vedere nell’ultimo giro con il sorpasso decisivo per la vittoria.

A conquistare le due posizioni rimanenti per il podio sono stati Thomas Brianti e Scott Deroue. Per l’italiano si tratta del miglior risultato stagionale, un secondo posto con cui anche il team Prodina ritrova il sorriso dopo lo “zero” di Mika Perez, mentre Scott Deroue, dopo esser caduto gara-1, rischia di veder sovvertite le gerarchie all’interno del proprio team, avendo ora tre punti di svantaggio sul giovane connazionale. Al quarto posto il pilota di casa Unai Orradre, al sesto Ana Carrasco.

LA CRONACA

Alla partenza Buis scatta bene davanti ai fratelli Kawakami e, come accaduto ventiquattro ore prima, tenta di fuggire sin dal primo passaggio lasciando che il resto del gruppo si scorni tra sé. Per sua sfortuna, stavolta Deroue dalla seconda fila è partito nettamente meglio e, al termine del primo giro, i due piloti olandesi del team MTM Motoport sono in prima e seconda posizione, con il più esperto che tenta il riaggancio col più giovane.

Meikon Kawakami riesce a rimanere nelle posizioni di testa, mentre il fratello Ton perde leggermente terreno rispetto ai migliori. Nel gruppo di testa sono presenti tutti i volti in lotta per il titolo nella categoria, con Carrasco in rimonta e anche Bahattin Sofuoğlu e Tom Booth-Amos in lotta per le posizioni di testa. Nel frattempo il piano di Deroue riesce e il #95 passa al comando scavalcando il compagno di squadra; il terzo pilota del team, Okaya, cade al terzo giro, seguito un passaggio dopo da Tom Edwards.

Comincio le cadute anche nel gruppetto dei primi. Al sesto giro, alla curva 3, Booth-Amos e Sofuoğlu entrano in contatto autoeliminandosi dalla contesa, mentre al settimo, alla curva 13, scivola Perez mentre era in terza posizione. Lo spagnolo, al contrario dei due colleghi, riesce a ripartire ma in fondo al gruppo, mentre davanti la sua scivolata crea un buco che Deroue e gli altri devono ricucire per poter ricongiungersi con Buis e Brianti.

Ancora una volta il riaggancio ha successo e, all’inizio dell’ultimo giro, il #95 attacca e sorpassa sia Buis che Brianti alla curva 4. Il suo compagno non ci sta e prova a riprendere la posizione sull’italiano, che a sua volta attua il controsorpasso alla staccata in discesa. La posizione migliore per il gioco delle scie sembra avercela proprio l’azzurro, ma Buis compie l’impossibile prendendo la scia dei due avversari davanti e sorpassandoli entrambi alla staccata dell’ultimo curvone, dall’esterno. Anche la traiettoria è perfetta e incredibilmente la vittoria è sua, per un decimo di secondo su Brianti. Carrasco, quarta all’inizio dell’ultimo rettilineo, è stata invece superata dalle Yamaha di Orradre e Meikon Kawakami.

La classifica piloti si evolve nuovamente con Jeffrey Buis ora davanti a tutti, con un bottino di 84 punti. Ana Carrasco e Scott Deroue sono rispettivamente a due e tre punti, poi troviamo al quarto posto Unai Orradre (78 punti), al quinto Tom Booth-Amos (63) e al sesto Thomas Brianti, primo degli italiani (58, davanti a Sofuoğlu).

Ecco i risultati dell’ultima gara e la classifica piloti aggiornata.

Fonte immagine: worldsbk.com

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

SSP300 | GP Aragón: capolavoro di Jeffrey Buis, secondo l'italiano Brianti 2
Alyoska Costantino
Sono Alyoska Costantino, per gli amici Aly. Ed è da quando avevo 6 anni che ho cominciato a vedere in televisione auto e motociclette sfrecciare a 300 km/h sui circuiti più belli di sempre. Weekend dopo weekend aumento la mia affinità col Motorsport, magari anche con categorie nuove da scoprire, specialmente con le due ruote che stanno diventando il mio pane. Pronto a dirvi le mie opinioni e ascoltare le vostre.

ALTRI DALL'AUTORE