SSP | GP Emilia-Romagna 2022, Gara 1: lotta a tre a Misano decisa dai track limits, vittoria regalata ad Aegerter

Baldassarri taglia il traguardo per primo, ma un tocco sul verde in uscita dalla 15 dà automaticamente il successo al campione del mondo. Terzo Bulega dietro alle due Yamaha, Manzi quinto.


La prima giornata di gare del GP Emilia-Romagna 2022 non aveva deluso fino a qui e anche la gara della SSP ha regalato spettacolo, ma l’esito finale della manche deciso a tavolino ha probabilmente lasciato l’amaro in bocca a tutti quanti. Tutti tranne Dominique Aegerter, che ha conquistato così la sua sesta vittoria stagionale e consecutiva, allungando ulteriormente nella generale.

Un successo che arriva dopo aver tagliato il traguardo in seconda posizione in realtà, alle spalle di Lorenzo Baldassarri. Il pilota del team Evan Bros. era quasi obbligato ad ottenere questo successo e ce la stava per fare dopo un ultimo giro durissimo contro l’elvetico, ma la regola dei track limits all’ultimo passaggio l’ha retrocesso automaticamente di una posizione per esser uscito di pochi centimetri dal cordolo di curva 15. Ancora una volta, questa regola è riuscita a rovinare una gara emozionante e combattuta.

Gran parte di essa è stata condotta da Nicolò Bulega. Sulla scia di quanto fatto dal compagno di team Bautista in SBK, il #11 ha cercato di regalare a Ducati Aruba.it la seconda vittoria di giornata, ma le due R6 sono riuscite a sfilarlo a due tornate dalla fine. L’aumento di 500 giri al minuto al motore, comunque, pare aver finalmente messo in pari la situazione tecnica tra Yamaha e Ducati.

Quinto posto per Stefano Manzi su Triumph, alle spalle anche di Can Öncü (Kawasaki Puccetti) ma davanti a Yari Montella. Ritirato Caricasulo invece per un problema tecnico alla sua Ducati.

LA CRONACA

Al via parte benissimo Bulega dalla seconda posizione, che si prende di forza l’interno alla Variante del Parco ed ottiene la prima posizione davanti ad Aegerter e Caricasulo. Sin dai primi metri il ducatista cerca di guadagnare margine, mentre Caricasulo, alla Rio, rimane intruppato e viene attaccato sia a destra che a sinistra dalle due Kawasaki del team Puccetti; “Carica” tenta di rifarsi subito passa Montella per la quinta posizione.

Il primo incidente coinvolge tre piloti alla Quercia durante il primo giro e mette fuori gioco il colpevole Bahattin Sofuoğlu, Booth-Amos e Patacca. La serie di cadute continua con Buis ed Oliver Bayliss, mentre Bulega ha già messo un secondo tra sé ed Aegerter.

I primi tre hanno un passo decisamente superiore ed il terzetto formato dalle due Kawasaki e dalla Ducati Althea perde terreno quasi da subito. Anche Raffaele De Rosa finisce a terra al quarto giro in curva 2, ma la gara continua ed Aegerter, poco prima di metà gara, riesce a ricucire lo strappo su Bulega (nonostante un errorino al Carro dove perde per un attimo la pedana).

Stupisce in positivo Mattia Casadei al decimo posto sulla MV Agusta come sostituto di Tuuli, per giunta in lotta con un quartetto per la settima posizione. Al comando di esso c’è Brenner, ma lo svizzero viene superato da Stefano Manzi alla Quercia e poco dopo anche da Cluzel e da Casadei. Baldassarri, intanto, perde il gancio da Aegerter, ora a 0”4 dalla Ducati al comando.

Nonostante il riaggancio, Aegerter non riesce a liberarsi di “Bulegas” velocemente e permette al #7 di riavvicinarsi. Alle loro spalle Caricasulo si riprende la quarta posizione davanti alle due Kawasaki, ma pochi giri più tardi sarà costretto al ritiro per un guasto tecnico (venendo quasi centrato da Montella per questo). Nelle retrovie cade Kyle Smith.

Lo studio tra i primi tre continua fino a due giri dalla fine, quando Dominique esce meglio dalla Misano 2 ed attacca Bulega, il quale tenta testardamente di resistergli all’esterno ma finisce solo per perdere un’altra posizione nei confronti di Baldassarri. Il cambio di passo delle Yamaha prende in contropiede Bulega, che in uscita dal Tramonto scuote la testa per il disappunto.

Inizia l’ultimo giro e Baldassarri, sempre alla Variante del Parco, rompe gli indugi ed attacca il rivale in campionato nel cambio di direzione. L’italiano ce la fa e prende anche un piccolo margine andando verso il Carro, resistendo all’ingresso cattivo di Aegerter alla 14 e chiudendogli la porta in faccia dall’esterno alla 15.

Lorenzo Baldassarri taglia il traguardo per primo e vince Gara 1 a Misano, ma prima del suo rientro ai box la direzione gara lo fa retrocedere in seconda piazza per esser uscito dai limiti della pista in curva 15 all’ultimo passaggio. E’ Aegerter ad ottenere i 25 punti, con Bulega terzo, Öncü quarto e Manzi ottimo quinto. Montella viene beffato dal connazionale sul traguardo ed è sesto, poi Cluzel, Casadei, Brenner e Huertas.

L’ingiusto risultato finale penalizza Baldassarri anche in ottica campionato, dato che il distacco sale ora a 49 punti nei confronti di Aegerter (170 a 121). Bulega consolida il terzo posto a quota 88, mentre Öncü sale in quarta piazza superando van Straalen (oggi rimasto a zero punti).

Qui i risultati della prima manche della Supersport e la nuova classifica piloti.

Fonte immagine: yamaha-racing.com

SHARE

SUBSCRIBE

ULTIME NEWS