SSP | GP Catalogna 2022, Gara 1: Dominique Aegerter vince la sua 11a gara dell’anno

di Alyoska Costantino @AlyxF1
24 Settembre 2022 - 18:11

L’elvetico vince nuovamente senza sconti, bravo Baldassarri a contenere i danni al secondo posto. Terzo Öncü, out Bulega.


Anche l’ultima gara di giornata è andata agli archivi al Montmelò. La Gara 1 della SSP per il GP Catalogna 2022 se l’è aggiudicata, senza troppe sorprese, Dominique Aegerter, che dopo un pessimo start ha dovuto sgomitare un po’ per prevalere sugli avversari diretti, fino a conquistare l’11° centro stagionale di un’annata da record. 

Anche stavolta c’è chi ha tentato, invano, di mettergli i bastoni fra le route, come la pattuglia italiana Lorenzo Baldassarri-Federico-Caricasulo-Nicolò Bulega o Can Öncü. Il podio è stato completato dall’alfiere Evan Bros. e dal turco del team Puccetti, mentre anche per questa gara la Ducati è stata ridotta a più miti consigli tra il quarto posto di Caricasulo e la scivolata di Bulega in curva 7. Ottimo risultato per le MV invece, con Bahattin Sofuoğlu quinto a precedere Niki Tuuli. 

LA CRONACA 

Alla partenza le Ducati sono le migliori allo stacco frizione e la coppia Caricasulo-Bulega s’inserisce per prima alla chicane dopo il rettilineo. In mezzo al gruppone vi è un contatto che porta alla caduta di Peter Sebestyen e la moto, danneggiata, perde liquido infiammabile ed un commissario dotato di estintore è costretto a spegnere le fiamme. 

La direzione gara decide di esporre la bandiera rossa e di ritentare la partenza dopo venti minuti, per una manche di dodici giri. Alle 15:40 si riparte e lo start sembra una fotocopia del precedente, con Aegerter che perde qualche posizioni, le due Ducati di Caricasulo e Bulega davanti e Can Öncü in lotta con l’ex-pilota della Academy VR46. 

Il gruppo passa indenne il primo giro stavolta ed Aegerter, dopo esser sceso al sesto posto al via, recupera subito una posizione su Adrián Huertas. Il quintetto di testa così formato conclude il primo giro, con Öncü che cerca addirittura il doppio sorpasso sulle due Ducati in curva 1 ma finisce lungo e nel rientro in pista rischia il contatto col compagno di marca Huertas.  

I primi cinque (Caricasulo, Baldassarri, Bulega, Aegerter ed Öncü) prendono del margine su Huertas e le due MV Agusta, ma tra loro la lotta è comunque molto accesa. Aegerter, pur di passare al comando, rischia quasi di centrare in frenata “Balda” alla Elf, dovendosi spostare tutto all’esterno per evitare problemi. Al quinto giro, però, il pilota Ten Kate riesce a passare al comando davanti all’altro yamahista, con poi Caricasulo e Bulega a seguire. 

Nel tentativo disperato di liberarsi dell’altro ducatista, Bulega commette un errore piuttosto banale all’entrata di curva 7, entrando troppo forte, perdendo il davanti e scivolando. La gara dell’italiano finisce qui, forse nel tentativo di evitare che Aegerter, ora in testa, possa sfilacciare il gruppo. 

Così è e i primi cinque, da compatti che erano, si sgranano parecchio per via del ritmo infernale del #77. Il primo inseguitore è di nuovo Caricasulo, passato però da Öncü e seguito da Baldassarri e dalle due MV F3. Si ritirano per noie tecniche Stefano Manzi e Maximillian Kofler rientrando ai box, mentre a sei tornate dalla fine Baldassarri rompe gli indugi e alla Elf sorpassa “Carica” per la terza posizione. 

Con 1”7 di margine, Aegerter può dormire sonni tranquilli negli ultimi quattro giri, al contrario di Öncü: Baldassarri comincia a punzecchiarlo ed il sorpasso arriva alla Caixa per la seconda piazza, che perde però immediatamente sul rettilineo cedendo ben due posizioni. Questo continuo batti e ribatti tra i tre alla fine premia comunque il #7, che passa prima Öncü alla 5 e poi Caricasulo in fondo al rettilineo, assicurandosi i 20 punti del secondo posto. 

Dominique Aegerter va così a vincere la sua 11a gara dell’anno davanti a Baldassarri, mentre l’ultimo gradino del podio lo conquista Öncü alla fine con Caricasulo deluso in quarta posizione. Miglior risultato stagionale per Bahattin Sofuoğlu, quinto in scia ai migliori e davanti al suo caposquadra Tuuli sulla seconda MV Agusta, poi Huertas, Cluzel, van Straalen e Jespersen a chiudere i primi dieci. 

La forbice in campionato tra Aegerter e Baldassarri cresce a 24 punti, quasi una manche di vantaggio per l’elvetico che, nonostante il ruolino da schiacciasassi, non riesce ancora ad avere un gap rassicurante sul pilota Evan Bros. Öncü invece si riavvicina a Bulega nella lotta per il terzo posto finale, con ora solo 17 lunghezze a dividerli. 

Qui i risultati di Gara 1 e la generale piloti della Supersport.

Fonte immagine: yamaha-racing.com