SSP | Barni Racing punta su Yari Montella per il 2023

SupersportSSP
Tempo di lettura: 2 minuti
di Alyoska Costantino @AlyxF1
12 Dicembre 2022 - 19:07
Home  »  SupersportSSP

Dopo l’avventura con Puccetti, Montella rimarrà in SSP nel 2023, ma guiderà la Ducati Panigale V2 di Barni Racing.


Dopo Honda, Triumph e Yamaha, a fare la propria mossa nel mercato piloti della SSP 2023 è stata Ducati, per la precisione il team Barni Racing Spark di Marco Barnabò. Dopo l’annata di rientro condotta con Oliver Bayliss in sella alla Panigale V2, a guidare la moto bolognese per la prossima stagione sarà Yari Montella.

Come Bayliss, nel 2022 Montella ha fatto parte della nutrita schiera di debuttanti, dopo una breve e sfortunata esperienza nel Motomondiale 2021. Dopo la vittoria del CEV 2020 con la squadra Ciatti ed aver lasciato il team Speed Up Moto2, il salernitano si è trasferito nel paddock delle derivate di serie e della Supersport, insieme al team Puccetti Racing.

L’annata conclusasi da poco è stata piuttosto discreta con un settimo posto finale nella generale e diversi risultati ottenuti con costanza, ma la ciliegina sulla torta è arrivata proprio all’ultima gara a Phillip Island, con la vittoria della prima manche su pista bagnata dopo un bel duello contro Federico Caricasulo. Tuttavia, ciò non è bastato per la riconferma da parte di Manuel Puccetti, i cui piani per il 2023 prevedono una sola moto da schierare ed affidare a Can Öncü.

Queste le parole di Montella all’approdo nel team Barni: “Sono molto felice di questa scelta e non vedo l’ora di provare la Panigale V2. Sicuramente sarà molto diversa dalla Kawasaki che ho guidato la scorsa stagione; il primo obiettivo sarà adattarsi velocemente e capire come sfruttare il potenziale di questa moto. Sono sicuro che lavorando con metodo ci potremo togliere delle belle soddisfazioni”.

Barnabò ha accolto così il #55: “Il nostro obiettivo è sempre stato correre nel mondiale Supersport anche nel 2023 e abbiamo fatto di tutto per essere di nuovo presenti in questo campionato molto competitivo. Yari è un pilota giovane, ma ha già dimostrato il suo valore e anche lui ha dimostrato di volere fortemente questo accordo. Adesso c’è solo una strada da percorrere: lavorare a testa bassa”.

Fonte immagine: barniracingteam.it

I Commenti sono chiusi.