Sebastian Vettel vince il GP d’Italia 2013 davanti ad Alonso e Webber

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Non è bastato un ottimo Fernando Alonso a fermare Sebastian Vettel, vincitore del Gran Premio d’Italia 2013. Il tedesco ha preceduto, oltre allo spagnolo, il compagno di squadra Mark Webber.

Si attende la pioggia, che fa capolino al mattino e mezz’ora prima dell’inizio della gara, ma alla fine il Gran Premio d’Italia si disputa sull’asciutto.

La partenza vede Sebastian Vettel controllare dal primo posto il resto del gruppo, con una leggera bloccata in frenata alla prima variante. E’ ottima anche la partenza delle Ferrari, che si liberano in fretta di Hulkenberg con la Sauber (finirà ottimo quinto) e si issano al secondo posto con Massa e al quarto con Alonso. Proprio Fernando regala il sorpasso più bello della gara ai danni di Webber per il terzo posto, che diventa secondo quando Felipe lascia strada al caposquadra.

La Ferrari ce la mette tutta per arginare la Red Bull di Vettel, ma il tedesco ribatte colpo su colpo e mette in cassaforte decimi su decimi, giro dopo giro, inesorabilmente. L’unico problema della Red Bull proviene dal cambio di entrambe le vetture. I piloti vengono costretti a cambiare a bassi regimi per non affaticarlo.

Le condizioni atmosferiche stabili rendono la gara piuttosto piatta. Spiccano Nico Hulkenberg, che con la Sauber ottiene un fantastico quinto posto finale a 10 secondi da Sebastian Vettel. Alle spalle del podio, un ottimo Felipe Massa che perde il podio per un problema al pitstop che gli fa perdere decimi importanti. Dietro Hulkenberg Rosberg con la prima mercedes, autore di una gara senza infamia e senza lode. Settimo posto per un buonissimo Daniel Ricciardo con la Toro Rosso, tallonato dalla Lotus di Romain Grosjean e dalla Mercedes di Lewis Hamilton. Gara difficilissima per l’inglese, che dopo l’errore delle qualifiche deve rimediare anche a problemi di comunicazione radio in gara e ad una foratura lenta che lo costringe ad un pit supplementare. Lewis ha regalato comunque sorpassi sul finire di gara, ma ormai i primi erano già scappati.

Gara difficile anche per Kimi Raikkonen. Il finlandese tocca in partenza la Mclaren di Perez ed è costretto a cambiare l’ala anteriore già al primo giro. Parte una furiosa rimonta a colpi di giri veloci, ma anche per lui come per Hamilton la gara è compromessa. Anonima gara per le Mclaren, che nel weekend del cinquantenario dalla fondazione non vanno oltre un decimo posto con Jenson Button e un dodicesimo con Sergio Perez.

Ritirati Vergne per un problema tecnico e Paul di Resta per un incidente alla variante della Roggia al primo giro.

Questo il risultato di gara

PosNoDriverTeamLapsTime/RetiredGridPts
11Sebastian VettelRed Bull Racing-Renault53Winner125
23Fernando AlonsoFerrari53+5.4 secs518
32Mark WebberRed Bull Racing-Renault53+6.3 secs215
44Felipe MassaFerrari53+9.3 secs412
511Nico HulkenbergSauber-Ferrari53+10.3 secs310
69Nico RosbergMercedes53+10.9 secs68
719Daniel RicciardoSTR-Ferrari53+32.3 secs76
88Romain GrosjeanLotus-Renault53+33.1 secs134
910Lewis HamiltonMercedes53+33.5 secs122
105Jenson ButtonMcLaren-Mercedes53+38.3 secs91
117Kimi RäikkönenLotus-Renault53+38.6 secs11
126Sergio PerezMcLaren-Mercedes53+39.7 secs8
1312Esteban GutierrezSauber-Ferrari53+40.8 secs16
1416Pastor MaldonadoWilliams-Renault53+49.0 secs14
1517Valtteri BottasWilliams-Renault53+56.8 secs18
1615Adrian SutilForce India-Mercedes52+1 Lap17
1720Charles PicCaterham-Renault52+1 Lap20
1821Giedo van der GardeCaterham-Renault52+1 Lap19
1922Jules BianchiMarussia-Cosworth52+1 Lap21
2023Max ChiltonMarussia-Cosworth52+1 Lap22
Ret18Jean-Eric VergneSTR-Ferrari14+39 Laps10
Ret14Paul di RestaForce India-Mercedes0Accident15

Fonte tempi: formula1.com

Aggiornamenti in seguito

Seguite la nostra discussione sul Forum relativa ai commenti del Gp d’Italia 2013

P300 MAGAZINE

Continua a seguirci

Avatar of Alessandro Secchi
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

P300 MAGAZINE

NEWSLETTER

ULTIMI ARTICOLI

GRUPPI AMICI

Telegram | Passione Motorsport

ALTRI DALL'AUTORE

P300 MAGAZINE

Continua a seguirci